RIVAROLO - La piscina del Condo Club chiusa dal Comune

| Priva di autorizzazioni: i vigili lo scoprono con 12 anni di ritardo

+ Miei preferiti
RIVAROLO - La piscina del Condo Club chiusa dal Comune
UPDATE - La piscina, adesso, è regolarmente aperta.
--------------------------
Sarà il Tar del Piemonte ad esprimersi in via definitiva sulla chiusura della piscina del "Condo Club" di Pasquaro, una delle strutture più rinomate della zona, dalla quale sono passati migliaia di canavesani. Ebbene, qualche settimana fa, dopo dodici anni, il Comune di Rivarolo si è accorto che a quella piscina mancano le autorizzazioni di pubblica sicurezza. Per oltre un decennio la struttura è rimasta regolarmente aperta senza che nessuno, da Palazzo Lomellini, si rendesse conto del problema. Di più: negli anni scorsi il Comune aveva persino sottoscritto una convenzione con i gestori della piscina per l'organizzazione di corsi di nuoto a favore dei bimbi delle scuole.
 
E' quanto hanno scritto nel ricorso al Tar gli avvocati Lorenzo Favro e Katia Giardini, legali di Giuseppe Gonella, gestore del Condo Club. «L'attività è iniziata nel 1990 - scrivono i legali chiedendo l'annullamento dell'ordinanza del Comune di Rivarolo - dapprima come club privato e, successivamente, dal 1994, come esercizio commerciale con licenza di tipo C. Nel 2002 la licenza è stata convertita in autorizzazione di tipo A e B, successivamente sostituita con la tipologia A1 e A2. Al titolare non veniva spiegato che la nuova tipologia dell'autorizzazione non comprendeva la piscina».
 
In tutti questi anni, secondo i legali, Gonella è stato convinto di essere in regola, tanto più che il Comune (inspiegabilmente) non gli ha mai contestato nulla. Anzi, nel 2003, Gonella presenta anche un progetto per la ristrutturazione e l'ampliamento della piscina, in merito al quale il Comune ha addirittura risposto positivamente. 
 
«Non si comprende - scrivono gli avvocati - come sia possibile che per 12 anni il Comune, che ha effettuato numerosi controlli sull'attività natatoria, non si sia mai accorto e non abbia mai contestato al signor Gonella la mancanza dell'autorizzazione di pubblica sicurezza della piscina». Già, in effetti proprio non si comprende. Viene da chiedersi dov'erano i responsabili di alcuni uffici comunali (a partire dalla polizia municipale) prima dell'avvento della commissione straordinaria. Una domanda lecita che non riguarda solo l'amministrazione commissariata un anno e mezzo fa. 
 
In ogni caso, in attesa che il Tar si pronunci, il Comune ha fatto valere la propria ordinanza di cessazione immediata dell'attività.
Cronaca
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
«Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell'Anffas - FOTO
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell
La fondazione La Torre-Anffas, nata nel 1985 da un progetto della Regione, assiste numerosi pazienti nella sede rivarolese
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
In queste ore l'influenza di un promontorio di alta pressione esteso dal Nord Africa fino alla Penisola Scandinava, garantisce giorni soleggiati e un aumento delle temperature massime
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
Il progetto è cofinanziato da Comune di Caselle, Cim di Mappano, Compagnia di San Paolo e associazione Sinapsi
IVREA - Core festeggia i vent'anni di attività al castello di Masino
IVREA - Core festeggia i vent
L’azienda si è caratterizzata per la capacità di seguire le evoluzioni del mercato informatico, superando gli anni di crisi
AGLIE' - Muore in casa a 38 anni: ritrovato dai carabinieri
AGLIE
Si tratta di una persona nota in paese, più volte finito alla ribalta delle cronache. Anni fa aveva salvato i vicini da un incendio
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
Un bimbo di sei anni morto nell'incidente. Al volante dell'auto il pilota Cristian Milano, 47 anni, di Prascorsano, colto da un malore durante la gara. Tanti sportivi si sono stretti al dolore della famiglia del piccolo
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - Muore un bimbo travolto da un'auto: la procura di Ivrea apre un'inchiesta - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
Un'auto impegnata nella corsa è uscita di strada travolgendo un'intera famiglia. L'inchiesta è stata affidata al pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono in corso a cura dei carabinieri
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
Scontro frontale, oggi intorno alle 16.30. Coinvolti un Fiat Ducato e una Fiat Panda all'incrocio appena fuori il centro abitato
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
Tragedia assurda a Coassolo, nelle Valli di Lanzo. Nel corso del «Rally Città di Torino» un'auto è finita sulla folla. Un bambino di 6 anni è morto travolto dalla vettura in gara. Travolti anche altri tre spettatori
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore