RIVAROLO - Sentenza Tar contro la centrale a biomassa: la prossima amministrazione cosa deciderà?

| «Ora che il ricorso Sipea è stato dichiarato inammissibile dal Tar Piemonte, occorre decidere se perseguire un accordo oppure ordinare la demolizione delle opere», spiegano dall'associazione ambientalista «Non bruciamoci il futuro»

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Sentenza Tar contro la centrale a biomassa: la prossima amministrazione cosa deciderà?
Il ricorso della Sipea contro il Comune è stato respinto. Ora la prossima amministrazione di Rivarolo dovrà decidere come gestire la questione della centrale a biomassa. L'azienda si era rivolta al Tar contro il provvedimento negativo, rilasciato dal Comune, in merito ad alcune modifiche al progetto originale della centrale. Una parte degli impianti, infatti, è stata costruita su una porzione di Vallesusa adibita a parcheggio pubblico. La sentenza del 27 marzo ha dichiarato inammissibile il ricorso. I giudici hanno fatto presente che «al di là della contestazione, nessun provvedimento lesivo è stato adottato dal Comune nei confronti di Sipea: né l’annullamento dei titoli edilizi, né tanto meno un’ordinanza di demolizione delle opere in questione».

L'associazione Non bruciamoci il futuro torna sull'argomento: «Nel corso di alcuni sopralluoghi sollecitati dalla nostra Associazione, il Comune di Rivarolo guidato dalla allora Commissione Straordinaria (insediata da poco in Comune causa le note vicende) ebbe a constatare che la società Sipea aveva realizzato alcune opere senza la disponibilità giuridica delle aree essendo assoggettate ad uso pubblico (come stabilito dal' art.7 della Convenzione 14/5/2008 ed in attuazione della terza variante del Piano Particolareggiato Esecutivo, P.P.E. per l'area ex Vallesusa). In pratica per il Comune risulterebbe non conforme tutto quanto realizzato all'esterno del già esistente parallelepipedo storico e cioè: tutta l'enorme caldaia a biomasse, il deposito cippato e il suo sistema di movimentazione».

Contro quel provvedimento del Comune la Sipea (oggi Engie) aveva presentato il ricorso ed in via subordinata aveva richiesto i danni (54 milioni di euro, 21.462.341 euro per spese sostenute nella realizzazione della centrale + 32.687.000 per il mancato guadagno). «Ora che il ricorso Sipea è stato dichiarato inammissibile dal Tar Piemonte, occorre decidere se perseguire un accordo oppure ordinare la demolizione delle opere in questione - spiegano dall'associazione ambientalista - rimane però il dubbio che se si fosse trattato di abuso edilizio di un qualunque cittadino, senza richiesta danni per 54 milioni, l'ordine di demolizione con sanzione e ripristino dei luoghi sarebbe probabilmente già partito».

Cronaca
SAN BENIGNO - Denuncia contro la casa di riposo per la caduta di un'anziana
SAN BENIGNO - Denuncia contro la casa di riposo per la caduta di un
Sono gravi le condizioni di un'anziana signora, caduta durante le operazioni di sollevamento con l'elevatore
IVREA - Disservizi nell'erogazione dell'acqua da parte di Smat al quartiere Bellavista
IVREA - Disservizi nell
Riceviamo e pubblichiamo una lettera di una consumatrice del quartiere Bellavista, scontenta del trattamento ricevuto dal servizio clienti
VALPERGA - La nuova stagione porterà alcune novità al Cinema Ambra
VALPERGA - La nuova stagione porterà alcune novità al Cinema Ambra
Lunedi sera a prezzo ridotto e appuntamenti ed eventi speciali il mercoledi sera.
VILLANOVA CANAVESE - Chiusura temporanea della sp.724
VILLANOVA CANAVESE - Chiusura temporanea della sp.724
Chiusura il 21 e 22 agosto per lavori di manutenzione alla linea ferroviaria
CALUSO - Epidemia di leptospirosi in fase di contenimento al canile
CALUSO - Epidemia di leptospirosi in fase di contenimento al canile
L'infezione, partita da alcuni cani arrivati da un'azienda agricola di Val di Chy, verrà risolta entro tre settimane
LAVORO - Opportunità di lavoro in Ferrero
LAVORO - Opportunità di lavoro in Ferrero
Dall'operaio al marketing specialist, sono moltissime le posizioni aperte in una delle eccellenze italiane nel mondo
LAVORO - Tirocini retribuiti sul commercio estero con il progetto Yes!Lavoro
LAVORO - Tirocini retribuiti sul commercio estero con il progetto Yes!Lavoro
Ceipiemonte seleziona 16 giovani laureati e laureate per avviarli a un tirocinio full time retribuito (minimo 600 Euro) preceduto da un corso di formazione per Junior Export Manager.
PONTE PRETI - Bozzello tiene alta la guardia su mezzi pesanti e viabilità
PONTE PRETI - Bozzello tiene alta la guardia su mezzi pesanti e viabilità
26.000 firme raccolte e nulla si è ancora mosso: il ponte è stato dichiarato sicuro, ma nulla si è mosso sul fronte della viabilità
AGLIE' - Visita della giuria "Comuni Fioriti" per l'assegnazione del Marchio di Qualità
AGLIE
Il concorso si trasforma in una prestigiosa certificazione di qualità dell'ambiente di vita, valutando accoglienza, benessere, rispetto ed armonia
VESTIGNE' - Bimbo di cinque anni investito da una Fiat Punto
VESTIGNE
Trasportato con l'elisoccorso al Regina Margherita in codice rosso: è stato intubato
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore