RIVAROLO - Muore dopo la pillola dell'aborto, l'autopsia

| Anna Marchisio era cresciuta a Rivarolo dove ancora vivono i genitori. Si cercano risposte a una morte assurda

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Muore dopo la pillola dellaborto, lautopsia
L'autopsia non ha dato riscontri precisi sul decesso di Anna Marchisio, la maestra d’asilo e mamma di 37 anni, morta mercoledì scorso al Martini di Torino dopo l'aborto farmacologico con la RU486. La donna è cresciuta a Rivarolo dove ancora abitano i genitori, in via Cerrano. 
 
Il medico legale non avrebbe trovato segni evidenti che legherebbero la somministrazione dei quattro farmaci che hanno procurato l’aborto con il decesso della donna. Serviranno altri test per capire che cosa è successo. Intanto in mattinata anche i carabinieri del Nas di Torino hanno effettuato un sopralluogo al Martini.
 
L’ipotesi è che a uccidere la donna sia stata un’embolia polmonare. Resta però da capire che cosa l’abbia scatenata. Secondo quanto ha potuto ricostruire la procura di Torino, la donna, dopo aver preso la pillola RU486 che ferma la gravidanza, aveva chiesto e ottenuto di poter tornare a casa. Due giorni dopo si era ripresentata in ospedale per la fase dell’espulsione. 
 
È a quel punto che qualcosa va storto. Quattro ore dopo la donna chiude aiuto al personale medico del Martini, in preda a una crisi respiratoria. Viene soccorsa e intubata ma le crisi, purtroppo, si ripetono fino al decesso. Anche il Ministero della salute ha aperto un'inchiesta.
Cronaca
VALPERGA - Licenziata dalle suore, vince la causa in tribunale ma ancora non è stata riassunta...
VALPERGA - Licenziata dalle suore, vince la causa in tribunale ma ancora non è stata riassunta...
Si lacera i tendini della spalla per salvare un paziente della casa di riposo da una brutta caduta. Quando l'Inail le certifica l'infortunio sul lavoro, però, l'istituto religioso che gestisce la residenza per anziani, l'ha già cacciata...
RIVAROLO - Per l'Aldo Moro un riconoscimento ufficiale da Cambridge
RIVAROLO - Per l
La scuola rivarolese ottiene la targa di Centro di Preparazione per le certificazioni linguistiche Cambridge Assessment English
STRAMBINO - Carabinieri a scuola: una «lezione» contro il bullismo
STRAMBINO - Carabinieri a scuola: una «lezione» contro il bullismo
L'incontro, rivolto ai genitori della media, ha visto la partecipazione dei militari dell'Arma e della psicologa Lepore
CASTELLAMONTE - Iniziato il processo d'appello per l'omicidio Rosboch
CASTELLAMONTE - Iniziato il processo d
I due imputati sono assistiti dagli avvocati Celere Spaziante e Giorgio Piazzese e mirano ad un contenimento della pena
SANITA' - Antonio Alfano nuovo direttore del Laboratorio Analisi
SANITA
Alfano ha iniziato la carriera professionale come medico di laboratorio analisi nell'allora ospedale Mauriziano di Lanzo
CANAVESANA - Violenta rissa sul treno: un ferito e tre denunciati
CANAVESANA - Violenta rissa sul treno: un ferito e tre denunciati
Il ferito è stato soccorso dal personale del 118 e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Maria Vittoria
IVREA - Lo chef stellato Gabriele Boffa con i ragazzi del Ciac - VIDEO
IVREA - Lo chef stellato Gabriele Boffa con i ragazzi del Ciac - VIDEO
Torna appuntamento di alta cucina formativa. Protagonista di questa edizione il giovanissimo chef stellato di Diano D'alba
CASTELLAMONTE - Evade dai domiciliari per «comprare» i regali di Natale: donna di Pont Canavese arrestata al Bennet
CASTELLAMONTE - Evade dai domiciliari per «comprare» i regali di Natale: donna di Pont Canavese arrestata al Bennet
Il Gip del tribunale di Ivrea, che ha convalidato l'arresto ed ha proceduto al giudizio con rito direttissimo, ha condannato la 41enne a dieci mesi di reclusione e al pagamento delle spese processuali. Denunciata anche per tentato furto
CANAVESE - Spaccio di droga: indagini in tutta la zona - VIDEO
CANAVESE - Spaccio di droga: indagini in tutta la zona - VIDEO
I carabinieri del Nucleo Investigativo hanno eseguito a Torino e provincia, ieri mattina, 12 misure cautelari in carcere
PONT CANAVESE - Falso cieco denunciato dalla guardia di finanza: incassava due pensioni senza diritto
PONT CANAVESE - Falso cieco denunciato dalla guardia di finanza: incassava due pensioni senza diritto
Truffa aggravata ai danni dello Stato è il reato contestato all'uomo, che avrebbe percepito, indebitamente, negli ultimi anni, oltre 30.000 euro. Girava con un bastone per ciechi e accompagnato da un «falso» cane guida
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore