OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - La mamma: «Spero che soffrano come abbiamo sofferto noi»

| Questa mattina le convalide degli arresti in carcere a Ivrea. Ieri a Cuorgnè, mamma Marisa e papà Ettore hanno visto il corpo della figlia in ospedale. La città di Castellamonte proclama il lutto cittadino

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - La mamma: «Spero che soffrano come abbiamo sofferto noi»
«Spero che chi l'ha ammazzata soffra quanto abbiamo sofferto noi». Mamma Marisa esce dalle camere mortuarie dell'ospedale di Cuorgnè, dove ha appena visto il corpo della sua unica figlia, e rivolge un pensiero a Gabriele e Roberto. Quelli che secondo la procura di Ivrea e i carabinieri del nucleo investigativo hanno ucciso Gloria Rosboch il 13 gennaio, strangolandola in auto e gettandola in una vasca di decantazione del percolato nell'ex discarica di Rivara. «Ma che persone sono quelle che uccidono per soldi una ragazza indifesa? - si chiede la madre di Gloria - ho paura di questo mondo dove si arriva per niente a toccare anche la vita delle persone che è sacra».

Marisa Mores aveva intuito già un mese fa che la sua unica figlia non sarebbe mai più tornata a casa. Lo aveva detto chiaro e tondo anche al maresciallo dei carabinieri che più volte le aveva fatto visita nei primi giorni dopo la scomparsa. «Nel nostro cuore sapevamo che era stato lui - aggiunge tra le lacrime - avevamo paura per lei, facevamo bene a temere un incontro tra loro due. Più di una volta l’avevo avvertita: se devi incontrare Gabriele, dimmelo. Vengo anche io. Non è servito a niente». La rabbia è enorme, anche perché Gabriele era stato accolto in casa Rosboch come un ospite speciale. «Era gentile. Mai una parola fuori posto».

In questo mese abbondante di angoscia lei e il marito Ettore lo hanno ripetuto decine di volte: «Gabriele, fatti sentire. Spiegaci che cosa è successo. Fatti avanti se sai qualcosa». Ma dall’altra parte, solo silenzio. Un silenzio denso di menzogne. «Proclameremo il lutto cittadino il giorno dei funerali di Gloria. Questo è un dramma che sta vivendo tutta la città. Faremo il possibile per stare vicino alla famiglia». Il sindaco Paolo Mascheroni ha deciso. In qualche modo, la città della ceramica farà suo il dolore con il quale, amici e parenti di Gloria, hanno convissuto per oltre un mese.

Questa mattina, dalle 9, le convalide degli arresti in carcere a Ivrea. Compariranno davanti al Gip eporediese Gabriele Defilippi, Roberto Obert e la madre di Gabriele, Caterina Abbattista, fermati venerdì dopo che Obert ha indicato ai carabinieri dove era stata nascosta Gloria dopo l'omicidio.

Dove è successo
Cronaca
IVREA - Da lunedì per gli eporediesi c'è la carta d'identità elettronica
IVREA - Da lunedì per gli eporediesi c
Le precedenti carte di identità cartacee continuano ad essere valide sino alla scadenza naturale. Tutte le info in municipio
VALLE SACRA - A Castellamonte il concorso nazionale «Michele Romana»
VALLE SACRA - A Castellamonte il concorso nazionale «Michele Romana»
Domenica 22 ottobre alle 9.30 inizierà la sfilata delle bande musicali per le vie di Castellamonte con ospite la banda «Città di Accumoli»
IVREA - La banda dei rapinatori «figli di papà»: arrestati dalla polizia e condannati in tribunale - VIDEO
IVREA - La banda dei rapinatori «figli di papà»: arrestati dalla polizia e condannati in tribunale - VIDEO
Una vera e propria stangata sulla «banda della Mito», battezzata così dalla polizia perché dopo i colpi uno di membri del gruppo si era vantato su Facebook pubblicando la foto dell'auto utilizzata per la rapina...
TORINO-CASELLE - Inneggia agli jihadisti: un algerino espulso
TORINO-CASELLE - Inneggia agli jihadisti: un algerino espulso
Era stato denunciato dalla Digos di Catania mesi fa con l'accusa di «istigazione a commettere delitti di terrorismo»
RIVARA - Presentata la nuova stagione teatrale
RIVARA - Presentata la nuova stagione teatrale
Come ogni anno il piccolo teatro rivarese presenta un fitto cartellone
MERCENASCO-CANDIA - Brutto incidente stradale sulla SS26 - FOTO
MERCENASCO-CANDIA - Brutto incidente stradale sulla SS26 - FOTO
Estratto dalle lamiere grazie al pronto intervento dei vigili del fuoco l'autista della Panda è stato trasportato in ospedale a Ivrea
SALASSA-VALPERGA - Furgone a fuoco sulla 460 - FOTO E VIDEO
SALASSA-VALPERGA - Furgone a fuoco sulla 460 - FOTO E VIDEO
L'autista ha fatto in tempo a scendere poi il mezzo è stato avvolto dalle fiamme. Accertamenti dei vigili del fuoco in corso
RIVAROLO-CASTELLAMONTE - Siccità: raffica di incendi in tutta la zona. Interventi dei vigili del fuoco - FOTO
RIVAROLO-CASTELLAMONTE - Siccità: raffica di incendi in tutta la zona. Interventi dei vigili del fuoco - FOTO
Ancora fiamme in diversi Comuni del Canavese. Incendi favoriti dall'assenza di pioggia che sta caratterizzando questo inizio di autunno. L'allarme è scattato questa mattina prima a Rivarolo e poi a Castellamonte
SAN BENIGNO - Raggirano la nonnina e le rubano 800 mila euro: medico e titolare della casa di riposo condannate
SAN BENIGNO - Raggirano la nonnina e le rubano 800 mila euro: medico e titolare della casa di riposo condannate
L'anziana fu convinta, dopo una caduta nel proprio alloggio, a trasferirsi in una casa di riposo di San Benigno. Il medico di famiglia indirizzò i parenti nella struttura dove la donna venne accudita insieme ad altri 5 pensionati
AUTOSTRADA A4 - Incidente tra Tir: due feriti e lunghe code
AUTOSTRADA A4 - Incidente tra Tir: due feriti e lunghe code
Il mezzo pesante tamponato ha perso parte del carico sulla carreggiata autostradale. Dinamica al vaglio della stradale
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore