OZEGNA-LUSIGLIE' - Il parroco cacciatore invita gli animalisti che lo hanno denunciato

| Intervista a don Luciano Bardesono, nei guai per essere andato a caccia. Un'associazione animalista lo ha segnalato alla procura per truffa

+ Miei preferiti
OZEGNA-LUSIGLIE - Il parroco cacciatore invita gli animalisti che lo hanno denunciato
«Vengano pure in parrocchia a parlarmi. Credo che avrò modo di rispondere a tutte le loro domande». Conciliante. Così come deve essere un sacerdote. Don Luciano Bardesono, 76 anni, parroco di Lusigliè, Ozegna e Ciconio, denunciato alla procura di Torino dagli animalisti, li invita in parrocchia per un bicchiere di vino. Almeno per un confronto. Lo hanno denunciato con un’accusa infamante: avrebbe rubato le elemosine per pagarsi la licenza di caccia. 200 euro all’anno. Lui ci scherza su: «Le ho sempre rubate. Anzi, sono diventato ricco in questa maniera. Mi hanno denunciato? Benissimo. Ho una nipote che fa l’avvocato. Mi difenderò, nessun problema».
 
In fondo don Luciano se la cava con una risata. Ha 76 anni: nella sua vita ne ha viste di tutti i colori. Certo, farsi denunciare dagli animalisti perché andrebbe a caccia coi soldi delle offerte, ancora non gli era capitato. «C’è una prima volta per tutto. Vado a caccia da 50 anni. Da un bel pezzo non prendo niente. Altro che cacciatore spietato…». E narra di pranzi e cene, negli anni passati, a base di selvaggina. Banchetti ai quali prendevano parte anche i vescovi. Per dire che, al momento, dalla curia di Ivrea nessuno ha nemmeno alzato il telefono per chiedere spiegazioni al parroco di Lusigliè, Ozegna e Ciconio.
 
Poi, per carità, le sacre scritture si possono anche interpretare ma il «divieto alla caccia» è un punto sul quale si potrebbe discutere per anni. E dal punto di vista legislativo, il parroco non ha commesso alcun reato. Aveva persino la licenza a posto. «Un po’ mi spiace perché cadere e non riuscire a rialzarsi come mi è capitato la scorsa settimana è il segno che l’età avanza – dice il don – ero caduto anche altre volte ma ero sempre riuscito a tirarmi su. Ero sicuro che i parrocchiani mi avrebbero trovato». Così è stato.
 
E sugli insulti piovuti su internet (qualcuno ha anche augurato al parroco di fare una brutta fine e si è detto rammaricato perché l’incidente a caccia non si è concluso in tragedia), don Bardesono fa spallucce. «Ai signori che mi hanno augurato di lasciarci le penne posso solo rispondere che presto saranno accontentati. Non sono più un bambino».
Dove è successo
Cronaca
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
«Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarą l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell'Anffas - FOTO
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell
La fondazione La Torre-Anffas, nata nel 1985 da un progetto della Regione, assiste numerosi pazienti nella sede rivarolese
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
In queste ore l'influenza di un promontorio di alta pressione esteso dal Nord Africa fino alla Penisola Scandinava, garantisce giorni soleggiati e un aumento delle temperature massime
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
Il progetto č cofinanziato da Comune di Caselle, Cim di Mappano, Compagnia di San Paolo e associazione Sinapsi
IVREA - Core festeggia i vent'anni di attivitą al castello di Masino
IVREA - Core festeggia i vent
L’azienda si č caratterizzata per la capacitą di seguire le evoluzioni del mercato informatico, superando gli anni di crisi
AGLIE' - Muore in casa a 38 anni: ritrovato dai carabinieri
AGLIE
Si tratta di una persona nota in paese, pił volte finito alla ribalta delle cronache. Anni fa aveva salvato i vicini da un incendio
TRAGEDIA AL RALLY CITTĄ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTĄ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
Un bimbo di sei anni morto nell'incidente. Al volante dell'auto il pilota Cristian Milano, 47 anni, di Prascorsano, colto da un malore durante la gara. Tanti sportivi si sono stretti al dolore della famiglia del piccolo
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - Muore un bimbo travolto da un'auto: la procura di Ivrea apre un'inchiesta - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
Un'auto impegnata nella corsa č uscita di strada travolgendo un'intera famiglia. L'inchiesta č stata affidata al pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono in corso a cura dei carabinieri
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
Scontro frontale, oggi intorno alle 16.30. Coinvolti un Fiat Ducato e una Fiat Panda all'incrocio appena fuori il centro abitato
TRAGEDIA AL RALLY CITTĄ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
TRAGEDIA AL RALLY CITTĄ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
Tragedia assurda a Coassolo, nelle Valli di Lanzo. Nel corso del «Rally Cittą di Torino» un'auto č finita sulla folla. Un bambino di 6 anni č morto travolto dalla vettura in gara. Travolti anche altri tre spettatori
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore