OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell'uomo» - LA FOTO

| Giuseppe Laforè, 24 anni, detto Alex, braccato da carabinieri e polizia è stato fermato ieri sera a Torino. Giovedì scorso, al culmine di una lite con il padre dell'ex fidanzata, ha sparato diversi colpi uccidento Laurent Radici, 44 anni

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quelluomo» - LA FOTO
È stato fermato giovedì sera, a Torino, il presunto autore del ferimento mortale di Laurent Radici, 44 anni di San Giorgio Canavese, deceduto il 12 gennaio scorso in ospedale a seguito delle lesioni riportate due giorni prima, quando era stato colpito al volto da un colpo d’arma da fuoco. Le immediate e serrate indagini svolte sotto la direzione della Procura eporediese dai carabinieri della Compagnia di Ivrea, del Nucleo Investigativo di Torino, nonché dagli agenti del Commissariato di Polizia di Ivrea, hanno consentito in brevissimo tempo di raccogliere elementi sufficienti per ritenere Giuseppe Laforè (nella foto), detto Alex, 24 anni, etnia sinti residente a Romano Canavese, ex fidanzato della figlia di Radici, indiziato del delitto.

Nei suoi confronti è stato eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso il 16 gennaio scorso dalla Procura di Ivrea, che ha concordato pienamente con le risultanze investigative. L’omicidio sarebbe maturato in un contesto di screzi dovuti alla litigiosa relazione sentimentale tra il ragazzo e la figlia di Radici. Relazione cessata qualche mese fa, dopo circa due anni, e in qualche misura osteggiata dal padre della ragazza. Proprio per questo ci sarebbero stati in passato dei diverbi tra lo stesso ed il giovane; l’ultimo proprio giovedì scorso, il 10 gennaio, quando intorno alle 13.30 il 24enne si è recato a casa dei Radici a San Giorgio a bordo di una Alfa Romeo Giulietta di colore bianco e dopo l’ennesima discussione con Laurent, nel cortile dell’abitazione, ha sparato alcuni colpi di pistola, uno dei quali ha colpito in volto il padre dell'ex fidanzata.

Da qui prima la disperata corsa in auto al pronto soccorso di Ivrea e poi il trasferimento al San Giovanni Bosco di Torino, dove sabato mattina Radici è morto a causa delle gravissime lesioni riportate. Tutto questo mentre Giuseppe Laforè si è dato alla fuga rendendosi irreperibile. Determinanti per le indagini sono stati i riscontri emersi dall’attività di indagine condotta dagli agenti del commissariato di Ivrea nonchè le immagini acquisite dai carabinieri presso alcuni sistemi di videosorveglianza di Montalenghe, Scarmagno, Romano Canavese e Ivrea. Ciò ha consentito di ricostruire i movimenti eseguiti nei minuti successivi alla sparatoria dal 24enne a bordo dell’Alfa Romeo Giulietta bianca a lui in uso. Tutti gli elementi, raccolti mediante attività investigativa tradizionale e tecnica, hanno quindi portato a focalizzare sin da subito l’attenzione sul 24enne abitante a Romano Canavese.

Le serrate e pressanti ricerche condotte dagli investigatori in questi giorni hanno indotto Laforè a costituirsi giovedì sera ai carabinieri della stazione Borgata La Falchera di Torino. Il giovane è stato quindi interrogato negli uffici della compagnia carabinieri Torino Oltre Dora dal Procuratore di Ivrea Giuseppe Ferrando, dal Sostituto Procuratore di Torino Fabiola D’errico e dal Sostituto Procuratore di Ivrea Daniele Iavarone alla presenza dei militari e degli agenti che hanno svolto le indagini. Nel corso dell’interrogatorio, protrattosi fino a tarda notte, Laforè ha ammesso le proprie responsabilità.

Galleria fotografica
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quelluomo» - LA FOTO - immagine 1
Cronaca
RIVAROLO - Incendio in una casa di frazione Pasquaro: salva una pensionata e venticinque cani - FOTO E VIDEO
RIVAROLO - Incendio in una casa di frazione Pasquaro: salva una pensionata e venticinque cani - FOTO E VIDEO
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Ivrea e Castellamonte che hanno messo in sicurezza l'abitazione. Inagibile la cucina che è stata danneggiata dalle fiamme. Sono in corso gli accertamenti per chiarire le cause del rogo
VOLPIANO - Fatture false per ottenere contributi dalla banche: imprenditore nasconde al fisco ricavi per 17 milioni di euro
VOLPIANO - Fatture false per ottenere contributi dalla banche: imprenditore nasconde al fisco ricavi per 17 milioni di euro
È quello che ha scoperto la Guardia di Finanza nel corso di un'indagine nei confronti di una società con sede a Volpiano, leader nel settore dei trasporti. I Finanzieri della Compagnia di Chivasso hanno condotto l'intervento
LEINI - L'addio della comunità a Valentina, aveva solo 35 anni
LEINI - L
Il funerale, inizialmente previsto per oggi in chiesa, si celebrerà in forma consentita dall'ordinanza davanti al cimitero
LAVORO IN CANAVESE - Cantieri di lavoro per over 58: ci sono 32 posti disponibili nei Comuni e nelle Unioni Montane del territorio
LAVORO IN CANAVESE - Cantieri di lavoro per over 58: ci sono 32 posti disponibili nei Comuni e nelle Unioni Montane del territorio
Si tratta di 32 lavoratori, che svolgeranno un massimo di 260 giornate di lavoro nel corso di un anno, affiancando il personale dei comuni nello svolgimento di attività temporanee o straordinarie per interventi nel campo dell'ambiente
FELETTO - Esce di strada sulla 460 e si schianta nel fosso - FOTO
FELETTO - Esce di strada sulla 460 e si schianta nel fosso - FOTO
Incidente stradale, questa sera intorno alle 19, in via Circonvallazione. Ferito, per fortuna in maniera non grave, un pensionato
IVREA - Arrestato il direttore dei lavori della piscina comunale
IVREA - Arrestato il direttore dei lavori della piscina comunale
L'uomo è stato fermato dai militari della finanza mentre riceveva una mazzetta di circa ottomila euro da una ditta della zona
CUORGNE' - Coronavirus: allestita la tenda pre-triage all'ospedale
CUORGNE
Il Comune ha disposto lo stop alla zona blu fino a quando la tenda rimarrà nel parcheggio di fronte al pronto soccorso
SAN GIORGIO - Il carnevale finisce in anticipo per il coronavirus. Il Generale ringrazia tutti
SAN GIORGIO - Il carnevale finisce in anticipo per il coronavirus. Il Generale ringrazia tutti
Il Generale Nicolas Gallicchio ha scritto un apprezzato pensiero su quanto accaduto in questi giorni affidandolo alla propria pagina Facebook
BARBANIA - Marito e moglie uccisi in Colombia: 22 anni per il mandante del duplice omicidio
BARBANIA - Marito e moglie uccisi in Colombia: 22 anni per il mandante del duplice omicidio
I due sono stati uccisi a colpi di pistola, all'uscita di un locale, il 15 giugno 2018. Inizialmente si era pensato ad un omicidio a scopo di rapina. In realtà, come ha ricostruito la polizia, si è trattato di una vera e propria esecuzione
CASTELLAMONTE - Il coronavirus blocca lo storico carnevale
CASTELLAMONTE - Il coronavirus blocca lo storico carnevale
Mercoledì niente sfilata dei carri e niente rogo del Re Pignatun a causa delle disposizioni di sicurezza e salute pubblica
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore