OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch ha tentato di scappare prima di essere uccisa?

| Quando Gabriele Defilippi e Roberto Obert le hanno stretto un cavo attorno al collo per ucciderla, la professoressa potrebbe aver reagito. E' l'ipotesi sulla quale stanno lavorando i carabinieri del Ris di Parma

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch ha tentato di scappare prima di essere uccisa?
Gloria Rosboch ha tentato di scappare quando Gabriele Defilippi e Roberto Obert le hanno stretto un cavo attorno al collo per ucciderla. E' l'ipotesi sulla quale stanno lavorando i carabinieri del Ris di Parma dopo che gli accertamenti tecnici eseguiti sulla Renault Twingo di Roberto Obert hanno scoperto una fenditura nel parabrezza dell'auto stessa. Proprio in prossimità del lato passeggero, dove era seduta Gloria Rosboch secondo il racconto fornito ai carabinieri da Defilippi e Obert. Sul quel vetro ci sarebbero impronte digitali e tracce biologiche. Entro un mese il Ris terminerà gli accertamenti tecnici. Obert, quel parabrezza, aveva deciso di sostituirlo proprio ai primi di febbraio.
 
Ma gli addetti del centro specializzato di Rivarolo Canavese, prima di destinarlo allo smaltimento, pensando che potesse essere utile alle indagini, hanno chiamato i carabinieri che, come da prassi, lo hanno posto sotto sequestro. Poi il parabrezza è stato inviato al Ris di Parma. Obert, l'amante-complice di Gabriele Defilippi, si è comunque giustificato davanti al procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando: «Avevo preso una pietra e ho deciso di cambiare il parabarezza». Circostanza da verificare perchè se la fenditura nel vetro parte dall'interno, difficile possa essersi trattato di una pietra...
 
L'ipotesi della procura, a questo punto, se la fenditura dovesse essere compatibile con una reazione di Gloria Rosboch nelle fasi immediatamente precedenti all'omicidio, andrebbe a scardinare una delle certezze sulle quali, fin qui, si sono basate le indagini. Sia Defilippi che Obert, pur rimpallandosi le responsabilità dello strangolamento della povera professoressa, hanno infatti raccontato che la donna è stata uccisa da chi era seduto sul sedile posteriore della Twingo. Sia Defilippi che Obert hanno ribadito che la Rosboch non ha fatto in tempo a dimenarsi o a parlare, presa di sorpresa alle spalle. Questo avrebbe permesso a uno solo degli assassini di completare materialmente lo strangolamento.
 
La fenditura nel vetro, invece, potrebbe rivelare una reazione della donna che, vista la posizione e le possibilità di movimento, non sarebbe stata uccisa unicamente da chi era seduto sul sedile posteriore. Un'eventuale reazione, infatti, avrebbe costretto l'autista della Twingo a intervenire per bloccare il dimenarsi della donna. In tal caso, Defilippi e Obert hanno volutamente omesso questo particolare per tentare di alleggerire la rispettiva posizione (almeno ipoteticamente) in sede di processo. Mercoledì prossimo, a Ivrea, il confronto tra Obert e Defilippi.
Cronaca
BORGARO - Troppo lavoro: i vigili urbani scioperano di nuovo
BORGARO - Troppo lavoro: i vigili urbani scioperano di nuovo
Tra le motivazioni i carichi di lavoro, tensione nel comando, ambiente insostenibile, richieste di trasferimento negate
IVREA - Alberi pericolosi da abbattere: i lavori dal 21 gennaio
IVREA - Alberi pericolosi da abbattere: i lavori dal 21 gennaio
Da lunedì verrà eseguito un intervento di abbattimento del primo filare di platani nei Giardini della stazione ferroviaria
BORGARO - Due donne rubano i soldi al bar, il titolare mette le foto su Facebook - FOTO
BORGARO - Due donne rubano i soldi al bar, il titolare mette le foto su Facebook - FOTO
Due donne, hanno approfittato di un momento di confusione all'interno del locale per impossessarsi del barattolo contenente le mance. Appena si sono accorti del furto, i titolari sono andati a visionare le immagini di videosorveglianza
ALLERTA INCENDI - 38 roghi da inizio anno: nessuna deroga al divieto di accendere fuochi
ALLERTA INCENDI - 38 roghi da inizio anno: nessuna deroga al divieto di accendere fuochi
Tutto il sistema operativo regionale Antincendi boschivi continua a essere allertato sull'intero territorio piemontese, pronto a intervenire in caso di necessità
IVREA - La rotonda costata 700 mila euro sarà smantellata?
IVREA - La rotonda costata 700 mila euro sarà smantellata?
Code e traffico in tilt in centro. «Colpa» della rotonda di porta Vercelli. Indagine del Comune in corso per nuove modifiche
IVREA - Vigili del fuoco in lutto per la tragica scomparsa di Ivan Ferrero
IVREA - Vigili del fuoco in lutto per la tragica scomparsa di Ivan Ferrero
Solo a notte fonda papà Luciano e mamma Nadia hanno ricevuto la tragica notizia direttamente dal comandante provinciale dei vigili del fuoco di Torino, Marco Frezza, che ha fatto loro visita a Saluggia
PASTORI MASSACRATI A CHIVASSO - La procura di Ivrea chiede un ergastolo e 57 anni di carcere
PASTORI MASSACRATI A CHIVASSO - La procura di Ivrea chiede un ergastolo e 57 anni di carcere
Alla sbarra Daniele Bergero, 26 anni di Front Canavese, Romano Bergero, 34 anni di Foglizzo, Piero Bergero, 31 anni di Oglianico, e Alex Bianciotto, 30 anni di Mercenasco. Le vittime furono uccise a Castelrosso il 24 ottobre del 2017
CALUSO - Pestano un 18enne per rubargli il computer: denunciati
CALUSO - Pestano un 18enne per rubargli il computer: denunciati
Lo scopo della «spedizione punitiva» sarebbe stato quello di recuperare un credito di droga. Indagini dei carabinieri in corso
IVREA - Grande successo per la Notte Nazionale del Classico - FOTO
IVREA - Grande successo per la Notte Nazionale del Classico - FOTO
Notte nazionale del Classico gremita di spettatori a Ivrea che hanno invaso «Palazzo degli Studi» che ospita il Liceo Botta
BELMONTE - Santuario aperto ma resta il «giallo» sui sacerdoti
BELMONTE - Santuario aperto ma resta il «giallo» sui sacerdoti
I dubbi sulla «fuga» dei tre sacerdoti dal santuario non si diradano. La diocesi di Torino assicura la presenza di religiosi
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore