PROFUGHI - L'arcivescovo di Torino: «Ospitiamo cinque migranti in ogni parrocchia»

| Monsignor Nosiglia chiede la collaborazione delle unità pastorali

+ Miei preferiti
PROFUGHI - Larcivescovo di Torino: «Ospitiamo cinque migranti in ogni parrocchia»
Un appello all'accoglienza in comunità, parrocchie, istituti, famiglie. E' quello che arriva dalla diocesi di Torino e dall'arcivescovo Cesare Nosiglia che l'altro giorno ha spedito a tutte le parrocchie un invito ad accogliere i migranti in arrivo nel nostro paese. Un invito che la diocesi ha destinato alle parrocchie di tutto il Piemonte. Un appello che, ovviamente, riguarda direttamente un'ampia zona del Canavese, quella nella giurisdizione della diocesi di Torino (tutta l'area da Favria a Cuorgnè, ad esempio).
 
«Cari presbiteri, diaconi e religiosi, famiglie e fedeli e cari cittadini - scrive Nosiglia - in questo periodo estivo è emersa in tutta la sua gravità la problematica dell'accoglienza dei rifugiati che giungono numerosi nella nostra patria come in altre nazioni europee per fuggire da situazioni tragiche di guerre, violenze e povertà estreme. Ne sono derivate polemiche e contrapposizioni aspre. Cavalcare le paure e gli allarmismi ingenera atteggiamenti di rifiuto che chiudono il cuore e addormentano la responsabilità di fronte all'obbligo forte consegnatoci dal Signore e che deve risuonare nelle coscienze e nel cuore di credenti e cittadini: “ero forestiero e mi avete ospitato”. 
 
Ringrazio l’Ufficio diocesano di Pastorale dei Migranti, la Caritas diocesana e le tante realtà parrocchiali o religiose e civili che, insieme a diverse famiglie hanno già offerto nei mesi scorsi a molti rifugiati alloggio o assistenza degna, attenta alle loro necessità primarie. Ritengo tuttavia che il Signore, attraverso questi “segni dei tempi” ci chiami ancora ad un di più di sforzo comune che, pur esigendo sacrificio, ottiene una forte, significativa e concreta testimonianza ecclesiale al Vangelo della carità che come comunità cristiana siamo chiamati ad offrire andando oltre le parole spesso vacue o inutili.
 
Per questo, pur consapevole dell'impegno che comporta la proposta, chiedo ad ogni Unità Pastorale della nostra Diocesi di provare a definire un concreto programma di accoglienza straordinaria e di accompagnamento per alcuni fratelli e sorelle vittime della migrazione forzata. Si tratta in partenza di affrontare il bisogno urgente dell'alloggio per poi promuovere insieme alle altre realtà ecclesiali e civili un sostegno effettivo al percorso di inclusione sociale di cui avranno bisogno. Finora abbiamo messo a disposizione in diverse strutture ecclesiali capaci di accogliere decine e decine di persone - oltre 500 posti, senza contare tanti piccoli nuclei di singole persone o famiglie accolte nelle parrocchie. L'acuirsi dell'emergenza esige ora un intervento diverso, per favorire l’accoglienza capillare di gruppi numericamente più piccoli, ma geograficamente più diffusi sul territorio.
 
Chiedo in particolare ai moderatori e referenti territoriali della Caritas, San Vincenzo e altre realtà che operano nel sociale, di promuovere in ogni Unità Pastorale uno o più luoghi di accoglienza temporanea capaci di ospitare 5 persone ciascuno, cercando la disponibilità presso le parrocchie, gli istituti religiosi, le case di risposo, altre strutture ecclesiali presenti sul territorio. Le comunità siano coinvolte in questa iniziativa sentendosene responsabili e offrendo il loro sostegno.
 
Siccome l’iniziativa presenta anche aspetti delicati, per rendere ordinato il progetto e per attuarlo davvero in rete chiedo ad ogni Unità Pastorale di riferirsi all’Ufficio Pastorale dei Migranti che – in stretta collaborazione con la Caritas diocesana – offrirà un supporto di indirizzo, di coordinamento, di informazione, di elaborazione progettuale. Maria Santissima Consolata e i nostri grandi Santi sociali ci aiutino e sostengano nel compiere fino in fondo questo dovere primario della carità, fonte prima di fede e di pace per tutti. Vi benedico di cuore».
Cronaca
FAVRIA - Schiuma nel canale: scatta l'allarme ambientale - VIDEO
FAVRIA - Schiuma nel canale: scatta l
Seguiranno accertamenti chimici per chiarire la natura della schiuma e per individuare la provenienza. Forse sono solventi
LEINI - Agricoltori armati fino ai denti: doppio arresto dei carabinieri - FOTO
LEINI - Agricoltori armati fino ai denti: doppio arresto dei carabinieri - FOTO
Due agricoltori sono finiti in manette per possesso di armi clandestine. Recuperati fucili e munizioni di dubbia provenienza, forse utilizzati per operazioni di bracconaggio. I due arrestati, entrambi ai domiciliari, erano incensurati
SCOMPARSO NEL NULLA - Stop alle ricerche di Davide Gentile: l'ultimo indizio al Nivolet
SCOMPARSO NEL NULLA - Stop alle ricerche di Davide Gentile: l
Il Capo della Protezione civile, in accordo con tutti gli Enti coinvolti nelle operazioni, ha disposto ieri pomeriggio la sospensione delle ricerche di Davide Gentile, il trentenne scomparso nel nulla ormai da sedici giorni
RIVAROLO - Il sagrato diventa la piazza per Suor Carla De Sarno
RIVAROLO - Il sagrato diventa la piazza per Suor Carla De Sarno
Ennesima intitolazione da parte dell'amministrazione comunale. Questa volta un omaggio alla storica preside dell'Annunziata
MAPPANO-LEINI - Incendio alla Sert, intervento dei vigili del fuoco
MAPPANO-LEINI - Incendio alla Sert, intervento dei vigili del fuoco
Pare che l'incendio abbia interessato una catasta di rifiuti stoccati all'esterno del capannone. Accertamenti in corso
CANAVESE - Inizia l'anno scolastico: controlli a tappeto dei carabinieri sugli autobus di studenti e pendolari
CANAVESE - Inizia l
Ammontano a 76 in tutto gli autobus controllati, a partire da lunedì 11 settembre, dai militari del Nucleo Radiomobile di Ivrea e delle 14 stazioni carabinieri sparse sul territorio canavesano. Tutti i bus hanno superato i controlli
VISCHE - Falsi tecnici della Smat tentano di truffare gli anziani
VISCHE - Falsi tecnici della Smat tentano di truffare gli anziani
La Smat invita a diffidare di coloro che si presentano dichiarando di dover riscuotere bollette o effettuare controlli
STRAMBINO - Incidente mortale: il camionista denunciato per omicidio stradale dai carabinieri
STRAMBINO - Incidente mortale: il camionista denunciato per omicidio stradale dai carabinieri
La vittima, Franco Ferrarese, 63 anni di Ivrea, era in sella a una motocicletta Honda che all'incrocio di via Kennedy per la frazione Carrone, è andata a schiantarsi contro il camion Volvo. Impatto devastante
STRAMBINO - Incidente mortale in viale Kennedy: muore motociclista di Ivrea
STRAMBINO - Incidente mortale in viale Kennedy: muore motociclista di Ivrea
Una motociclista di 63 anni residente a Ivrea ha perso la vita andando a sbattere con la propria Honda contro un autoarticolato Volvo condotto da un camionista francese di 36 anni. Il motociclista è morto sul colpo
RIVAROLO - Il Bike Tour FFC 2017 fa tappa in Canavese
RIVAROLO - Il Bike Tour FFC 2017 fa tappa in Canavese
Campagna Nazionale promossa dalla Fondazione per la ricerca sulla Fibrosi Cistica a sostegno della ricerca sulla malattia genetica grave più diffusa in Italia
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore