PARCO GRAN PARADISO - Cambiamenti climatici: continua l'arretramento dei ghiacciai in quota

| I cambiamenti climatici non hanno conseguenze solo sul paesaggio ma anche sulla fauna dell’area protetta; i guardaparco hanno notato che, soprattutto nel caso dello stambecco, gli esemplari salgono sempre più di quota nei mesi caldi

+ Miei preferiti
PARCO GRAN PARADISO - Cambiamenti climatici: continua larretramento dei ghiacciai in quota
Prosegue inarrestabile l'effetto dei cambiamenti climatici sui ghiacciai presenti nel Parco Nazionale Gran Paradiso, anche i risultati del monitoraggio effettuato nel 2018 dal Corpo di Sorveglianza dell’Ente Parco, in collaborazione con gli operatori del Comitato Glaciologico Italiano, è risultato negativo con un arretramento medio di 22 metri tra i 57 ghiacciai controllati.
 
L’arretramento più consistente è stato registrato nel ghiacciaio del Grand Etret, in Valsavarenche, che ha perso 130 metri rispetto alle rilevazioni effettuate nel 2017. In questo caso il bilancio di massa, parametro che esprime meglio di altri lo stato di salute di un ghiacciaio, relativo al periodo 2017-2018, è risultato negativo con una perdita di quasi un metro di equivalente in acqua. Dal 2000 il ghiacciaio ha perso quasi un terzo della sua superficie.
 
Lo scioglimento dei ghiacciai comporta anche possibili pericoli diretti nel breve periodo, ne è esempio la formazione di laghi proglaciali come quello del Grand Croux in Valle di Cogne, per cui la scorsa estate è stata resa necessaria un’operazione di svuotamento con intervento d’urgenza, in quanto un’esondazione avrebbe potuto provocare una piena del torrente Valnontey con pericolose conseguenze per i turisti e abitanti presenti lungo il corso dello stesso. Il lago è sorvegliato speciale da parte del Corpo di Sorveglianza, che sta monitorando la situazione in collaborazione con i tecnici della Fondazione Montagna Sicura.
 
“Il Gran Paradiso è in enorme difficoltà dal punto di vista nivologico, forse anche perché è la cima oltre 4.000 metri più a sud d’Italia”, spiega Stefano Cerise, Ispettore del Corpo di Sorveglianza del Parco, “I ghiacciai a quote più basse sono quelli che hanno risentito maggiormente delle temperature elevate, nonostante l’inverno 2018 sia stato molto nevoso, con scioglimenti precoci che hanno causato il crollo di vie alpinistiche storiche, come quella sulla parete nord del Ciarforon in Valsavarenche”.
 
I cambiamenti climatici non hanno conseguenze solo sul paesaggio ma anche sulla fauna dell’area protetta; i guardaparco hanno notato che, soprattutto nel caso dello stambecco, gli esemplari salgono sempre più di quota nei mesi caldi e si spostano alla ricerca di zone più fresche e riparate, su pendii esposti a nord. Particolare rilievo ha anche l’aspetto ambientale della ricerca; il lavoro dei guardaparco viene condotto con un impatto nullo. Per raggiungere i luoghi delle rilevazioni infatti non vengono utilizzati elicotteri, ma solamente gli sci o i ramponi.
 
Nella foto Valsavarenche, parete nord del Ciarforon: confronto 1921-2015. Si nota il progressivo assottigliamento della calotta del ghiacciaio (evidenziata in giallo sull'immagine più recente) e l'appiattimento del seracco con frane di detrito (in verde) che hanno reso impraticabile la salita alpinistica (in viola) - (foto storica di M.A. Gilardini, 2015 di Stefano Cerise).
Cronaca
ROMANO CANAVESE - A Villa Matilde la sfida tra chef: il gusto trasformato in design - FOTO
ROMANO CANAVESE - A Villa Matilde la sfida tra chef: il gusto trasformato in design - FOTO
Gli chef stellati Andrea Larossa e Andrea Pasqualucci si sono presentati al pubblico con due ricette inedite
VALCHIUSELLA - Nuovi servizi sanitari per chi vive in montagna
VALCHIUSELLA - Nuovi servizi sanitari per chi vive in montagna
Nell'area montana è stato concretizzato uno dei progetti di infermieristica di comunità e di ostetricia di continuità
RIVAROLO-TORINO - La Filarmonica Rivarolese apre la Festa Europea della Musica a Torino
RIVAROLO-TORINO - La Filarmonica Rivarolese apre la Festa Europea della Musica a Torino
Prestigioso appuntamento venerdì 21 giugno alle 21.30 in Piazza Carignano a Torino
BUROLO - I droni contro i reati ambientali e la microcriminalità
BUROLO - I droni contro i reati ambientali e la microcriminalità
I velivoli, dotati anche di fotocamera a luce residua e termocamera, potranno essere utilizzati anche nelle ore notturne
CASTELLAMONTE - Sabato il quarto concerto di primavera tra musica e solidarietà
CASTELLAMONTE - Sabato il quarto concerto di primavera tra musica e solidarietà
Nel corso della serata verrà inoltre proiettato il video musicale ideato e fatto realizzare dal presidente del Lion's Club Alto Canavese Giovanni Tocci, a ricordo di Alessio Chiarovano
IVREA - Bimbo di quattro anni si infilza con un forchettone da barbecue: operato d'urgenza in ospedale
IVREA - Bimbo di quattro anni si infilza con un forchettone da barbecue: operato d
E' fuori pericolo il piccolo che domenica, giocando nel cortile di casa, si è infilzato con un forchettone da grigliata. Cadendo, il bimbo è rimasto ferito ad una coscia. Per fortuna l'attrezzo non ha lesionato i principali vasi sanguigni
EDITORIA - Fondi ai giornali locali in Canavese, assolti gli ex editori
EDITORIA - Fondi ai giornali locali in Canavese, assolti gli ex editori
La Corte d'Appello Milano ha assolto con formula piena, perchè il fatto non sussiste, gli editori Gianluigi Viganò, Mauro Albani e Ludovico Maria Gilberti
CANISCHIO - Ha riaperto la storica Società, punto di riferimento per tutto il paese
CANISCHIO - Ha riaperto la storica Società, punto di riferimento per tutto il paese
La Società è nata intorno agli anni 1890-1898 e, successivamente, l'edifico originario è stato ampliato
VALPERGA - Gli allievi di meccanica e automazione del Ciac tra i primi a trovare lavoro
VALPERGA - Gli allievi di meccanica e automazione del Ciac tra i primi a trovare lavoro
I dati sull'inserimento lavorativo degli allievi in uscita dai corsi del comparto industriale del Ciac di Valperga, anche dell'ultimo anno formativo, sono estremamente positivi
CHIAVERANO - Piccoli vandali in azione, il Comune chiede ai genitori di vigilare sui figli: «Sappiamo chi è stato»
CHIAVERANO - Piccoli vandali in azione, il Comune chiede ai genitori di vigilare sui figli: «Sappiamo chi è stato»
Ancora atti vandalici nel centro storico di Chiaverano. Ora il Comune dice basta: «Se dovesse ricapitare, scatteranno le denunce». I danni, anche questa volta, nella zona della chiesa parrocchiale e del Parco della Rimembranza
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore