OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Caccia ai possibili complici di Giuseppe Laforè, preso dopo una settimana di fuga

| Il 24enne è stato fermato a Moncalieri dai carabinieri della Falchera, dopo una settimana di fuga. Interrogato dal procuratore d'Ivrea, Ferrando, alla fine ha confessato. Si era stancato dell'atteggiamento del padre dell'ex fidanzata

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Caccia ai possibili complici di Giuseppe Laforè, preso dopo una settimana di fuga
Lo considerava «non all'altezza della figlia». Per questo aveva sempre osteggiato la loro relazione. Un atteggiamento provocatorio che, alla fine, ha armato la mano di Giuseppe Laforè (nella foto), nomade sinti 24enne di Romano Canavese. E' stato lui, lo scorso 10 gennaio, a sparare a Laurent Radici, 44 anni di San Giorgio, morto dopo due giorni di agonia nel reparto di rianimazione dell'ospedale Giovanni Bosco di Torino. Lo ha colpito un proiettile al volto, tra i tanti che Laforè ha sparato nel cortile della villetta di strada Montalenghe, teatro dell'agguato.

Il 24enne, giovedì sera, è stato fermato a Moncalieri dai carabinieri della Falchera, dopo una settimana di fuga. Interrogato dal procuratore capo d'Ivrea, Giuseppe Ferrando, alla fine ha confessato. Si era stancato dell'atteggiamento del padre della sua ormai ex fidanzata, Ellison, ma non era andato a San Giorgio per ucciderlo. Voleva solo discutere con quel "gaggiò", espressione dialettale che i sinti utilizzano per identificare un membro di un'altra famiglia non "purosangue" ma acquisito dopo un matrimonio. Proprio come Radici che, anni fa, ha sposato un'esponente della famiglia Riviera.

"Volevo chiarire la situazione. Amo tantissimo quella ragazza e volevo confrontarmi con il padre", ha detto il ragazzo ai carabinieri. Solo che la situazione è degenerata. Dopo le minacce, Laforè è salito in auto (quell'Alfa Giulia bianca che alcuni testimoni hanno visto sfrecciare a Montalenghe dopo l'agguato) e ha sparato all'impazzata. "Ho esploso diversi colpi senza mirare", ha ammesso il 24enne. Uno ha centrato in pieno il padre dell'ex fidanzata, uccidendolo.

"Restano da chiarire molti aspetti di questa vicenda - dice il procuratore capo d'Ivrea, Giuseppe Ferrando - anche su possibili complici". Gli accertamenti sono al momento in corso. Giuseppe Laforè, detto Alex, con alcuni precedenti penali e un lavoro come raccoglitore di ferro, esponente di una delle famiglie di nomadi sinti più numerose del Canavese, è stato associato al carcere di Torino in attesa dell'interrogatorio di garanzia.

Cronaca
OMICIDIO A VISTRORIO - Una serra artigianale, contanti e marijuana nella casa della vittima - VIDEO
OMICIDIO A VISTRORIO - Una serra artigianale, contanti e marijuana nella casa della vittima - VIDEO
I carabinieri hanno sequestrato della sostanza stupefacente già tagliuzzata e diverse migliaia di euro in contanti di dubbia provenienza. Non si esclude che il movente dell'omicidio possa essere ricondotto proprio ad un giro di droga
VILLAREGGIA - 200 giovani da tutto il nord Italia per un rave party
VILLAREGGIA - 200 giovani da tutto il nord Italia per un rave party
Canavese terra di rave: una settimana fa un'altra festa non autorizzata si è svolta lungo le sponde dell'Orco a Montanaro
OMICIDIO A VISTRORIO - Identificato l'uomo ucciso con un punteruolo: l'assassino lo aveva minacciato poche ore prima - FOTO e VIDEO
OMICIDIO A VISTRORIO - Identificato l
Ieri notte, poco prima dell'una, l'assassino è tornato a Vistrorio e, a seguito di una colluttazione, ha colpito mortalmente il 57enne. Alcuni vicini di casa, sentito il trambusto, hanno chiamato il 112. L'uomo è stato subito arrestato
RIVAROLO - Un nuovo «percorso assistito» alla casa di riposo - FOTO
RIVAROLO - Un nuovo «percorso assistito» alla casa di riposo - FOTO
La collaborazione con le associazioni del territorio ha portato in dote alla casa di riposo San Francesco due belle novità
ALPETTE - 7 e 13 luglio: due giornate di successo per l'Alpeggio Musrai - FOTO
ALPETTE - 7 e 13 luglio: due giornate di successo per l
Le due giornate, complici un clima eccezionale e grossi nomi tra gli ospiti, hanno riscosso un notevole successo
CIRIE' - Cardiologia d'eccellenza su sei riviste internazionali
CIRIE
Sono state valutate le terapie senza farmaci per una loro migliore applicazione ai numerosi pazienti con patologie cardiovascolari
OMICIDIO A VISTRORIO - Lite in casa, colpisce il rivale con un punteruolo metallico e lo uccide - FOTO E VIDEO
OMICIDIO A VISTRORIO - Lite in casa, colpisce il rivale con un punteruolo metallico e lo uccide - FOTO E VIDEO
Un pregiudicato 60enne ha colpito a morte un uomo di 57 anni, incensurato, all'interno della casa di quest'ultimo. L'aggressore è stato poi arrestato dai carabinieri della compagnia di Ivrea per omicidio. Inutili tutti i soccorsi
RIVAROLO CANAVESE - Lunedi il funerale in forma laica per l'ultimo saluto ad Elisa Bonavita
RIVAROLO CANAVESE - Lunedi il funerale in forma laica per l
Il salone comunale di via Montenero ospiterà il funerale in forma laica con il quale lunedì, alle 15.30, la città tributerà l'estremo saluto ad Elisa, la sfortunata 26enne che l'altra mattina ha perso la vita a seguito di un incidente
PONT CANAVESE - Incidente auto-scooter: un uomo ferito - FOTO
PONT CANAVESE - Incidente auto-scooter: un uomo ferito - FOTO
Ha avuto la peggio lo scooterista che a seguito dell'urto con la vettura è stato sbalzato violentemente sull'asfalto
CANAVESANA - La farsa dei «motivi tecnici»: Gtt taglia altri treni
CANAVESANA - La farsa dei «motivi tecnici»: Gtt taglia altri treni
Proprio qualche giorno fa, tramite il comitato utenti "Quelli della Canavesana", i pendolari avevano segnalato costanti disservizi
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore