SCARMAGNO - Rogo all'ex Olivetti: sette rinvii a giudizio

| Il 14 ottobre si apre il processo per l'incendio che ha distrutto parte del comprensorio industriale Olivetti

+ Miei preferiti
SCARMAGNO - Rogo allex Olivetti: sette rinvii a giudizio
Si aprirà il 14 ottobre il processo per il rogo che, il 19 marzo di due anni fa, ha distrutto parte del comprensorio industriale Olivetti di Scarmagno. Sono stati rinviati a giudizio i sette imputati accusati di incendio colposo in concorso. Lo ha stabilito il gup del tribunale di Ivrea, Alessandro Scialabba. A scatenare il rogo, secondo la procura d’Ivrea, è stato l’uso della fiamma ossidrica da parte di due artigiani, Emanuele Giampaolo e Luca Blessent, operai della Omg di Valperga, incaricati di effettuare alcuni lavori di manutenzione al tetto del capannone. Secondo l’accusa la fiamma ossidrica ha fuso le vele antigrandine, poi collassate sul plexiglas esterno del lucernario e su quello sottostante. Il tutto sarebbe finito su materiale altamente infiammabile presente nel magazzino di CellTel.

Oltre ai due operai è stato rinviato a giudizio anche Bruno Guglielmetti, titolare dell’azienda di Valperga che aveva in subappalto, per conto della Manutencop, i lavori di manutenzione. Secondo la procura non avrebbe correttamente “formato” gli operai prima di mandarli ad eseguire le opere di manutenzione. Gli altri quattro imputati sono Domenico Pellegrini, ex amministratore delegato della CellTel, chiamato in causa perché l’azienda, come dicono le carte del pm, non aveva predisposto un piano per limitare i danni in caso d’incendio, Luca Barengo, Rosario D’Addio e Domenico Voiglio, responsabili, a vario titolo, di Manutencop. Anche per loro le responsabilità riguardano la mancanza di un piano anti incendio nel capannone.

Determinanti, al processo, saranno le perizie. Quella eseguita dalla polizia scientifica, realizzata dallo stesso pool di esperti che analizzò le cause del rogo del Duomo di Torino che custodiva la Sindone, non lascerebbe spazio a dubbi. L'incendio sarebbe partito dal tetto e con ogni probabilità da un lucernario in plexiglas: per questo il pubblico ministero ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio dei sette imputati. D’altro avviso le difese che hanno fatto presente che, all’interno del capannone, c’erano 102 mila telefonini con batteria al litio. Il fuoco potrebbe essere stato innescato da un cortocircuito ed essere partito dall’interno dello stabile. Tra le richieste di parte civile, oltre a quelle di tre ex dipendenti dell’azienda distrutta dal rogo, anche le aziende Prelios, Olivetti, Telecom, Wirelab e Urmet. Le ultime tre per i materiali stoccati nel capannone. Le aziende, in parte, sono state risarcite dalle assicurazioni per un totale che si aggira sui 30 milioni di euro.

Cronaca
CASTELNUOVO NIGRA - Incendio danneggia una casa - FOTO e VIDEO
CASTELNUOVO NIGRA - Incendio danneggia una casa - FOTO e VIDEO
Per domare l'incendio hanno operato i pompieri di Ivrea e le squadre volontari dei distaccamenti di Cuorgnè e Castellamonte
TORRAZZA - Drammatico incidente: ragazza investita perde una gamba
TORRAZZA - Drammatico incidente: ragazza investita perde una gamba
Dramma l'altra sera in via Gramsci dove una ragazza di 28 anni è stata travolta dalla propria Punto. E' grave in ospedale
LEINI - Al Pavarotti inizia la stagione con la «Bandakadabra»
LEINI - Al Pavarotti inizia la stagione con la «Bandakadabra»
Il nuovo teatro leinicese inaugura il suo cartellone realizzato in collaborazione con la «Fondazione Piemonte dal Vivo»
IVREA - «A spasso nella storia» aspettando l'inizio del carnevale
IVREA - «A spasso nella storia» aspettando l
L'iniziativa prevede una passeggiata con l'archeologa Lorenza Boni e lo spettacolo «Diamantinus e il Manoscritto ritrovato»
RIVAROLO CANAVESE - Crollano calcinacci sotto i portici della centralissima via Ivrea - FOTO e VIDEO
RIVAROLO CANAVESE - Crollano calcinacci sotto i portici della centralissima via Ivrea - FOTO e VIDEO
Sono stati alcuni passanti, che per fortuna non si trovavano a ridosso dell'area del crollo quando gli intonaci sono venuti giù, a chiamare il 115. A staccarsi alcune pesanti parti dell'intonaco di cemento nel soffitto del porticato
CUORGNE' - Vigili del fuoco nelle scuole a «caccia» di nuovi volontari
CUORGNE
Questo per aumentare la pianta organica del distaccamento volontari e garantire un futuro all'attività dei pompieri sul territorio dell'alto Canavese
BORGOFRANCO D'IVREA - Palpeggia il seno all'autista del pullman: finisce a processo per violenza sessuale
BORGOFRANCO D
Secondo l'accusa, l'uomo, una volta salito sul mezzo della Gtt, alla vista dell'autista donna di 42 anni, non ha trovato di meglio che infilare le mani attraverso il divisorio di vetro, palpeggiando ripetutamente il seno della conducente...
BORGOMASINO - Nuovi dossi per rallentare le auto di passaggio
BORGOMASINO - Nuovi dossi per rallentare le auto di passaggio
La tecnica realizzativa è stata quella dello Street Print, imprimitura a caldo della sede stradale con l'effetto mattonella
IVREA-RIVAROLO - Incidente stradale: un autista condannato
IVREA-RIVAROLO - Incidente stradale: un autista condannato
Un 25enne di Rivarolo è finito a processo per omissione di soccorso. L'incidente avvenuto nel 2014 lungo l'ex statale 460
CUORGNE' - Il Comune dona un libro per ogni nuovo nato nel 2017
CUORGNE
Sabato alle ore 10.30 nell'ex chiesa della Trinità si terrà la cerimonia di benvenuto ai piccoli cuorgnatesi nati nel 2017
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore