OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch ha tentato di scappare prima di essere uccisa?

| Quando Gabriele Defilippi e Roberto Obert le hanno stretto un cavo attorno al collo per ucciderla, la professoressa potrebbe aver reagito. E' l'ipotesi sulla quale stanno lavorando i carabinieri del Ris di Parma

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Gloria Rosboch ha tentato di scappare prima di essere uccisa?
Gloria Rosboch ha tentato di scappare quando Gabriele Defilippi e Roberto Obert le hanno stretto un cavo attorno al collo per ucciderla. E' l'ipotesi sulla quale stanno lavorando i carabinieri del Ris di Parma dopo che gli accertamenti tecnici eseguiti sulla Renault Twingo di Roberto Obert hanno scoperto una fenditura nel parabrezza dell'auto stessa. Proprio in prossimità del lato passeggero, dove era seduta Gloria Rosboch secondo il racconto fornito ai carabinieri da Defilippi e Obert. Sul quel vetro ci sarebbero impronte digitali e tracce biologiche. Entro un mese il Ris terminerà gli accertamenti tecnici. Obert, quel parabrezza, aveva deciso di sostituirlo proprio ai primi di febbraio.
 
Ma gli addetti del centro specializzato di Rivarolo Canavese, prima di destinarlo allo smaltimento, pensando che potesse essere utile alle indagini, hanno chiamato i carabinieri che, come da prassi, lo hanno posto sotto sequestro. Poi il parabrezza è stato inviato al Ris di Parma. Obert, l'amante-complice di Gabriele Defilippi, si è comunque giustificato davanti al procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando: «Avevo preso una pietra e ho deciso di cambiare il parabarezza». Circostanza da verificare perchè se la fenditura nel vetro parte dall'interno, difficile possa essersi trattato di una pietra...
 
L'ipotesi della procura, a questo punto, se la fenditura dovesse essere compatibile con una reazione di Gloria Rosboch nelle fasi immediatamente precedenti all'omicidio, andrebbe a scardinare una delle certezze sulle quali, fin qui, si sono basate le indagini. Sia Defilippi che Obert, pur rimpallandosi le responsabilità dello strangolamento della povera professoressa, hanno infatti raccontato che la donna è stata uccisa da chi era seduto sul sedile posteriore della Twingo. Sia Defilippi che Obert hanno ribadito che la Rosboch non ha fatto in tempo a dimenarsi o a parlare, presa di sorpresa alle spalle. Questo avrebbe permesso a uno solo degli assassini di completare materialmente lo strangolamento.
 
La fenditura nel vetro, invece, potrebbe rivelare una reazione della donna che, vista la posizione e le possibilità di movimento, non sarebbe stata uccisa unicamente da chi era seduto sul sedile posteriore. Un'eventuale reazione, infatti, avrebbe costretto l'autista della Twingo a intervenire per bloccare il dimenarsi della donna. In tal caso, Defilippi e Obert hanno volutamente omesso questo particolare per tentare di alleggerire la rispettiva posizione (almeno ipoteticamente) in sede di processo. Mercoledì prossimo, a Ivrea, il confronto tra Obert e Defilippi.
Cronaca
CASTELLAMONTE - Droga in casa, 34enne italiano denunciato - VIDEO
CASTELLAMONTE - Droga in casa, 34enne italiano denunciato - VIDEO
Una persona denunciata e 240 grammi di marijuana sequestrati. È questo il bilancio dell’attività antidroga svolta nei giorni scorsi
VALPERGA - All'Ambra torna la rassegna dedicata al cinema d'essai
VALPERGA - All
Il calendario si compone di sei appuntamenti con cadenza settimanale dall'8 novembre al 13 dicembre ogni giovedì con biglietto ridotto ad euro 5 per tutti
OZEGNA - Operaio pestato davanti al pub: altre due condanne
OZEGNA - Operaio pestato davanti al pub: altre due condanne
Oggi la vittima vive con la moglie e la bambina che è nata proprio mentre era in coma, pochi giorni dopo il terribile pestaggio
CASELLE - Droga e bici «sospette» nel garage: un 32enne nei guai - FOTO
CASELLE - Droga e bici «sospette» nel garage: un 32enne nei guai - FOTO
Nel corso di un controllo, i militari dell'Arma hanno scoperto in un garage alla periferia di Caselle marijuana e diverse biciclette
IVREA - «Ancora in campo»: buone pratiche per essere in salute
IVREA - «Ancora in campo»: buone pratiche per essere in salute
Tutte le attività sono gratuite e riservate agli ultra sessantacinquenni residenti, previa iscrizione presso lo Sportello Anziani
SETTIMO TORINESE - Inaugurata la nuova sede della Polizia Stradale - FOTO e VIDEO
SETTIMO TORINESE - Inaugurata la nuova sede della Polizia Stradale - FOTO e VIDEO
I lavori, realizzati con Ativa, hanno permesso di recuperare un ex albergo vicino all'innesto della A4 Torino-Milano, della tangenziale e della A5 Torino-Aosta
LEINI - Negoziante picchiato con una sedia: due cinesi denunciati dai carabinieri
LEINI - Negoziante picchiato con una sedia: due cinesi denunciati dai carabinieri
Insulti, minacce e colpi di sedia in testa. E' stato ferito così, giovedì sera, un negoziante cinese di Leini, titolare di un bazar in via Lombardore. Identificati dai militari dell'Arma gli autori della «spedizione punitiva» nel negozio
IVREA - La serie tv del Canada cerca attori e comparse in Canavese
IVREA - La serie tv del Canada cerca attori e comparse in Canavese
Casting in Canavese per la serie tv canadese «Blood & Treasure». L'appuntamento è domenica 21 in sala Santa Marta
TORINO-CASELLE - Fuga a 150 chilometri l'ora: presi dalla polizia
TORINO-CASELLE - Fuga a 150 chilometri l
Arrestati per resistenza a pubblico ufficiale due italiani dopo un lungo inseguimento tra Borgaro e Venaria Reale
BRANDIZZO - Folla ai funerali del comandante dei vigili urbani - FOTO
BRANDIZZO - Folla ai funerali del comandante dei vigili urbani - FOTO
Una folla commossa, oggi, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria, ha tributato l'estremo saluto a Massimiliano Pirrazzo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore