OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell'uomo» - LA FOTO

| Giuseppe Laforè, 24 anni, detto Alex, braccato da carabinieri e polizia è stato fermato ieri sera a Torino. Giovedì scorso, al culmine di una lite con il padre dell'ex fidanzata, ha sparato diversi colpi uccidento Laurent Radici, 44 anni

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quelluomo» - LA FOTO
È stato fermato giovedì sera, a Torino, il presunto autore del ferimento mortale di Laurent Radici, 44 anni di San Giorgio Canavese, deceduto il 12 gennaio scorso in ospedale a seguito delle lesioni riportate due giorni prima, quando era stato colpito al volto da un colpo d’arma da fuoco. Le immediate e serrate indagini svolte sotto la direzione della Procura eporediese dai carabinieri della Compagnia di Ivrea, del Nucleo Investigativo di Torino, nonché dagli agenti del Commissariato di Polizia di Ivrea, hanno consentito in brevissimo tempo di raccogliere elementi sufficienti per ritenere Giuseppe Laforè (nella foto), detto Alex, 24 anni, etnia sinti residente a Romano Canavese, ex fidanzato della figlia di Radici, indiziato del delitto.

Nei suoi confronti è stato eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso il 16 gennaio scorso dalla Procura di Ivrea, che ha concordato pienamente con le risultanze investigative. L’omicidio sarebbe maturato in un contesto di screzi dovuti alla litigiosa relazione sentimentale tra il ragazzo e la figlia di Radici. Relazione cessata qualche mese fa, dopo circa due anni, e in qualche misura osteggiata dal padre della ragazza. Proprio per questo ci sarebbero stati in passato dei diverbi tra lo stesso ed il giovane; l’ultimo proprio giovedì scorso, il 10 gennaio, quando intorno alle 13.30 il 24enne si è recato a casa dei Radici a San Giorgio a bordo di una Alfa Romeo Giulietta di colore bianco e dopo l’ennesima discussione con Laurent, nel cortile dell’abitazione, ha sparato alcuni colpi di pistola, uno dei quali ha colpito in volto il padre dell'ex fidanzata.

Da qui prima la disperata corsa in auto al pronto soccorso di Ivrea e poi il trasferimento al San Giovanni Bosco di Torino, dove sabato mattina Radici è morto a causa delle gravissime lesioni riportate. Tutto questo mentre Giuseppe Laforè si è dato alla fuga rendendosi irreperibile. Determinanti per le indagini sono stati i riscontri emersi dall’attività di indagine condotta dagli agenti del commissariato di Ivrea nonchè le immagini acquisite dai carabinieri presso alcuni sistemi di videosorveglianza di Montalenghe, Scarmagno, Romano Canavese e Ivrea. Ciò ha consentito di ricostruire i movimenti eseguiti nei minuti successivi alla sparatoria dal 24enne a bordo dell’Alfa Romeo Giulietta bianca a lui in uso. Tutti gli elementi, raccolti mediante attività investigativa tradizionale e tecnica, hanno quindi portato a focalizzare sin da subito l’attenzione sul 24enne abitante a Romano Canavese.

Le serrate e pressanti ricerche condotte dagli investigatori in questi giorni hanno indotto Laforè a costituirsi giovedì sera ai carabinieri della stazione Borgata La Falchera di Torino. Il giovane è stato quindi interrogato negli uffici della compagnia carabinieri Torino Oltre Dora dal Procuratore di Ivrea Giuseppe Ferrando, dal Sostituto Procuratore di Torino Fabiola D’errico e dal Sostituto Procuratore di Ivrea Daniele Iavarone alla presenza dei militari e degli agenti che hanno svolto le indagini. Nel corso dell’interrogatorio, protrattosi fino a tarda notte, Laforè ha ammesso le proprie responsabilità.

Galleria fotografica
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quelluomo» - LA FOTO - immagine 1
Cronaca
SAN GIORGIO CANAVESE-LEINI - Due imprenditori arrestati dalla Guardia di Finanza per bancarotta fraudolenta
SAN GIORGIO CANAVESE-LEINI - Due imprenditori arrestati dalla Guardia di Finanza per bancarotta fraudolenta
Apparentemente nullatenenti ma dall'alto tenore di vita, agli arrestati è stato contestato di aver portato fraudolentemente alla bancarotta una società del Torinese operante nel settore dell'edilizia
CANAVESE - Il Ministero dell'Interno chiude i rubinetti: in difficoltà le associazioni che si occupano dei richiedenti asilo
CANAVESE - Il Ministero dell
Tra queste non fa eccezione la Mastropietro, la storica onlus di Cuorgnè che, dal 1984, si occupa di aiutare i più deboli. Sono circa nove mesi che dalla prefettura e dal consorzio Inrete non arriva il dovuto per i richiedenti asilo ospiti
CALUSO-VISCHE-MAZZE' - Nuova raffica di furti nelle case della zona
CALUSO-VISCHE-MAZZE
I malviventi hanno agito soprattutto di notte ma, in alcuni casi, hanno preferito razziare gli alloggi anche nel tardo pomeriggio
IVREA - Il vescovo in palestra per conoscere i corsi di difesa personale
IVREA - Il vescovo in palestra per conoscere i corsi di difesa personale
Ha voluto conoscere di persona l'attività svolta con i giovani, con la boxe utilizzata come strumento di difesa personale
PAVONE-MERCENASCO - Lavori in corso, chiudono due strade provinciali
PAVONE-MERCENASCO - Lavori in corso, chiudono due strade provinciali
Il servizio viabilità della Città metropolitana di Torino informa di alcune limitazioni al traffico sulle strade del Canavese a seguito di due cantieri
OZEGNA - Il commosso addio a nonna Olga: aveva 107 anni
OZEGNA - Il commosso addio a nonna Olga: aveva 107 anni
Nonna Olga, nata in Francia ma originaria del Canavese, iniziò a lavorare ad appena undici anni nel lanificio di Castellamonte
FAVRIA - L'addio della comunità a Giovanni Cena
FAVRIA - L
I funerali avranno luogo in Favria venerdì 22 alle 10 nella chiesa parrocchiale del paese. Veglia di preghiera nella stessa chiesa giovedì 21 alle 20.30
CHIVASSO - Giovani fidanzati spacciano marijuana: un arresto e una denuncia
CHIVASSO - Giovani fidanzati spacciano marijuana: un arresto e una denuncia
I carabinieri di Castiglione hanno arrestato uno studente 18enne, residente a Chivasso, e denunciato la fidanzata di 17
LOMBARDORE - Minaccia la figlia con un'accetta: 83enne denunciato
LOMBARDORE - Minaccia la figlia con un
Durante il sopralluogo dell'abitazione, i carabinieri hanno recuperato due pistole che l'uomo si era fabbricato artigianalmente
CANAVESE - A scuola con quattro coltelli: ragazzino delle medie «disarmato» dal preside
CANAVESE - A scuola con quattro coltelli: ragazzino delle medie «disarmato» dal preside
Un ragazzino di seconda media, che frequenta una scuola dell'alto Canavese, l'altra mattina si è presentato in classe «armato» con quattro coltelli a serramanico. Li aveva nascosti nel giubbotto forse per impressionare i compagni
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore