OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch ha tentato di scappare prima di essere uccisa?

| Quando Gabriele Defilippi e Roberto Obert le hanno stretto un cavo attorno al collo per ucciderla, la professoressa potrebbe aver reagito. E' l'ipotesi sulla quale stanno lavorando i carabinieri del Ris di Parma

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch ha tentato di scappare prima di essere uccisa?
Gloria Rosboch ha tentato di scappare quando Gabriele Defilippi e Roberto Obert le hanno stretto un cavo attorno al collo per ucciderla. E' l'ipotesi sulla quale stanno lavorando i carabinieri del Ris di Parma dopo che gli accertamenti tecnici eseguiti sulla Renault Twingo di Roberto Obert hanno scoperto una fenditura nel parabrezza dell'auto stessa. Proprio in prossimità del lato passeggero, dove era seduta Gloria Rosboch secondo il racconto fornito ai carabinieri da Defilippi e Obert. Sul quel vetro ci sarebbero impronte digitali e tracce biologiche. Entro un mese il Ris terminerà gli accertamenti tecnici. Obert, quel parabrezza, aveva deciso di sostituirlo proprio ai primi di febbraio.
 
Ma gli addetti del centro specializzato di Rivarolo Canavese, prima di destinarlo allo smaltimento, pensando che potesse essere utile alle indagini, hanno chiamato i carabinieri che, come da prassi, lo hanno posto sotto sequestro. Poi il parabrezza è stato inviato al Ris di Parma. Obert, l'amante-complice di Gabriele Defilippi, si è comunque giustificato davanti al procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando: «Avevo preso una pietra e ho deciso di cambiare il parabarezza». Circostanza da verificare perchè se la fenditura nel vetro parte dall'interno, difficile possa essersi trattato di una pietra...
 
L'ipotesi della procura, a questo punto, se la fenditura dovesse essere compatibile con una reazione di Gloria Rosboch nelle fasi immediatamente precedenti all'omicidio, andrebbe a scardinare una delle certezze sulle quali, fin qui, si sono basate le indagini. Sia Defilippi che Obert, pur rimpallandosi le responsabilità dello strangolamento della povera professoressa, hanno infatti raccontato che la donna è stata uccisa da chi era seduto sul sedile posteriore della Twingo. Sia Defilippi che Obert hanno ribadito che la Rosboch non ha fatto in tempo a dimenarsi o a parlare, presa di sorpresa alle spalle. Questo avrebbe permesso a uno solo degli assassini di completare materialmente lo strangolamento.
 
La fenditura nel vetro, invece, potrebbe rivelare una reazione della donna che, vista la posizione e le possibilità di movimento, non sarebbe stata uccisa unicamente da chi era seduto sul sedile posteriore. Un'eventuale reazione, infatti, avrebbe costretto l'autista della Twingo a intervenire per bloccare il dimenarsi della donna. In tal caso, Defilippi e Obert hanno volutamente omesso questo particolare per tentare di alleggerire la rispettiva posizione (almeno ipoteticamente) in sede di processo. Mercoledì prossimo, a Ivrea, il confronto tra Obert e Defilippi.
Dove è successo
Cronaca
CUORGNE' - In 2000 a Villa Filanda per il May Day 2017
CUORGNE
Quest'anno la lineup musicale ha proposto: John Holland Experience, Duo Bucolico, Piotta e Flaminio Maphia
IVREA - Tenta di soffocarsi con un sacchetto di plastica: salvata dal maresciallo dei carabinieri
IVREA - Tenta di soffocarsi con un sacchetto di plastica: salvata dal maresciallo dei carabinieri
La donna ha tentato di togliersi la vita soffocandosi con un sacchetto di plastica in testa. Dopo il rocambolesco intervento dei militari dell'Arma la donna è stata accompagnata al pronto soccorso di Ivrea
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
«Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell'Anffas - FOTO
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell
La fondazione La Torre-Anffas, nata nel 1985 da un progetto della Regione, assiste numerosi pazienti nella sede rivarolese
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
In queste ore l'influenza di un promontorio di alta pressione esteso dal Nord Africa fino alla Penisola Scandinava, garantisce giorni soleggiati e un aumento delle temperature massime
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
Il progetto è cofinanziato da Comune di Caselle, Cim di Mappano, Compagnia di San Paolo e associazione Sinapsi
IVREA - Core festeggia i vent'anni di attività al castello di Masino
IVREA - Core festeggia i vent
L’azienda si è caratterizzata per la capacità di seguire le evoluzioni del mercato informatico, superando gli anni di crisi
AGLIE' - Muore in casa a 38 anni: ritrovato dai carabinieri
AGLIE
Si tratta di una persona nota in paese, più volte finito alla ribalta delle cronache. Anni fa aveva salvato i vicini da un incendio
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
Un bimbo di sei anni morto nell'incidente. Al volante dell'auto il pilota Cristian Milano, 47 anni, di Prascorsano, colto da un malore durante la gara. Tanti sportivi si sono stretti al dolore della famiglia del piccolo
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - Muore un bimbo travolto da un'auto: la procura di Ivrea apre un'inchiesta - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
Un'auto impegnata nella corsa è uscita di strada travolgendo un'intera famiglia. L'inchiesta è stata affidata al pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono in corso a cura dei carabinieri
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore