OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere»

| Oggi ospite di Pomeriggio Cinque, in diretta, l'ex fidanzata di Gabriele ha usato parole al vetriolo parlando del ragazzo. «Mi fa schifo - ha detto a Barbara D'Urso - spero non esca più dal carcere. Pensavo fosse una persona normale»

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere»
Ci va giù pesante, Sofia, l'ex fidanzata di Gabriele Defilippi, il 22enne di Gassino che ha ucciso, insieme all'amante Roberto Obert di Forno Canavese, la povera professoressa Gloria Rosboch, 49 anni di Castellamonte, trovata morta all'interno della discarica di Rivara. Oggi ospite di Pomeriggio Cinque, in diretta, l'ex fidanzata di Gabriele ha usato parole al vetriolo parlando del ragazzo. «Mi fa schifo - ha detto a Barbara D'Urso - spero non esca più dal carcere. Pensavo fosse una persona normale. Invece ha progettato persino l'omicidio di una donna. E' una persona viscida. Credevo di conoscerlo, invece a conti fatti non so chi sia. Mi ha tradito sotto tutti i punti di vista».
 
La testimonianza spontanea che Sofia ha rilasciato la scorsa settimana al procuratore di Ivrea, Giuseppe Ferrando, è risultata fondamentale per la conferma dell'arresto in carcere della mamma di Gabriele, Caterina Abbattista, 45 anni, ex operatrice sanitaria degli ospedali di Castellamonte e Ivrea. «Negli ultimi tempi Gabriele era stressato. La mamma e Obert l'avevano messo sotto pressione e lui parlava di omicidio e suicidio come se nulla fosse. Poi si calmava. Con me si confidava perchè non aveva amici. La sera dell'incidente, prima dell'omicidio, mi disse di non farmi sentire più per almeno una settimana. Gli chiesi se stava bene e lui mi disse: "Sono indistruttibile". Poi quando è esploso il caso di Gloria lui ha sempre negato un coinvolgimento. Mi diceva che era tutta colpa dei giornalisti che s'inventavano delle storie».
 
Alcuni dettagli dell'intervista televisiva ricalcano quanto la ragazza, residente a Strambino con la famiglia, ha dichiarato la scorsa settimana al procuratore Ferrando e al colonnello dei carabinieri Domenico Mascoli. «Non sapevo che fosse gay - ha aggiunto la ventenne - siamo stati assieme fino a quando non mi ha tradito con un'altra ragazza. L'ho scoperto su internet. Ho cercato di parlare con lui diverse volte ma quando è esploso il caso di Gloria lui si è sempre negato. Una volta ho anche preso il treno e sono andata sotto casa. Non mi ha fatto entrare perchè c'era la mamma. E' sceso. Pochi istanti poi è tornato in casa perchè c'era una trasmissione in tv che parlava di lui e voleva assolutamente vederla».
 
La sua deposizione della scorsa settimana è al momento al vaglio degli inquirenti. Le dichiarazioni della ragazza, infatti, sono in fase di confronto con altre testimonianze raccolte dai carabinieri e con i dati registrati dal telefono cellulare a lei in uso.
Galleria fotografica
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere» - immagine 1
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere» - immagine 2
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere» - immagine 3
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere» - immagine 4
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere» - immagine 5
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere» - immagine 6
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere» - immagine 7
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Sofia in tv: «Spero che Gabriele non esca più dal carcere» - immagine 8
Dove è successo
Cronaca
LOMBARDORE - La strada per il Paradiso è irta di rifiuti - FOTO
LOMBARDORE - La strada per il Paradiso è irta di rifiuti - FOTO
Tra Leini e Lombarodre la strada che porta al Gran Paradiso è costellata di piazzole che molti hanno scambiato per discariche
CANAVESE - Incidenti a raffica nella notte ad Agliè, Pont e Salassa: feriti due giovani di Rivarolo
CANAVESE - Incidenti a raffica nella notte ad Agliè, Pont e Salassa: feriti due giovani di Rivarolo
Sulle dinamiche degli schianti sono in corso gli accertamenti dei carabinieri della compagnia di Ivrea. L'incidente più grave a Pont Canavese, in frazione Doblazio. Abbattuto anche un palo dell'illuminazione pubblica
TRUFFE AGLI ANZIANI - Ecco l'auto utilizzata dai ladri per raggirare i pensionati - FOTO
TRUFFE AGLI ANZIANI - Ecco l
Potrebbero aver agito in tantissimi Comuni del Canavese, della provincia e anche a Torino i malviventi intercettati ieri mattina a Caselle dopo l'ennesima truffa ai danni di un'anziana. Uno di loro è stato arrestato
CANAVESANA - Treni obsoleti e nessun rispetto per i passeggeri
CANAVESANA - Treni obsoleti e nessun rispetto per i passeggeri
Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un pendolare della ferrovia Canavesana. Lettera che riassume mesi di disagi
IVREA - Cgil, Cisl e Uil contro l'Asl To4 sulla questione sicurezza
IVREA - Cgil, Cisl e Uil contro l
Solo qualche giorno fa un'altra aggressione è stata registrata nel Presidio Ospedaliero di Chivasso. Allarme tra i dipendenti
BORGOMASINO - Rubano 200 mila euro di materiale sportivo: due arresti
BORGOMASINO - Rubano 200 mila euro di materiale sportivo: due arresti
Operazione coordinata dalla procura di Aosta per un ingente furto in un negozio. In manette due fratelli di Borgomasino
CASELLE - Truffe agli anziani: malvivente di Montalenghe arrestato dai carabinieri dopo un furto
CASELLE - Truffe agli anziani: malvivente di Montalenghe arrestato dai carabinieri dopo un furto
L’uomo è stato sorpreso mentre fungeva da “palo” in attesa di due complici che consumavano una truffa, qualificandosi come tecnico dell’acquedotto e vigile urbano (in borghese), nei confronti di una 75enne residente a Caselle
VALPERGA - Finto vigile porta via risparmi e gioielli a due anziani
VALPERGA - Finto vigile porta via risparmi e gioielli a due anziani
Il sindaco Gabriele Francisca avverte la popolazione: «Sono italiani, alti, uno con pizzetto, l'altro con barba curata e brizzolato»
TORINO OTLET VILLAGE - Aperto il grande outlet alle porte di Torino
TORINO OTLET VILLAGE - Aperto il grande outlet alle porte di Torino
600 i dipendenti dello store, 90 i negozi ma è già in programma un primo ampliamento del 30%
CUORGNE' - La Pro loco festeggia i suoi primi 50 anni
CUORGNE
Nel corridoio del primo piano del Municipio anche una mostra con la storia della Pro loco
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore