'NDRANGHETA - 15 arresti per un fiume di droga che passava dal Canavese - FOTO e VIDEO DELLA GUARDIA DI FINANZA

| Il capo del sodalizio, residente in Canavese, č latitante, colpito da mandato di arresto europeo in relazione ad una precedente condanna, ad oltre 13 anni di reclusione

+ Miei preferiti
NDRANGHETA - 15 arresti per un fiume di droga che passava dal Canavese - FOTO e VIDEO DELLA GUARDIA DI FINANZA
Sono 150 i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino, da ieri impegnati sull’intero territorio nazionale in una vasta operazione volta a smantellare una delle più grosse organizzazioni di narcotrafficanti presenti in Italia, con base operativa in provincia di Torino ed importanti ramificazioni nelle province di Milano e Reggio Calabria, che, attraverso uno strutturato traffico internazionale di stupefacenti, organizzava imponenti spedizioni di cocaina dal Sudamerica garantendo, in questo modo, cospicue e costanti forniture per le cosche di ’ndrangheta operanti in Piemonte, Lombardia e Calabria.
 
L’operazione ha portato all’esecuzione, da parte dei Finanzieri del Nucleo Polizia Tributaria Torino di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 15 esponenti del sodalizio criminale. Otto persone sono state tratte in arresto, di cui sette in Italia, tra le province di Torino, Milano e Reggio Calabria, ed una in Portogallo, con la collaborazione della polizia giudiziaria lusitana, mentre per 7 indagati, di cui tre di nazionalità brasiliana, sono tuttora in corso le ricerche volte al loro rintraccio anche all’estero.
 
In particolare, le Fiamme Gialle sono riuscite a ricostruire, in maniera analitica, attraverso intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche, le rotte delle ingenti partite di droga destinate in Italia, che hanno interessato Brasile, Perù, Spagna e Portogallo. All’esito delle investigazioni, è emerso che l’organizzazione delinquenziale, in soli cinque mesi, è riuscita ad importare dall’America Latina circa una tonnellata di cocaina purissima. La droga sequestrata, una volta tagliata ed immessa sul mercato al dettaglio, avrebbe fruttato ai criminali circa 35 milioni di euro. 
 
AI vertice dell’associazione per delinquere, gerarchicamente organizzata, A.N., 57enne di origine calabrese, residente a San Giusto Canavese, ma attualmente latitante all’estero, il quale, grazie a contatti diretti intrattenuti, da un lato con produttori e narcotrafficanti sudamericani e dall’altro con elementi di spicco della ‘ndrangheta operanti in Italia, è riuscito, ponendosi come referente affidabile e competitivo per le altre organizzazioni criminali operanti sul territorio, ad organizzare, insieme alla moglie, ai due figli ed a taluni uomini di fiducia, le consistenti importazioni di cocaina utilizzando container stivati a bordo di navi mercantili. 
 
Le imbarcazioni, dopo aver toccato i porti dell’Africa e della Spagna, giungevano nel porto di Gioia Tauro (RC), dove alcuni membri dell’organizzazione, contigui alla famiglia ’ndranghetista dei “Pesce” di Rosarno (RC), si occupavano del recupero del carico e del successivo frazionamento di ciascuna partita di droga (in genere, da 100 o 200 kg) tra le ’ndrine operanti in Piemonte (locale di Volpiano), Lombardia (locale di Trezzano Sul Naviglio - Buccinasco) e Calabria (le famiglie di Platì e Rosarno). Il capo del sodalizio è già ricercato poiché colpito da mandato di arresto europeo in relazione ad una precedente condanna, ad oltre 13 anni di reclusione, inflitta dalla Corte di Appello di Torino per traffico internazionale di droga. Tuttavia, nel corso del procedimento penale per la consegna all’Italia dell’arrestato, quest’ultimo, rimesso in libertà in attesa della definizione delle procedure, si è dato alla fuga, risultando tuttora latitante.
 
Nel corso dell’intervento sono state eseguite numerose perquisizioni, sia locali sia domiciliari, a seguito delle quali sono stati rinvenuti e sequestrati circa 4.000.000 di euro in denaro contante, il “tesoro” dell’organizzazione, verosimilmente costituito dai profitti derivanti dal traffico di droga, abilmente sotterrato nel giardino della lussuosa villa di famiglia del capo dell’associazione per delinquere, ubicata a San Giusto Canavese (TO), 26 Rolex, unitamente ad altri orologi di pregio, gioielli e preziosi. Il valore complessivo dei beni mobili ed immobili cautelati è di circa 8 milioni di euro.
Video
Galleria fotografica
NDRANGHETA - 15 arresti per un fiume di droga che passava dal Canavese - FOTO e VIDEO DELLA GUARDIA DI FINANZA - immagine 1
NDRANGHETA - 15 arresti per un fiume di droga che passava dal Canavese - FOTO e VIDEO DELLA GUARDIA DI FINANZA - immagine 2
NDRANGHETA - 15 arresti per un fiume di droga che passava dal Canavese - FOTO e VIDEO DELLA GUARDIA DI FINANZA - immagine 3
NDRANGHETA - 15 arresti per un fiume di droga che passava dal Canavese - FOTO e VIDEO DELLA GUARDIA DI FINANZA - immagine 4
Dove è successo
Cronaca
VEROLENGO - Vandali devastano l'ex casa cantoniera: denunciati
VEROLENGO - Vandali devastano l
Il gruppo č stato identificato e denunciato dai militari dell'Arma. Sono quattro studenti, di etą compresa tra i 16 e i 17 anni
LEINI - Ruba cinque bottiglie di champagne al Pam: arrestata
LEINI - Ruba cinque bottiglie di champagne al Pam: arrestata
Scappata dal centro commerciale ha avuto la sfortuna di imbattersi in una pattuglia dei carabinieri. Si č dileguato il complice
IVREA - Vandali usano gli estintori sulle auto: la Lega va all'attacco
IVREA - Vandali usano gli estintori sulle auto: la Lega va all
Episodi al Bennet e nell'area del Movicentro. Il carroccio chiede l'intervento dell'amministrazione contro i vandali di turno
IVREA - Carnevale con il corteo a numero chiuso: nessun passo indietro
IVREA - Carnevale con il corteo a numero chiuso: nessun passo indietro
La Mugnaia dello Storico Carnevale edizione 2018 sarą la prima a dover percorrere la cittą con il corteo storico ridotto
VALPRATO SOANA - Sicuri con la neve: a lezione dal soccorso alpino
VALPRATO SOANA - Sicuri con la neve: a lezione dal soccorso alpino
L'edizione 2018 di Sicuri con la neve si svolgerą il 21 gennaio a Piamprato Soana, nel cuore del Parco nazionale Gran Paradiso
CANAVESE - Le lasciano un tampone nell'addome: giovane mamma presenta un esposto alla procura di Ivrea
CANAVESE - Le lasciano un tampone nell
Una trentenne di Foglizzo ha presentato un esposto alla procura di Ivrea, al momento contro ignoti, per le complicanze post parto forse provocate da un tampone. La donna ha partorito una splendida bimba ad ottobre all'ospedale di Chivasso
LEINI - Code e caos sulla 460 a causa del cantiere aperto a sorpresa
LEINI - Code e caos sulla 460 a causa del cantiere aperto a sorpresa
A causa della sistemazione dei giunti del viadotto si viaggia a senso unico alternato: traffico regolato da semaforo
IVREA - Per lo storico carnevale solo arance «lontane» dalla mafia
IVREA - Per lo storico carnevale solo arance «lontane» dalla mafia
Il protocollo Arance Frigie tra gli esempi virtuosi di lotta alle infiltrazioni mafiose nella filiera produttiva agroalimentare
SAN BENIGNO - Pecore trovate morte in un campo: scatta l'allarme
SAN BENIGNO - Pecore trovate morte in un campo: scatta l
Le carcasse degli animali, come da prassi, sono state affidate ai veterinari dell'Asl To4 e del centro di zooprofilassi di Torino
IVREA - Vende profumi falsi al mercato: ambulante incassa 5000 euro di multa e una denuncia
IVREA - Vende profumi falsi al mercato: ambulante incassa 5000 euro di multa e una denuncia
Sul finire del 2017 un'indagine della guardia di finanza di ha portato alla denuncia di otto canavesani a Rivarolo, Feletto, Cuorgnč, Ivrea, Castellamonte, Romano e Burolo per la vendita on line di abbigliamento farlocco
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore