OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Gabriele dal carcere: «Adesso voglio solo morire»

| I legali chiederanno la scarcerazione della madre, Caterina Abbattista. Come richiesto dall'avvocato Pierfranco Bertolino, Defilippi sarà esaminato dal dottor Enzo Villari, primario di psichiatria delle Molinette

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Gabriele dal carcere: «Adesso voglio solo morire»
«Voglio solo morire». Così Gabriele Defilippi dal carcere torinese delle Vallette dove è detenuto da venerdì scorso, quando il complice Roberto Obert ha fatto trovare il corpo senza vita della professoressa Gloria Rosboch, la 49enne di Castellamonte uccisa lo scorso 13 gennaio a Rivara. L'altra mattina Gabriele, l'ex allievo diabolico, avrebbe tentato maldestramente il suicidio, annodando la canottiera al termosifone. Circostanza raccontata dal legale ma non confermata dalla polizia penitenziaria. Per il momento Defilippi è rinchiuso in isolamento, nella cella riservata alle persone pericolose. Sorvegliato a vista 24 ore su 24. Non mangia e non ha avuto modo di cambiarsi da una settimana a questa parte dal momento che nessuno dei parenti è disposto ad aiutarlo. 

Come richiesto dall'avvocato Pierfranco Bertolino, Defilippi sarà esaminato dal dottor Enzo Villari, primario di psichiatria dell’ospedale delle Molinette di Torino. Pare che Gabriele, quando aveva sedici anni, fosse già in cura al servizio di psicologia di Castellamonte del Ciss 38 di Cuorgnè. Circostanza emersa da una vecchia causa che la madre, Caterina Abbattista, aveva intentato davanti al giudice di pace cuorgnatese contro l'ex compagno. Alle Vallette, oltre ai sintomi di una personalità fortemente disturbata, secondo i legali Defilippi mostrerebbe sintomi precisi di una sofferenza psichica.
 
L’avvocato Matteo Grognardi, intanto, legale della madre di Defilippi, ne chiederà la scarcerazione al tribunale del riesame con la speranza di ottenere almeno gli arresti domiciliari. Ma se è vero che, allo stato attuale, la Abbattista non sembra avere legami diretti con la scena dell'omicidio, è altrettanto vero che ha mentito ai carabinieri quando ha raccontato i suoi movimenti del 13 gennaio. Qualcosa, insomma, non torna. 
Dove è successo
Cronaca
TRAGEDIA AL RALLY DI COASSOLO - INDAGATI IL PILOTA E ANCHE I GENITORI DEL BIMBO MORTO - VIDEO DELL'INCIDENTE
TRAGEDIA AL RALLY DI COASSOLO - INDAGATI IL PILOTA E ANCHE I GENITORI DEL BIMBO MORTO - VIDEO DELL
Svolta nell'inchiesta sulla tragedia di Coassolo. La procura di Ivrea, come atto dovuto, ha iscritto nel registro degli indagati diverse persone coinvolte nello schianto che è costato la vita a un bimbo di sei anni
SETTIMO - Neonato abbandonato in strada muore in ospedale. La procura di Ivrea apre un'inchiesta
SETTIMO - Neonato abbandonato in strada muore in ospedale. La procura di Ivrea apre un
Lo ha trovato un uomo che stava tornando dal lavoro. E' stato lui a chiamare immediatamente il 112. Il bimbo, probabilmente appena partorito, è stato lasciato sul ciglio della strada. E' morto al Regina Margherita poco dopo
CUORGNE' - Un aiuto a Cittareale, paese colpito dal terremoto
CUORGNE
Un concerto fortemente voluto dalla Società Filarmonica di Salassa e dai gruppi di protezione civile del territorio
RIVARA - Premiati i donatori Fidas: record di 125 donazioni
RIVARA - Premiati i donatori Fidas: record di 125 donazioni
Fidas di Rivara in festa, la scorsa settimana, per premiare i soci che hanno donato il sangue
INCIDENTE MORTALE AL RALLY - Indagine per omicidio colposo: in un video amatoriale la scena dello schianto
INCIDENTE MORTALE AL RALLY - Indagine per omicidio colposo: in un video amatoriale la scena dello schianto
Resta per il momento a carico di ignoti il fascicolo per omicidio colposo aperto dalla procura di Ivrea sull'incidente al rally "Città di Torino" che, sabato a Coassolo, è costato la vita a un bambino di sei anni. Novità da un video
IVREA - Apre il punto ascolto per chi si prende cura dei malati
IVREA - Apre il punto ascolto per chi si prende cura dei malati
Destinato ai «caregiver» di persone con problemi cognitivi, istituito in forma sperimentale nell'ambito del Distretto
CASTELLAMONTE - Piccoli artisti della ceramica crescono... bene!
CASTELLAMONTE - Piccoli artisti della ceramica crescono... bene!
Gli alunni della sezione Design Ceramica del liceo Faccio si distinguono al concorso nazionale di scultura Nanni Valentini
VOLPIANO - Lavoratori della Securpolice bloccano per protesta il polo logistico Lidl di via Venezia - FOTO
VOLPIANO - Lavoratori della Securpolice bloccano per protesta il polo logistico Lidl di via Venezia - FOTO
Questa mattina fino alle 12 i dipendenti esasperati dalla situazione hanno bloccato 70 camion in uscita con i prodotti destinati alle filiali piemontesi. Mercoledì a Torino incontro urgente per trovare una rapida soluzione
CUORGNE' - In 2000 a Villa Filanda per il May Day 2017
CUORGNE
Quest'anno la lineup musicale ha proposto: John Holland Experience, Duo Bucolico, Piotta e Flaminio Maphia
IVREA - Tenta di soffocarsi con un sacchetto di plastica: salvata dal maresciallo dei carabinieri
IVREA - Tenta di soffocarsi con un sacchetto di plastica: salvata dal maresciallo dei carabinieri
La donna ha tentato di togliersi la vita soffocandosi con un sacchetto di plastica in testa. Dopo il rocambolesco intervento dei militari dell'Arma la donna è stata accompagnata al pronto soccorso di Ivrea
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore