OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - «Chiamo i carabinieri e vi denuncio»: le ultime parole di Gloria Rosboch

| Gabriele Defilippi, nel corso dei colloqui che hanno portato alla perizia psichiatrica, ha raccontato nuovamente tutti i dettagli di quello che è successo con la professoressa di Castellamonte. Compresa la dinamica del delitto

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - «Chiamo i carabinieri e vi denuncio»: le ultime parole di Gloria Rosboch
«Riassumendo e concludendo è possibile affermare che non si è venuti a conoscenza di elementi per ritenere che, al momento dei fatti, Gabriele Defilippi non fosse in grado di intende o di volere. Gabriele Defilippi è apparso attualmente capace di stare in giudizio». Con queste parole si conclude la perizia psichiatrica che il professor Franco Freilone, per conto del giudice di Ivrea, Alessandro Scialabba, ha eseguito su Gabriele Defilippi, reoconfesso assassino della professoressa Gloria Rosboch di Castellamonte. Nero su bianco: è un parere che avvicina Defilippi all'ergastolo.
 
La perizia è stata redatta a seguito dei cinque incontri con il giovane avvenuti in carcere tra il marzo e il maggio di quest'anno. Ne è emerso un quadro a tratti noto: Defilippi si sente un po' uomo e un po' donna e subisce gli atteggiamenti dei compagni di scuola a Castellamonte. Circostanza che lo convince a costruirsi diverse identità farlocche su internet. Quando inizia a conoscere il mondo delle discoteche, inizia anche a fare uso di stupefacenti. Una dipendenza che diventa sempre più pesante nel corso degli anni. Per mantenere quel tenore di vita, però, servono soldi. Così Defilippi si ispira a una serie di truffe che, a suo dire, «sono consuete in Canavese». Fa mettere nero su bianco l'intera storia che lo ha portato all'omicidio di Gloria Rosboch. Con dettagli che, forse, non aveva mai raccontato nemmeno agli inquirenti.
 
Il quadro complessivo è ancora una volta disarmante. Defilippi conferma che lui e il complice Roberto Obert, il 54enne di Forno Canavese che è stato come un padre, non volevano uccidere la Rosboch. Volevano solo spaventarla per convincerla a rititare la denuncia presentata per farsi restituire 187 mila euro. Soldi che, l'anno prima, Gloria aveva consegnato a Gabriele con la promessa di un investimento immobiliare in Costa Azzurra e di una nuova vita. In realtà quei soldi se ne sono poi andati in casinò e droga. «Nella testa sapevo di avere un piede nella fossa», racconta Defilippi in merito alla lettera dell'avvocato dei Rosboch che chiede indietro i 187 mila euro.
 
E' allora che il giovane mette in atto il suo piano. Si arma «con un filo per stendere i panni comprato in un supermercato», racconta il 24enne, poi va con Obert alla discarica di Rivara dove tentano di spaventare Gloria. I due hanno anche una valigetta con 55 mila euro e il resto in banconote fac-simile. Quando la Rosboch si rende conto del raggiro, Defilippi entra in azione e strangola la donna. «Si è sentita raggirata, si è accorta delle banconote fasulle - racconta l'omicida - dice "Chiamo i carabinieri e vi denuncio". Io prendo il cordino che ho nelle tasche e l'ho cinto al collo». Il resto è la storia nota di uno dei delitti più efferati mai avvenuti in Canavese.
Cronaca
TORRAZZA - Un colpo d'arma da fuoco contro la porta di una villetta
TORRAZZA - Un colpo d
I carabinieri di Chivasso stanno cercando di fare luce sullo strano episodio: il colpo esploso contro la casa di due commercianti
BUSANO-FAVRIA - Auto finisce nel fosso: protestano i residenti
BUSANO-FAVRIA - Auto finisce nel fosso: protestano i residenti
Ancora un incidente stradale sulla provinciale che collega Busano con Favria. Residenti stufi: «Auto troppo veloci ma nessuno fa nulla»
CALUSO - Chili di droga in casa, denunciato un 50enne di frazione Vallo
CALUSO - Chili di droga in casa, denunciato un 50enne di frazione Vallo
L'uomo, indagato, al momento si troverebbe all'estero. Le indagini dei carabinieri e della procura di Ivrea sono comunque in corso
CANDIA - Turismo verde al lago tra paesaggi, natura e storia
CANDIA - Turismo verde al lago tra paesaggi, natura e storia
Il parco del Lago di Candia e parco Colle del Lys sono due importanti punti di riferimento per l'estate turistica del nostro territorio
TRAVERSELLA - Il 15 settembre l'evento “1959-2019 - LE AMETISTE DI TRAVERSELLA”
TRAVERSELLA - Il 15 settembre l
L’evento vuol ricordare la vita di miniera, permettere ai visitatori di scoprire l’allestimento museale ma, soprattutto, vuol riportare alla memoria la scoperta del geode vergine e interamente riempito di cristalli di quarzo ametista
TORINO-CASELLE - Chiusa per lavori l'uscita della tangenziale sulla provinciale 711 del “Villaretto”
TORINO-CASELLE - Chiusa per lavori l
Dal 28 agosto al 6 settembre per lavori di manutenzione straordinaria della pavimentazione
CIRIE' - Modifiche alla viabilità in Via Viola e strada Crotti
CIRIE
Dal 26 agosto al 29 settembre a causa di lavori da parte di SMAT la viabilità sarà modifica
FORNO CANAVESE - L'inciviltà non passa mai di moda
FORNO CANAVESE - L
Riceviamo da un nostro lettore una fotografia che non ha bisogno di alcuna spiegazione
METEO - Sabato all'insegna dell'instabilità ma cielo sereno domenica
METEO - Sabato all
Nel pomeriggio di sabato potrebbero verificarsi rovesci sparsi nelle zone pedemontane, ma domenica il sole splenderà in tutto il Canavese
CERESOLE REALE - Grande successo per il romanzo "Il vecchio e l'aquila" di Marco Rolando
CERESOLE REALE - Grande successo per il romanzo "Il vecchio e l
Tour di presentazioni dentro e fuori i confini canavesani e grandi consensi per il nuovo romanzo di Marco Rolando, che svolge il suo racconto attorno a Ceresole Reale
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore