SANITA' - L'Asl Canavese aderisce alla giornata «Il mio naso ribelle»

| Giovedì 10 novembre una giornata dedicata alla prevenzione e alla diagnosi di una particolare forma di rinite, la rinite cellulare

+ Miei preferiti
SANITA - LAsl Canavese aderisce alla giornata «Il mio naso ribelle»
Anche quest’anno l’ASL TO4 ha aderito alla Giornata nazionale “Il mio naso ribelle”, promossa dall’Accademia Italiana di Citologia Nasale (AICNA), che si svolgerà giovedì 10 novembre. Una Giornata dedicata alla prevenzione e alla diagnosi di una particolare forma di rinite, la rinite cellulare. In questa data sarà possibile eseguire gratuitamente il test di citologia nasale presso l’Otorinolaringoiatria dell’Ospedale di Chivasso, diretta dal dottor Libero Tubino, uno dei cinquanta centri italiani scelti per la competenza clinico-scientifica in questo settore. La Giornata sarà coordinata dalla dottoressa Paola Rosso, medico specialista presso la stessa struttura di Otorinolaringoiatria. La citologia nasale gratuita sarà eseguita presso l’Ambulatorio di Otorinolaringoiatria del Presidio ospedaliero di Chivasso, dalle 12 alle 14, previa prenotazione al numero 346 5851161. Non è necessaria l’impegnativa medica.
 
La possibilità di eseguire questo test non si esaurisce, comunque, nella sola giornata in questione. E’, infatti, possibile prenotare tramite CUP e con richiesta medica, presso lo stesso Ambulatorio, l’esame citologico nasale e relativa analisi microscopica. Le malattie nasali colpisco in Italia un individuo su 2, circa il 55% della popolazione. Naso chiuso, che cola, crisi di starnuti, prurito che interessa talvolta anche gli occhi, ridotta sensibilità agli odori, sono tutti sintomi che evocano, di solito, la presenza di una “allergia”. Non sempre è così. Spesso la cronologia dei sintomi non concorda con i test allergologici. Da non molto si è scoperto che le malattie nasali possono prendere forma già dall'infanzia. Esistono forme di rinite, oggi meglio definite come “cellulari”, che hanno radici genetiche e che portano a infiammazioni croniche. Un bambino su 10 (13%) nasce con una rinite non allergica su base cellulare. Queste forme disturbano il sonno e la qualità di vita. Coloro che ne soffrono spesso non dormono e non respirano, non riescono a fare sport e a lavorare bene. E se le riniti allergiche sono più universalmente conosciute, quelle non allergiche possono portare, se non diagnosticate e adeguatamente trattate, a sviluppare asma e poliposi nasale.
 
Curare la rinite cellulare è possibile, ma solo dopo un’attenta diagnosi. Nuovi strumenti diagnostici hanno permesso di individuarla, dando così la possibilità di trovare la cura che restituisce una buona qualità di vita. La citologia nasale è l’unica pratica medica, semplice e non costosa, capace di farlo. E’ un esame assolutamente non doloroso, eseguibile anche su bambini, che consiste nel prelievo di muco nasale, sottoposto poi a successivo esame microscopico. In questo modo si capisce anche qual è il tipo più appropriato di cura. Si tratta molto spesso di una terapia cronica, come cronica è la malattia. Qualora, però, opportunamente diagnosticate, le riniti cellulari hanno buone possibilità di trattamento. La scelta della data in cui questa Giornata nazionale si svolge non è casuale. Il mese di novembre, infatti, è quello in cui nell’aria si ha meno diffusione di pollini. Chi non ha allergie a novembre dovrebbe star bene. Chi invece presenta sintomi in questo periodo, al di fuori delle comuni infezioni virali o batteriche del raffreddore, è invitato a sottoporsi all’esame.
Cronaca
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Caccia ai possibili complici di Giuseppe Laforè, preso dopo una settimana di fuga
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Caccia ai possibili complici di Giuseppe Laforè, preso dopo una settimana di fuga
Il 24enne è stato fermato a Moncalieri dai carabinieri della Falchera, dopo una settimana di fuga. Interrogato dal procuratore d'Ivrea, Ferrando, alla fine ha confessato. Si era stancato dell'atteggiamento del padre dell'ex fidanzata
CIRIE' - Per sfuggire all'arresto investe con la bici un carabiniere
CIRIE
Un uomo di 39 anni è stato arrestato dai carabinieri per detenzione di stupefacenti, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale
LAVORO IN CANAVESE - 14 posti da cantoniere disponibili - ECCO COME PARTECIPARE AL BANDO
LAVORO IN CANAVESE - 14 posti da cantoniere disponibili - ECCO COME PARTECIPARE AL BANDO
I candidati dovranno essere residentei nei Comuni sedi di cantiere o in subordine nei Comuni che fanno riferimento ai CPI di Cuorgnè e di Ivrea
FAVRIA - Giù calcinacci dal campanile: nuovo intervento dei pompieri - VIDEO
FAVRIA - Giù calcinacci dal campanile: nuovo intervento dei pompieri - VIDEO
I vigili del fuoco sono tornati questa mattina, sabato 19 gennaio, in quel Favria, per terminare l'intervento di messa in sicurezza di chiesa e campanile. Un intervento delicato vista la particolare posizione del cornicione pericolante
VOLPIANO-CUORGNE' - Concerti d'Inverno per le due filarmoniche
VOLPIANO-CUORGNE
La Società Filarmonica Volpianese e l'Accademia Filarmonica dei Concordi di Cuorgnè hanno organizzato due concerti d'Inverno
CANAVESE - Si scia questo fine settimana nelle valli Orco e Soana
CANAVESE - Si scia questo fine settimana nelle valli Orco e Soana
La neve naturale ancora si fa attendere ma nelle località sciistiche gli impianti sono comunque aperti per gli amanti dello sport
VICO CANAVESE - Incendio al tetto di una casa, vigile del fuoco lievemente ferito
VICO CANAVESE - Incendio al tetto di una casa, vigile del fuoco lievemente ferito
Un vigile del fuoco è rimasto lievemente ferito, oggi pomeriggio, nel corso delle operazioni di spegnimento di un incendio al tetto di un'abitazione di Inverso
CALUSO - Vuole la birra senza pagare: botte a negoziante e carabinieri
CALUSO - Vuole la birra senza pagare: botte a negoziante e carabinieri
Un uomo di 56 anni di Caluso è stato arrestato dai carabinieri per resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamenti e minacce
BOLLENGO - Rapina una donna la notte di capodanno: condannato
BOLLENGO - Rapina una donna la notte di capodanno: condannato
L'uomo, sposato, padre di due figli, muratore fino ad allora incensurato, ora dovrà scontare una pena di oltre quattro anni
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell'uomo» - LA FOTO
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell
Giuseppe Laforè, 24 anni, detto Alex, braccato da carabinieri e polizia è stato fermato ieri sera a Torino. Giovedì scorso, al culmine di una lite con il padre dell'ex fidanzata, ha sparato diversi colpi uccidento Laurent Radici, 44 anni
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore