RIVAROLO-CUORGNE' - Argento «Made in China» spacciato per vero: 29 denunciati. 10 tonnellate sotto sequestro

| Sono i numeri di un’operazione della Guardia di Finanza di Torino che al termine di una lunga indagine, ha sequestrato oltre 60.000 elementi d’arredo falsamente etichettati in argento. Operazione a Torino e in Canavese

+ Miei preferiti
RIVAROLO-CUORGNE - Argento «Made in China» spacciato per vero: 29 denunciati. 10 tonnellate sotto sequestro
Dieci tonnellate di argento falso sequestrato e 29 persone denunciate per frode in commercio. Sono i numeri di un’operazione della Guardia di Finanza di Torino che al termine di una lunga indagine, ha sequestrato oltre 60.000 elementi d’arredo falsamente etichettati in argento, effettuando oltre trenta perquisizioni in varie località, prevalentemente a Torino e provincia ma anche nel Milanese; dieci le tonnellate del prezioso metallo sequestrato per un valore che si aggira intorno ai 3 milioni di euro.
 
I 29 responsabili dovranno rispondere davanti all’Autorità Giudiziaria di frode in commercio e vendita di prodotti con indicazioni di qualità, di origine o provenienza false. L’attività, coordinata dalla Procura della Repubblica di Torino – Pool Tutela del Consumatore, ha consentito di ricostruire l’intera filiera distributiva dl falso argento interamente radicata tra il Piemonte e la Lombardia. Torino città e la provincia, in particolare in negozi di Grugliasco, La Loggia, Settimo Torinese, Rivarolo Canavese, Cuorgnè, Montalto Dora, Burolo, San Mauro Torinese ed infine Melegnano (MB) e San Giuliano Milanese (MB), sono le località interessate dalle perquisizioni e dai sequestri. La “filiera” produttiva, interamente di matrice cinese e nord africana, individuata nel corso delle indagini, ha commercializzato, per anni, sul territorio nazionale migliaia di cornici portafoto, elementi d’arredo di lusso, vassoi e teiere falsamente etichettati “Silver” o “Silver Plated”, da intendersi Argento ovvero placcati con lo stesso metallo nobile, erano tutti importati dal Belgio dalla Svizzera oppure dalla Repubblica Popolare Cinese, falsamente etichettati “Made in Italy”.
 
Grazie agi esami effettuati dal Laboratorio Chimico dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli di Torino è stato possibile acclarare che gli articoli erano di fatto composti da Ferro, Rame o addirittura da leghe assai meno nobili. Dell’argento, comunque, non ne è risultata traccia. L’operazione dei Baschi Verdi Torinesi è stata finalizzata al contrasto dei fenomeni distorsivi del mercato ed ha consentito di porre maggior tutela ai Distretti Industriali del Nord Italia: “dell’Oreficeria di Valenza” e “Orafo-Argentiero di Vicenza”, già in forte crisi per la situazione economica attuale. Buona parte degli articoli sono finiti anche all’interno di noti locali etnici, siti nella zona della movida torinese il cosiddetto “Quadrilatero” di Torino.
 
Nel corso delle attività i Finanzieri hanno Inoltre sequestrato migliaia di monili, collane e braccialetti composti da pietre dure semi-preziose spacciate per “Turchese”, “Perle” o “Quarzo Ialino”, quest’ultimo noto perché molto utilizzato nella pratica della “Cristalloterapia”, di fatto, poi, dimostratesi essere pietre di fiume verniciate, ovvero plastica o residui della fusione del vetro. I pezzi falsificati, infatti, non garantiscono la rispondenza agli standard qualitativi, ed essendo gli stessi oggetti composti da ferro saranno soggetti a ruggine fin dai primi trattamenti pulenti; a tutto ciò si aggiunge anche il problemi dal punto di vista della sostenibilità, perché i materiali utilizzati per la contraffazione spesso non rispettano le normative per la sicurezza; in alcuni casi, addirittura, esponendo il consumatore finale a contatto con Nichel, potrebbe creare condizioni favorevoli alla manifestazione di allergie.
 
29 i responsabili denunciati alla Procura della Repubblica torinese per frode in commercio e vendita di prodotti falsi, rischiano sino a tre anni di reclusione. La complessa operazione, rientra nel quadro delle attività svolte in via esclusiva dalla Guardia di Finanza quale organo di Polizia Economico Finanziaria a tutela della concorrenza e del mercato posta ad argine delle Frodi in Commercio.
Video
Galleria fotografica
RIVAROLO-CUORGNE - Argento «Made in China» spacciato per vero: 29 denunciati. 10 tonnellate sotto sequestro - immagine 1
Cronaca
CERESOLE REALE - La neve non arretra, slitta la riapertura della strada per il Nivolet - FOTO
CERESOLE REALE - La neve non arretra, slitta la riapertura della strada per il Nivolet - FOTO
Inizieranno nei prossimi giorni le operazioni della Città metropolitana di Torino per lo sgombero neve sulla provinciale che da Ceresole Reale porta direttamente al Colle del Nivolet, nel cuore del Parco nazionale del Gran Paradiso
LEINI-LOMBARDORE - 460 chiusa: i lavori sono ancora fermi...
LEINI-LOMBARDORE - 460 chiusa: i lavori sono ancora fermi...
La Città metropolitana ha fatto sapere oggi che i lavori, avviati a fine aprile, si sono bloccati e sono ancora fermi
CHIVASSO - Provoca un incidente e scappa, poi si costituisce ai vigili
CHIVASSO - Provoca un incidente e scappa, poi si costituisce ai vigili
E' stato denunciato per omissione di soccorso il 28enne che oggi, verso le 13, ha provocato un incidente all'uscita della A4
OMICIDIO ROSBOCH - Chiesti sedici anni di carcere per Caterina Abbattista - VIDEO
OMICIDIO ROSBOCH - Chiesti sedici anni di carcere per Caterina Abbattista - VIDEO
Il figlio 24enne è già stato condannato col rito abbreviato a trent'anni di carcere. Il complice Roberto Obert, sempre col rito abbreviato, a diciannove anni di reclusione. La prossima settimana parleranno le difese
LOMBARDORE - Auto nella scarpata, caos sulla provinciale 267
LOMBARDORE - Auto nella scarpata, caos sulla provinciale 267
Secondo la ricostruzione, il conducente della Mg cabrio è finito nel canale per evitare l'impatto con un'altra vettura
BUSANO - Incidente nella zona industriale: una donna contusa
BUSANO - Incidente nella zona industriale: una donna contusa
Nell'incidente, per fortuna, non sono rimasti coinvolti altri veicoli
MAPPANO - Il Mercatone Uno passa a Shernon Holding e Cosmo
MAPPANO - Il Mercatone Uno passa a Shernon Holding e Cosmo
L'esito della procedura consentirà la continuità aziendale e la salvaguardia di 2000 posti di lavoro in tutta Italia
CASTELLAMONTE - Incidente mortale, la vittima era un operaio di 48 anni - FOTO e VIDEO
CASTELLAMONTE - Incidente mortale, la vittima era un operaio di 48 anni - FOTO e VIDEO
Era un operaio di 48 anni residente a Castellamonte, originario della Costa d'Avorio, l'uomo che questa sera ha perso la vita in un tragico incidente tra Ozegna e Castellamonte. Si è scontrato con un tir condotto da un camionista di Rivalta
CASTELLAMONTE-OZEGNA - Incidente mortale sulla provinciale: auto contro tir - FOTO E VIDEO
CASTELLAMONTE-OZEGNA - Incidente mortale sulla provinciale: auto contro tir - FOTO E VIDEO
Ancora una tragedia sulle strade del Canavese. Un uomo è morto nello scontro frontale tra una Skoda Fabia e un tir. La dinamica è al vaglio dei carabinieri del nucleo radiomobile di Ivrea. Inutili tutti i soccorsi
FORNO CANAVESE - Due incidenti nello stesso punto: due ragazzi di Pont elitrasportati in ospedale
FORNO CANAVESE - Due incidenti nello stesso punto: due ragazzi di Pont elitrasportati in ospedale
Due incidenti in poche ore nello stesso punto della provinciale Rivara-Forno. Il più recente oggi pomeriggio nel rettilineo della frazione Crosi di Forno. Una Fiat Bravo, con a bordo due giovani, si è schiantata contro un palo di cemento
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore