OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Strangolata, spogliata e gettata nella cisterna: l'ex allievo aveva progettato tutto

| Si lamentava del «linciaggio mediatico» ma sapeva di aver ucciso la sua ex professoressa. L'incredibile storia di Gabriele Defilippi. «Un ragazzo indifferente a tutto» dice di lui il procuratore Giuseppe Ferrando

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI GLORIA ROSBOCH - Strangolata, spogliata e gettata nella cisterna: lex allievo aveva progettato tutto
Prima di gettarla nella vasca del percolato, alla discarica di Rivara, Gabriele Defilippi e l'amante Roberto Obert, l'hanno persino spogliata. Trascinata sulla strada sterrata per poi gettarla in quel pozzo. I vestiti, invece, li hanno sparsi nei cassonetti dell'immondizia di mezza Torino. Il motivo? Speravano che senza indumenti il corpo si decomponesse più in fretta. Il quadro dell'omicidio di Gloria Rosboch si fa ogni giorno più raccapricciante. Gabriele Defilippi, l'ex allievo 22enne della prof di Castellamonte, aveva calcolato tutto. Ogni minimo dettaglio. Voleva i suoi soldi. Ed è riuscito a intascare i 187 mila euro della Rosboch. E quando lei ha cominciato a insistere chiedendo che le venissero restituiti, ha organizzato l'agguato per ucciderla.

L'aveva convinta, nel 2014, a suon di e-mail sdolcinate, sms mielosi e spiccatamente falsi (col senno di poi). Le aveva promesso un futuro insieme, in costa Azzurra, ad Antibes, dove costruire una nuova vita. Lui promotore finanziario di successo. Lei assistente (perchè, essendo laureata, parlava bene il francese). Un enorme castello di carte al quale la professoressa Rosboch ha creduto senza batter ciglio. Ha dribblato persino le resistenze dei genitori e ha consegnato a Gabriele quei 187 mila euro, frutto di una vita di sacrifici, come operai, all'Olivetti di Agliè e San Bernardo d'Ivrea. 
 
Dopo la denuncia, Gabriele è dovuto passare al piano B. Si è stufato, all'improvviso, di quella prof che aveva persino osato contattare la madre per riavere quei soldi. Così ha convinto l'amante, Roberto Obert, di Forno Canavese, ad aiutarlo nell'assassinio di Gloria. Ha organizzato tutto nei minimi dettagli. Con una freddezza disarmante. Auto e telefono cellulare (con una sim nuova di zecca) intestati all'amante. Un falso incidente stradale alla sua 500 per andare a prendere Gloria, il 13 gennaio, con un'auto non sua. L'incendio della sim del cellulare, il falso alibi confermato in caserma a Torino, quando i carabinieri lo hanno sentito come persona informata sui fatti. 
 
Ha fatto in tempo, il Defilippi, a lamentarsi anche del «linciaggio mediatico» al quale sarebbe stato sottoposto dopo la scomparsa di Gloria Rosboch. Un altro castello di carte, crollato miseramente, venerdì notte, quando i carabinieri hanno spento il suo fare sbruffone mettendolo di fronte alla realtà dei fatti. «Un ragazzo indifferente a tutto» dice di lui il procuratore Giuseppe Ferrando, uno che di delinquenti se ne intende. Domani è prevista la convalida dell'arresto. Per Defilippi, per Obert ma anche per la madre di Gabriele, il cui ruolo in questa vicenda è ancora al vaglio degli inquirenti.
Dove è successo
Cronaca
CASTELLAMONTE - Giù per la discesa in bici si schianta e resta incastrato nella cancellata di una villa - VIDEO
CASTELLAMONTE - Giù per la discesa in bici si schianta e resta incastrato nella cancellata di una villa - VIDEO
Se la dovrebbe cavare con novanta giorni di prognosi il nigeriano di 25 anni che oggi pomeriggio, in strada Crosa, si è schiantato contro la cancellata di una villa mentre era in sella alla propria bicicletta. E' ricoverato al Cto di Torino
CASTELLAMONTE - Richiedente asilo si schianta in bici: grave al Cto
CASTELLAMONTE - Richiedente asilo si schianta in bici: grave al Cto
Il giovane è caduto in discesa sulla provinciale per Filia. È stato soccorso dal personale del 118 e trasportato in ospedale
RIVARA - I bimbi vanno a scuola nel parco del Castello - FOTO
RIVARA - I bimbi vanno a scuola nel parco del Castello - FOTO
Oggi i bambini hanno potuto vivere l'esperienza della pittura «en plein air» ripercorrendo i passi della nota Scuola di Rivara
LEINI - Ruba le carte di credito per andare a giocare alle slot - VIDEO
LEINI - Ruba le carte di credito per andare a giocare alle slot - VIDEO
Un 19enne di etnia sinti arrestato dai carabinieri grazie alla pronta segnalazione del titolare di una sala bingo di Rivoli
CUORGNE' - Cesma lancia un’iniziativa formativa internazionale
CUORGNE
Per l’anno 2017-18 avviato un pacchetto di attività in ambito internazionale, sviluppate in parte sul territorio francese
SAN GIUSTO CANAVESE - Grave incendio al benzinaio: furgone distrutto dalle fiamme - FOTO
SAN GIUSTO CANAVESE - Grave incendio al benzinaio: furgone distrutto dalle fiamme - FOTO
Un furgone svizzero che aveva appena effettuato un rifornimento alla stazione di servizio Tamoil, ha improvvisamente preso fuoco nei pressi del distributore. Gli occupanti sono riusciti a scendere dal mezzo. Benzinaio devastato
CUORGNE' - Da Hong Kong per celebrare San Callisto Caravario - FOTO
CUORGNE
Ieri alle 10.30 il cardinal Joseph Zen Ze-Kiun salesiano ed arcivescovo emerito di Hong Kong ha incontrato don Nicola Faletti
ALBIANO D'IVREA - Trovata una bomba in un campo agricolo: allarme
ALBIANO D
Artificieri in azione per la messa in sicurezza dell'area. La bomba sarà fatta brillare. Si tratta di un ordigno bellico
FORNO CANAVESE - Incidente stradale a Crosi: un uomo ferito
FORNO CANAVESE - Incidente stradale a Crosi: un uomo ferito
Paura questa mattina sulla provinciale tra Forno e Rivara. Un sessantenne di Forno si è ribaltato con la propria auto
CALUSO - Salta il bancomat della Biver Banca: ladri in fuga con il bottino - FOTO
CALUSO - Salta il bancomat della Biver Banca: ladri in fuga con il bottino - FOTO
Probabilmente con del gas esplosivo la banda ha fatto saltare l'alloggiamento del bancomat arraffando le banconote all'interno. Bottino da quantificare. Indagini dei carabinieri della compagnia di Chivasso
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore