OMICIDIO DI SPINETO - Cristina Mattioda assolta: era incapace d'intendere e volere al momento del delitto

| Chius il processo al tribunale di Ivrea. La perizia psichiatrica disposta dal giudice Stefania Cugge ha confermato che la 65enne, assistita dall'avvocato Franco Papotti, era incapace d'intendere e volere al momento dell'omicidio

+ Miei preferiti
OMICIDIO DI SPINETO - Cristina Mattioda assolta: era incapace dintendere e volere al momento del delitto
E' stata assolta dal tribunale di Ivrea in quanto non imputabile perchè incapace di intendere e di volere. Si è chiuso così, col rito abbreviato, il procedimento a carico di Cristina Mattioda, 65 anni, che nella notte tra l'undici e il dodici novembre del 2017, soffocò con un sacchetto di plastica il fratello Mauro, 60 anni, e tentò di uccidere anche l'anziano padre nella villa di famiglia a Spineto, frazione di Castellamonte.

La donna è stata però ritenuta socialmente pericolosa e dovrà quindi proseguire un percorso terapeutico nella struttura protetta che l'ha presa in carico dopo il delitto. La perizia psichiatrica disposta dal giudice Stefania Cugge ha confermato che la 65enne, assistita dall'avvocato Franco Papotti, era incapace d'intendere e volere al momento dell’omicidio.

La vicenda di Spineto scosse l'intero Canavese dove Mattioda è un cognome estremamente diffuso e conosciuto. Oltretutto la 64enne era ben nota in diversi Comuni per aver a lungo insegnato nelle scuole. Di certo ebbe un ruolo drammatico nella vicenda la depressione che, da qualche tempo, aveva colpito entrambi i fratelli. La Mattioda, infatti, ex professoressa d’inglese all’istituto 25 Aprile di Cuorgnè, aveva perso in pochi mesi la mamma e il marito. Una storia estremamente triste che, purtroppo, si chiuse con un epilogo ancora più tragico.

Cronaca
BORGARO - Incendio devasta la Reinol: analisi dell'Arpa sull'aria della zona - FOTO e VIDEO
BORGARO - Incendio devasta la Reinol: analisi dell
Non ci sarebbero pericoli per chi abita nelle vicinanze anche se per diverse ore, a causa della colonna di fumo, l'aria era irrespirabile. Il vento sta aiutando a disperdere gli inquinanti anche se rende più difficile il lavoro dei pompieri
BORGARO - INCENDIO NELLO STABILIMENTO DELLA REINOL: COLONNA DI FUMO ALTISSIMA - FOTO E VIDEO
BORGARO - INCENDIO NELLO STABILIMENTO DELLA REINOL: COLONNA DI FUMO ALTISSIMA - FOTO E VIDEO
Al momento dell'incendio non c'erano persone all'interno dei capannoni. Nessuno è rimasto ferito o intossicato. Indagini in corso sulle cause del rogo. Aria irrespirabile in diversi Comuni della zona
SCARMAGNO - Si ribalta con il quad, grave un uomo di 68 anni
SCARMAGNO - Si ribalta con il quad, grave un uomo di 68 anni
L’uomo è stato sbalzato dal mezzo e ha riportato gravi traumi alla colonna vertebrale. E’ stato ricoverato al Cto
CALUSO - Il Canavese protagonista di «Provincia Incantata»
CALUSO - Il Canavese protagonista di «Provincia Incantata»
Anteprima a Caluso il 16 dicembre dell'iniziativa che ha come obiettivo la valorizzazione di paesaggi e vigneti del territorio
MONTALTO DORA - Incendio in alloggio: richiedente asilo intossicato, ricoverato all'ospedale di Ivrea
MONTALTO DORA - Incendio in alloggio: richiedente asilo intossicato, ricoverato all
In un alloggio occupato da un cittadino nigeriano 23enne, richiedente asilo assistito da Società Cooperativa Agathon, si è sviluppato un incendio che ha reso parzialmente inagibile il locale. Il giovane è stato trasportato in ospedale
METEO CANAVESE - Neve in montagna e pericolo valanghe: attenzione alle raffiche di foehn
METEO CANAVESE - Neve in montagna e pericolo valanghe: attenzione alle raffiche di foehn
Sulle creste di confine ed in alta valle sono attese nevicate anche moderate, mentre i venti di caduta soffieranno forti in media e bassa valle fin sulle pianure
RIVAROLO - I vigili del fuoco hanno celebrato Santa Barbara - FOTO
RIVAROLO - I vigili del fuoco hanno celebrato Santa Barbara - FOTO
Il capo distaccamento Roberto Zaccaria ha ricordato il collega Stefano Colasanti che l'altra mattina ha perso la vita a Rieti
BELMONTE - Santuario chiuso ma la Messa si fa lo stesso: in 400 sul sagrato. Un fedele colto da malore - FOTO
BELMONTE - Santuario chiuso ma la Messa si fa lo stesso: in 400 sul sagrato. Un fedele colto da malore - FOTO
Il parroco di Cuorgnè, don Ilario Rege Gianas, ha dovuto celebrare la Messa all'aperto. C'erano comunque 400 fedeli, saliti al santuario come da tradizione. Attimi di tensione per un fedele di Favria che si è sentito male
VOLPIANO - Un concerto ricorda i carabinieri morti con l'elicottero
VOLPIANO - Un concerto ricorda i carabinieri morti con l
Il Requiem di Mozart per ricordare i carabinieri caduti a Volpiano. Venerdì 14 dicembre in occasione del ventennale
LOCANA - La Regione stanzia due milioni di euro per gli impianti dell'Alpe Cialma
LOCANA - La Regione stanzia due milioni di euro per gli impianti dell
C'è anche il Canavese nei finanziamenti per i comprensori sciistici decisi dalla Regione Piemonte. In particolare c'è Locana che con la stazione dell'Alpe Cialma riceverà ben due milioni di euro per migliorare l'offerta turistica invernale
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore