RIVAROLO - Vigili del fuoco muoiono in servizio: dopo 58 anni il ricordo è sempre vivo

| I colleghi volontari hanno reso omaggio alla memoria dei caduti il 2 gennaio di 58 anni fa. Stavano andando a domare un incendio a Rocca quando un treno della Canavesana li ha travolti tra Rivarolo e Favria

+ Miei preferiti
RIVAROLO - Vigili del fuoco muoiono in servizio: dopo 58 anni il ricordo è sempre vivo
Il 2 gennaio è una delle date più tragiche nella storia della città di Rivarolo Canavese. Ogni anno si ricorda quel maledetto giorno del 1958, quando persero la vita – sulla loro autobotte, in un terribile incidente ferroviario all’altezza del passaggio a livello di via Favria – quattro vigili del fuoco in servizio al distaccamento locale. Si chiamavano Giacomo Gindro, Antonio Merlo, Domenico Porello e Renè Sacchi. Il loro sacrificio è ricordato in una lapide, all’ingresso del municipio e in un cippo commemorativo sul luogo della sciagura. Dove questa sera, come da tradizione, i colleghi volontari hanno reso omaggio alla memoria dei caduti.
 
«Lungo le rotaie i brandelli dell'autopompa, il vermiglio della vernice si mescolava a quello del sangue». Giorgio Lunt, sulla pagina de «La Nuova Stampa» è eloquente nel descrivere la cronaca dell'incidente costato la vita ai quattro vigili volontari. Erano a bordo del «Leoncino» rosso (appena entrato in servizio) e stavano correndo a Rocca per domare un incendio.
 
Il cippo è stato posto in prossimità del passaggio a livello che segna il confine tra Favria e Rivarolo, dove l'autopompa, quella sera, venne centrata in pieno dall'ultima littorina della Canavesana. Le sbarre del passaggio a livello erano aperte. L'impatto fu devastante. Altri quattro vigili del fuoco rimasero feriti: Secondino Furno, Domenico Milano, Ezio Porello e Domenico Vecchia.  Come da prassi, la vecchia sirena del distaccamento di Rivarolo ha suonato più volte. Per ricordare quell'incidente, il dolore della città e, in fondo, la riconoscenza che tutti dobbiamo ai vigili del fuoco. Volontari al servizio degli altri. Sempre e comunque.
Galleria fotografica
RIVAROLO - Vigili del fuoco muoiono in servizio: dopo 58 anni il ricordo è sempre vivo - immagine 1
RIVAROLO - Vigili del fuoco muoiono in servizio: dopo 58 anni il ricordo è sempre vivo - immagine 2
RIVAROLO - Vigili del fuoco muoiono in servizio: dopo 58 anni il ricordo è sempre vivo - immagine 3
RIVAROLO - Vigili del fuoco muoiono in servizio: dopo 58 anni il ricordo è sempre vivo - immagine 4
RIVAROLO - Vigili del fuoco muoiono in servizio: dopo 58 anni il ricordo è sempre vivo - immagine 5
Dove è successo
Cronaca
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
Domenca «Cammin'arte» e alla sera, con la chiusura dei punti mostra alle 20, l'atteso concerto di Francesco Taskayali
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
«Leggeremo le motivazioni e valuteremo cosa fare. Ma prima ci sarà il processo a Caterina Abbattista». Il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha commentato così la sentenza del gup Alessandro Scialabba sul caso Rosboch
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
Intervento dei vigili del fuoco oggi pomeriggio nei pressi del passaggio a livello della stazione. Indagini sul proprietario del mezzo
CUORGNE' - Paura all'interno della Federal Mogul, scatta l'evacuazione
CUORGNE
L'allarme scattato per una possibile intossicazione nel reparto cuscinetti. Una cinquantina di dipendenti fatti evacuare
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
Ettore Rosboch all'uscita dal tribunale si scaglia contro la sentenza. Anche la madre di Gloria, Marisa Mores, si dice insoddisfatta. La famiglia aveva chiesto giustizia per la morte della loro unica figlia
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L'ERGASTOLO
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L
Si è chiuso il processo di primo grado per l'omicidio della povera professoressa di Castellamonte. L'ex allievo, reo-confesso del delitto, è stato condannato a trent'anni. Accolta solo in parte la richiesta della procura di Ivrea
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Le tappe fondamentali dell'assassinio di Gloria Rosboch - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Le tappe fondamentali dell
Si è chiuso al tribunale di Ivrea, oggi, un altro capitolo della lunga storia che ha portato all'efferato omicidio della professoressa Rosboch. Ecco il riassunto di quanto avvenuto in alcune tappe fondamentali
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
Il piccolo Comune della Valle Soana difende la scelta di ospitare la gara goliardica e benefica dopo le tante polemiche emerse
CUORGNE' - Riparato il Gesù bambino decapitato dai vandali
CUORGNE
La statua affidata alla restauratrice Sara Bertella è stata riconsegnata a Pezzetto in settimana e quindi riposizionata
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
Nei campi vicino alla provinciale è atterrato l'elisoccorso. Dinamica dell'incidente stradale al vaglio dei carabinieri
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore