OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Caccia ai possibili complici di Giuseppe Laforè, preso dopo una settimana di fuga

| Il 24enne è stato fermato a Moncalieri dai carabinieri della Falchera, dopo una settimana di fuga. Interrogato dal procuratore d'Ivrea, Ferrando, alla fine ha confessato. Si era stancato dell'atteggiamento del padre dell'ex fidanzata

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Caccia ai possibili complici di Giuseppe Laforè, preso dopo una settimana di fuga
Lo considerava «non all'altezza della figlia». Per questo aveva sempre osteggiato la loro relazione. Un atteggiamento provocatorio che, alla fine, ha armato la mano di Giuseppe Laforè (nella foto), nomade sinti 24enne di Romano Canavese. E' stato lui, lo scorso 10 gennaio, a sparare a Laurent Radici, 44 anni di San Giorgio, morto dopo due giorni di agonia nel reparto di rianimazione dell'ospedale Giovanni Bosco di Torino. Lo ha colpito un proiettile al volto, tra i tanti che Laforè ha sparato nel cortile della villetta di strada Montalenghe, teatro dell'agguato.

Il 24enne, giovedì sera, è stato fermato a Moncalieri dai carabinieri della Falchera, dopo una settimana di fuga. Interrogato dal procuratore capo d'Ivrea, Giuseppe Ferrando, alla fine ha confessato. Si era stancato dell'atteggiamento del padre della sua ormai ex fidanzata, Ellison, ma non era andato a San Giorgio per ucciderlo. Voleva solo discutere con quel "gaggiò", espressione dialettale che i sinti utilizzano per identificare un membro di un'altra famiglia non "purosangue" ma acquisito dopo un matrimonio. Proprio come Radici che, anni fa, ha sposato un'esponente della famiglia Riviera.

"Volevo chiarire la situazione. Amo tantissimo quella ragazza e volevo confrontarmi con il padre", ha detto il ragazzo ai carabinieri. Solo che la situazione è degenerata. Dopo le minacce, Laforè è salito in auto (quell'Alfa Giulia bianca che alcuni testimoni hanno visto sfrecciare a Montalenghe dopo l'agguato) e ha sparato all'impazzata. "Ho esploso diversi colpi senza mirare", ha ammesso il 24enne. Uno ha centrato in pieno il padre dell'ex fidanzata, uccidendolo.

"Restano da chiarire molti aspetti di questa vicenda - dice il procuratore capo d'Ivrea, Giuseppe Ferrando - anche su possibili complici". Gli accertamenti sono al momento in corso. Giuseppe Laforè, detto Alex, con alcuni precedenti penali e un lavoro come raccoglitore di ferro, esponente di una delle famiglie di nomadi sinti più numerose del Canavese, è stato associato al carcere di Torino in attesa dell'interrogatorio di garanzia.

Cronaca
DRAMMA A IVREA - 32enne si lancia nella Dora dal Ponte Vecchio: ora è gravissima in ospedale
DRAMMA A IVREA - 32enne si lancia nella Dora dal Ponte Vecchio: ora è gravissima in ospedale
L'acqua del torrente ha solo in parte attutito la caduta. La 32enne è stata recuperata nei pressi del ponte della ferrovia. La polizia di Ivrea, che indaga sulle cause dell'accaduto, non esclude si tratti di un tentativo di suicidio
SALASSA - Un grande successo per il Carnevale - FOTO e VIDEO
SALASSA - Un grande successo per il Carnevale - FOTO e VIDEO
Tantissimo pubblico per acclamare i principi e i carri che, ieri sera e oggi pomeriggio, hanno sfilato per le vie del centro storico
CASTELLAMONTE - Le campane suonano «a morto» nella notte
CASTELLAMONTE - Le campane suonano «a morto» nella notte
Apprensione la scorsa notte per le campane della chiesa parrocchiale che alle 2 si sono messe a suonare in autonomia...
CANAVESE - Messa in sicurezza del torrente Orco: lavori a Rivarolo, Chivasso, San Benigno e Montanaro
CANAVESE - Messa in sicurezza del torrente Orco: lavori a Rivarolo, Chivasso, San Benigno e Montanaro
Il programma generale di gestione dei sedimenti nel tratto tra Cuorgnè e Chivasso, approvato con una delibera della Giunta regionale del 23 dicembre 2010, individua i macro interventi necessari al miglioramento della sicurezza dell'Orco
LEINI - Due esposti ai vigili contro il campanile che suona di notte
LEINI - Due esposti ai vigili contro il campanile che suona di notte
La notte, il parroco ha deciso di evitare rintocchi dal momento che alcuni cittadini si sono lamentati con i vigili urbani
STORICO CARNEVALE DI IVREA - Battaglia delle arance: la domenica ticket d'ingresso confermato a 10 euro
STORICO CARNEVALE DI IVREA - Battaglia delle arance: la domenica ticket d
Non pagano i bambini sotto i 12 anni, i residenti a Ivrea e gli aranceri regolarmente iscritti alle proprie squadre, a cui verrà richiesto di mostrare la toppa di iscrizione. Previste agevolazioni per chi arriva in treno o è iscritto al Fai
IVREA - Due treni speciali per i turisti della battaglia delle arance
IVREA - Due treni speciali per i turisti della battaglia delle arance
Tutti gli iscritti FAI, domenica 3 marzo, mostrando la tessera avranno diritto a uno sconto del 20% per l'ingresso al Carnevale
RIVAROLO - Incidente stradale con auto pirata: l'automobilista non si ferma e scappa. Caccia a una Opel blu
RIVAROLO - Incidente stradale con auto pirata: l
E' caccia ad una Opel blu che ieri mattina è rimasta coinvolta in uno scontro frontale in via Matteotti a Rivarolo Canavese. La conducente della vettura, dopo l'urto, anzichè fermarsi a prestare soccorso ha rimesso in moto ed è scappata
RIVARA - Inner Wheel e Lions insieme per un «service» comune
RIVARA - Inner Wheel e Lions insieme per un «service» comune
I club sostengono il «Potenziamento del corso di lingua italiana per donne straniere» curato dalla Caritas di Rivarolo Canavese
SCARMAGNO - Incendio nel comprensorio della ex Olivetti - FOTO
SCARMAGNO - Incendio nel comprensorio della ex Olivetti - FOTO
Provvidenziale intervento dei vigili del fuoco di Castellamonte e Ivrea per un incendio divampato poco prima delle due
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore