OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi

| «Leggeremo le motivazioni e valuteremo cosa fare. Ma prima ci sarà il processo a Caterina Abbattista». Il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha commentato così la sentenza del gup Alessandro Scialabba sul caso Rosboch

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
La decisione di rinviare a giudizio Caterina Abbattista, la mamma di Gabriele Defilippi, il giovane condannato ieri a 30 anni di carcere per l’omicidio di Gloria Rosboch, secondo i legali della donna «è ingiusta». Lo ha sostenuto fuori dal palazzo di giustizia di Ivrea il difensore, l’avvocato Gian Paolo Zancan. «Sono certo – ha aggiunto l’avvocato – che la Corte d’assise metterà riparo a questo che, a nostro avviso, è un errore». Il processo alla Abbattista comincerà il 17 ottobre a Ivrea. La donna sarà processata per concorso in omicidio con rito ordinario.
 
«Leggeremo le motivazioni e valuteremo cosa fare. Ma prima ci sarà il processo a Caterina Abbattista». Il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha commentato così la sentenza del gup Alessandro Scialabba sul caso Rosboch. Secondo il procuratore capo eporediese, nella decisione del giudice di condannare Gabriele Defilippi a 30 anni e non all’ergastolo (come Ferrando aveva richiesto) potrebbe avere pesato «la giovane età dell’imputato». La procura ha comunque sottolineato che, come sostenuto sin dall'inizio, è rimasta anche nel giudizio la differenziazione tra le posizioni di Defilippi e del complice Roberto Obert, condannato a 19 anni.
 
 
Cronaca
VESTIGNE' - Bimbo di cinque anni investito da una Fiat Punto
VESTIGNE
Trasportato con l'elisoccorso al Regina Margherita in codice rosso: è stato intubato
PONTE PRETI - Bozzello tiene alta la guardia su mezzi pesanti e viabilità
PONTE PRETI - Bozzello tiene alta la guardia su mezzi pesanti e viabilità
26.000 firme raccolte e nulla si è ancora mosso: il ponte è stato dichiarato sicuro, ma nulla si è mosso sul fronte della viabilità
AGLIE' - Visita della giuria "Comuni Fioriti" per l'assegnazione del Marchio di Qualità
AGLIE
Il concorso si trasforma in una prestigiosa certificazione di qualità dell'ambiente di vita, valutando accoglienza, benessere, rispetto ed armonia
CANAVESE - Uncem richiama l'attenzione degli operatori sul problema del segnale telefonico in aree montane
CANAVESE - Uncem richiama l
Parliamo sempre più spesso di 5G e interconnessione tra i dispositivi digitali, ma nelle zone montane la difficoltà è spesso fare una telefonata
CASELLE - Nuova rotta Torino Kyev operata da SkyUP
CASELLE - Nuova rotta Torino Kyev operata da SkyUP
L'Aeroporto di Torino amplia il proprio network di destinazioni servite con volo diretto e aggiunge un nuovo collegamento con Kiev, la capitale dell'Ucraina, servito dal vettore low-cost SkyUp Airlines.
CANAVESE - Nessuna misura anomala di radioattività fino ad ora rilevata in Piemonte
CANAVESE - Nessuna misura anomala di radioattività fino ad ora rilevata in Piemonte
In seguito al grave incidente nucleare di Severodvinsk, sito militare russo specializzato nella costruzione e manutenzione di sottomarini nucleari.
CASELLE - I risultati dell'operazione Re Mida della Guardia di Finanza di Torino
CASELLE - I risultati dell
Oltre 11 milioni di euro monitorati e centinaia di migliaia di euro di sanzioni e sequestri da parte della GdF in materia di circolazione transfrontaliera di valute
LOCANA - Canyonista francese ferita messa in salvo dal Soccorso Alpino
LOCANA - Canyonista francese ferita messa in salvo dal Soccorso Alpino
Difficile intervento di recupero di una turista francese fratturatosi una caviglia durante una discesa con il kayak
CASTELLAMONTE - Le condoglianze del sindaco di Castellamonte Mazza per la scomparsa di Martini
CASTELLAMONTE - Le condoglianze del sindaco di Castellamonte Mazza per la scomparsa di Martini
Condoglianze per la scomparsa di Marcello da parte del primo cittadino castellamontese
CASTELLAMONTE - Commosso addio a Marcello Martini, reduce di Mathausen
CASTELLAMONTE - Commosso addio a Marcello Martini, reduce di Mathausen
Nel giugno del 1944, ancora quattordicenne, fu catturato dagli SS e deportato dei lager nazisti assieme a tutta la sua familia
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore