RIVAROLO - Sentenza Tar contro la centrale a biomassa: la prossima amministrazione cosa deciderą?

| «Ora che il ricorso Sipea č stato dichiarato inammissibile dal Tar Piemonte, occorre decidere se perseguire un accordo oppure ordinare la demolizione delle opere», spiegano dall'associazione ambientalista «Non bruciamoci il futuro»

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Sentenza Tar contro la centrale a biomassa: la prossima amministrazione cosa deciderą?
Il ricorso della Sipea contro il Comune è stato respinto. Ora la prossima amministrazione di Rivarolo dovrà decidere come gestire la questione della centrale a biomassa. L'azienda si era rivolta al Tar contro il provvedimento negativo, rilasciato dal Comune, in merito ad alcune modifiche al progetto originale della centrale. Una parte degli impianti, infatti, è stata costruita su una porzione di Vallesusa adibita a parcheggio pubblico. La sentenza del 27 marzo ha dichiarato inammissibile il ricorso. I giudici hanno fatto presente che «al di là della contestazione, nessun provvedimento lesivo è stato adottato dal Comune nei confronti di Sipea: né l’annullamento dei titoli edilizi, né tanto meno un’ordinanza di demolizione delle opere in questione».

L'associazione Non bruciamoci il futuro torna sull'argomento: «Nel corso di alcuni sopralluoghi sollecitati dalla nostra Associazione, il Comune di Rivarolo guidato dalla allora Commissione Straordinaria (insediata da poco in Comune causa le note vicende) ebbe a constatare che la società Sipea aveva realizzato alcune opere senza la disponibilità giuridica delle aree essendo assoggettate ad uso pubblico (come stabilito dal' art.7 della Convenzione 14/5/2008 ed in attuazione della terza variante del Piano Particolareggiato Esecutivo, P.P.E. per l'area ex Vallesusa). In pratica per il Comune risulterebbe non conforme tutto quanto realizzato all'esterno del già esistente parallelepipedo storico e cioè: tutta l'enorme caldaia a biomasse, il deposito cippato e il suo sistema di movimentazione».

Contro quel provvedimento del Comune la Sipea (oggi Engie) aveva presentato il ricorso ed in via subordinata aveva richiesto i danni (54 milioni di euro, 21.462.341 euro per spese sostenute nella realizzazione della centrale + 32.687.000 per il mancato guadagno). «Ora che il ricorso Sipea è stato dichiarato inammissibile dal Tar Piemonte, occorre decidere se perseguire un accordo oppure ordinare la demolizione delle opere in questione - spiegano dall'associazione ambientalista - rimane però il dubbio che se si fosse trattato di abuso edilizio di un qualunque cittadino, senza richiesta danni per 54 milioni, l'ordine di demolizione con sanzione e ripristino dei luoghi sarebbe probabilmente già partito».

Cronaca
CANAVESE - Operai cinesi segregati come schiavi: operazione della guardia di finanza ad Aglič, Montalenghe e Cuceglio
CANAVESE - Operai cinesi segregati come schiavi: operazione della guardia di finanza ad Aglič, Montalenghe e Cuceglio
Sotto casa dei genitori dei due imprenditori cinesi coinvolti, tra lettini per riposare ed una cucina improvvisata erano installate le macchine per cucire, e montagne di pellami erano pronte per confezionare prodotti
FAVRIA - Il paese piange per l'addio all'Alpino «Meo»
FAVRIA - Il paese piange per l
Si č spento Marco Bartolomeo Castello, per tutti Meo, 82 anni, cavaliere del lavoro
CASELLE - Rapina al Bennet: balordo tenta di investire vigilantes
CASELLE - Rapina al Bennet: balordo tenta di investire vigilantes
E' caccia al malvivente che nel primo pomeriggio di oggi ha fatto razzia di profumi all'interno del centro commerciale di Caselle
IVREA - Truffe in cittą: attenzione ai finti dipendenti del Comune
IVREA - Truffe in cittą: attenzione ai finti dipendenti del Comune
L'amministrazione comunale fa presente che nessun funzionario comunale č stato incaricato a svolgere questo compito
SAN GIUSTO - Sicurezza e lavori urgenti: chiudono le scuole del paese
SAN GIUSTO - Sicurezza e lavori urgenti: chiudono le scuole del paese
I consiglieri di minoranza hanno organizzato un'assemblea pubblica per venerdģ sera per discutere del caso
FELETTO - Furti nelle case, inseguimento dei carabinieri: un malvivente arrestato. I complici in fuga
FELETTO - Furti nelle case, inseguimento dei carabinieri: un malvivente arrestato. I complici in fuga
I carabinieri della compagnia di Ivrea hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un giovane albanese: K.V., di anni 23, celibe, senza fissa dimora, fuggito con alcuni complici a bordo di un’autovettura rubata
CUORGNE' - Aule del 25 Aprile gelide per un guasto ai sensori del riscaldamento
CUORGNE
La Cittą metropolitana č subito intervenuta per risolvere il problema all'impianto di riscaldamento
LEINI - Bar con troppi pregiudicati: il questore lo chiude per 15 giorni
LEINI - Bar con troppi pregiudicati: il questore lo chiude per 15 giorni
La chiusura č motivata in base all'articolo 100 del Tulps relativo alla ripetuta presenza di pregiudicati all'interno del bar
IVREA - I ragazzi delle scuole medie entrano in radio con «Ribelli»
IVREA - I ragazzi delle scuole medie entrano in radio con «Ribelli»
La prima puntata. domenica, sulla musica, mentre nel secondo appuntamento i ragazzi avranno l'occasione di raccontarsi
CASELLE - L'aeroporto sostiene il settore turistico del Piemonte
CASELLE - L
E' stato ufficialmente inaugurato mercoledģ «Piemonte in your hands», il nuovo spazio di promozione turistica del territorio
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore