PONT - Strettoia sulla Sp47: si apre uno spiraglio per i lavori?

| Esulta la Lega Nord: «Dopo anni di attesa, di false speranze e disinteresse, finalmente abbiamo fatto un passo in avanti»

+ Miei preferiti
PONT - Strettoia sulla Sp47: si apre uno spiraglio per i lavori?
Si apre uno spiraglio per l’inizio dei lavori di allargamento della “strettoia” di Pont Canavese sulla Sp 47, grazie al pressing portato nel Consiglio della Città metropolitana da parte di Mauro Fava. «Dopo anni di attesa, di false speranze e di sostanziale disinteresse, finalmente abbiamo fatto un passo in avanti, forse decisivo – afferma il consigliere del gruppo “Lista civica per il territorio” – e voglio ringraziare la Giunta e soprattutto il consigliere delegato alla Viabilità, Antonino Iaria, per l’interesse che ha dimostrato, compiendo insieme a me un sopralluogo che ha evidenziato tutte le criticità di questo tratto stradale».

La vicenda si trascina da diversi anni e riguarda in particolare un settore lungo circa 700 metri, dove la carreggiata è così stretta da impedire il passaggio contestuale di due autovetture. Con conseguenti problemi alla circolazione e il frequente formarsi di lunghe code nelle due direzioni. Con effetti negativi anche sulle potenzialità turistiche della valle Soana. Il problema era già stato posto all’attenzione dell’allora Provincia di Torino nel 2008 con alcune interrogazioni presentate da Franco Papotti. «Ma erano sempre rimaste lettera morta, nonostante avessimo in maggioranza esponenti di spicco della nostra zona come l’ex sindaco di Cuorgnè Vacca Cavalot, il collega di Pont Marco Balagna o l’assessore eporediese Avetta – prosegue Fava – Molte chiacchiere, ma fatti zero. Tant’è che, nonostante che la Provincia avesse acquisito nel 2008 due immobili che insistono tuttora sulla strada e di cui si necessita la demolizione, per avere il primo progetto di ampliamento si è dovuto attendere tre anni: ma non è mai stato finanziato».

Dopo una nuova lettera al sindaco della Città metropolitana Chiara Appendino da parte degli amministratori dei Comuni di Ingria, Pont Canavese, Ronco e Valprato Soana, e dopo l’interrogazione presentata da Mauro Fava, giovedì scorso (23 febbraio) è stato effettuato il sopralluogo alla presenza dei tecnici del settore Viabilità. «La visita ha messo in luce tutta la pericolosità e le difficoltà alla circolazione che la strettoia comporta – conclude Fava – Ora si lavorerà ad una nuova suddivisione del progetto in lotti che rispecchino maggiormente le necessità più urgenti, dopo di che verrà discusso in Commissione e in Giunta il suo finanziamento. Non è ancora la parola fine di questa lunga storia, ma almeno un primo passo in avanti è stato fatto. Continueremo a vigilare affinché la Giunta porti avanti questo intervento».

La soddisfazione del consigliere del Carroccio è condivisa dal suo collega di partito Franco Papotti, che per primo insieme a Cesare Pianasso aveva evidenziato il problema della Sp 47. «Vorrei poter dire che finalmente il cerchio si chiude, ma aspetto a festeggiare quando la Città metropolitana darà effettivamente il via all’opera – commenta – mi congratulo intanto con Fava, per aver portato avanti questa battaglia, dimostrando l’importanza di avere dei rappresentanti che nei fatti, e non con vuote parole, hanno a cuore le sorti del nostro spesso bistrattato e ignorato Canavese».

Cronaca
CANAVESANA - Anche oggi ritardi a raffica: «E' un calvario infinito»
CANAVESANA - Anche oggi ritardi a raffica: «E
Pendolari esasperati: «Di questo passo saremo costretti ad adottare forme di protesta drastiche nei confronti di Gtt»
OGLIANICO - Intervento della Protezione Civile per la sicurezza - FOTO
OGLIANICO - Intervento della Protezione Civile per la sicurezza - FOTO
Sabato, i volontari della Protezione Civile hanno pulito la sponda di via San Grato, da tempo occupata da rami e foglie
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
La grande quantità di rifiuti accumulati, stimati in circa 8000 metri cubi di materiale, e poi spianati con la finalità di realizzare un piazzale, sono risultati provenienti da altre località, quindi trasportati e poi scaricati sul terreno
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
Sabato 2 e domenica 4 novembre nella frazione Campo sono stati ricordati i Caduti della guerra 15-18 nelle date che ne segnano il Centenario dalla fine
CASELLE - L'autovelox fa strage di multe vicino all'aeroporto: 15 mila in appena un mese
CASELLE - L
Tanti prenderanno la multa per aver superato di poco il limite, c'è chi invece è stato pizzicato ai 200 chilometri orari. In un caso, invece, addirittura per ben 17 volte. Una media notevole di 500 verbali al giorno nel primo mese
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
Sabrina Javanovic, rom 23enne, si introdusse in un'abitazione di Ivrea il 23 dicembre del 2016 e rubò i regali sotto l'albero
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l'azienda lo riassume
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l
Domattina Franco Minutiello, ad un anno e mezzo dalla lettera di licenziamento, tornerà al lavoro. Una questione di dignità personale, al netto del reintegro ordinato dal tribunale. «Ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicino»
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
Sabato avrà inizio una nuova avventura per il rifugio di Ceresole Reale. In programma un «lungo» buffet dalle ore 16 alle 19
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d'Alba e del Canavese
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d
Ancora da quantificare il bottino del colpo che, comunque, secondo alcune stime, non sarebbe inferiore ai 30 mila euro
CIRIE' - Il piromane dei bus potrebbe non aver agito da solo: è caccia ai possibili complici
CIRIE
Non sono concluse le indagini della procura di Ivrea sul rogo doloso che mercoledì scorso, nel cuore della notte, ha distrutto sette autobus parcheggiati nel piazzale della stazione ferroviaria di Ciriè. Un uomo è già stato fermato
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore