SCARMAGNO - Rogo all'ex Olivetti: sette rinvii a giudizio

| Il 14 ottobre si apre il processo per l'incendio che ha distrutto parte del comprensorio industriale Olivetti

+ Miei preferiti
SCARMAGNO - Rogo allex Olivetti: sette rinvii a giudizio
Si aprirà il 14 ottobre il processo per il rogo che, il 19 marzo di due anni fa, ha distrutto parte del comprensorio industriale Olivetti di Scarmagno. Sono stati rinviati a giudizio i sette imputati accusati di incendio colposo in concorso. Lo ha stabilito il gup del tribunale di Ivrea, Alessandro Scialabba. A scatenare il rogo, secondo la procura d’Ivrea, è stato l’uso della fiamma ossidrica da parte di due artigiani, Emanuele Giampaolo e Luca Blessent, operai della Omg di Valperga, incaricati di effettuare alcuni lavori di manutenzione al tetto del capannone. Secondo l’accusa la fiamma ossidrica ha fuso le vele antigrandine, poi collassate sul plexiglas esterno del lucernario e su quello sottostante. Il tutto sarebbe finito su materiale altamente infiammabile presente nel magazzino di CellTel.

Oltre ai due operai è stato rinviato a giudizio anche Bruno Guglielmetti, titolare dell’azienda di Valperga che aveva in subappalto, per conto della Manutencop, i lavori di manutenzione. Secondo la procura non avrebbe correttamente “formato” gli operai prima di mandarli ad eseguire le opere di manutenzione. Gli altri quattro imputati sono Domenico Pellegrini, ex amministratore delegato della CellTel, chiamato in causa perché l’azienda, come dicono le carte del pm, non aveva predisposto un piano per limitare i danni in caso d’incendio, Luca Barengo, Rosario D’Addio e Domenico Voiglio, responsabili, a vario titolo, di Manutencop. Anche per loro le responsabilità riguardano la mancanza di un piano anti incendio nel capannone.

Determinanti, al processo, saranno le perizie. Quella eseguita dalla polizia scientifica, realizzata dallo stesso pool di esperti che analizzò le cause del rogo del Duomo di Torino che custodiva la Sindone, non lascerebbe spazio a dubbi. L'incendio sarebbe partito dal tetto e con ogni probabilità da un lucernario in plexiglas: per questo il pubblico ministero ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio dei sette imputati. D’altro avviso le difese che hanno fatto presente che, all’interno del capannone, c’erano 102 mila telefonini con batteria al litio. Il fuoco potrebbe essere stato innescato da un cortocircuito ed essere partito dall’interno dello stabile. Tra le richieste di parte civile, oltre a quelle di tre ex dipendenti dell’azienda distrutta dal rogo, anche le aziende Prelios, Olivetti, Telecom, Wirelab e Urmet. Le ultime tre per i materiali stoccati nel capannone. Le aziende, in parte, sono state risarcite dalle assicurazioni per un totale che si aggira sui 30 milioni di euro.

Cronaca
SCOSSA DI TERREMOTO IN CANAVESE MAGNITUDO 2.2: E' LA TERZA IN 60 GIORNI
SCOSSA DI TERREMOTO IN CANAVESE MAGNITUDO 2.2: E
Un'altra scossa di terremoto in Canavese. La terza in due mesi. Anche questa lieve, per fortuna, rilevata dai sismologi dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia al confine tra i territori comunali di Locana e di Ribordone
OMICIDIO DI RIVAROLO - Ridotta la pena in Appello a Mario Perri
OMICIDIO DI RIVAROLO - Ridotta la pena in Appello a Mario Perri
La Corte d'Appello ha ridotto la condanna nei confronti di Mario Perri, killer del panettiere di Feletto, Pierpaolo Pomatto
SALUTE - L'Asl To4 organizza «Le giornate eporediesi della salute mentale»
SALUTE - L
Lunedì 19 e martedì 20 novembre presso il Polo Formativo Officine H di Ivrea sono state organizzate "Le giornate eporediesi della salute mentale"
CASTELLAMONTE - Accesso alla scuola bloccato: mamme furenti
CASTELLAMONTE - Accesso alla scuola bloccato: mamme furenti
Genitori sul piede di guerra, oggi, in piazza Repubblica dove l'accesso alla scuola primaria è rimasto parzialmente bloccato
CIRIE' - Così il piromane dei bus è stato preso dai carabinieri - VIDEO
CIRIE
L'attenta visione delle telecamere ha permesso ai militari di identificare il 50enne. Lui stesso, una volta in caserma, ha confessato
IVREA - Modificano una pistola: due eporediesi arrestati dalla polizia
IVREA - Modificano una pistola: due eporediesi arrestati dalla polizia
Gli arrestati, a seguito di perquisizione della loro abitazione, sono stati trovati in possesso di una pistola a tamburo alterata
PONT CANAVESE - Nonnina mette in fuga due ladri: «Il paese vive ormai nel terrore»
PONT CANAVESE - Nonnina mette in fuga due ladri: «Il paese vive ormai nel terrore»
Mercoledì una signora ha sorpreso due ladri all'interno della sua abitazione e li ha costretti alla fuga. In paese è raffica di furti. Nonostante l'aumento dei controlli da parte dei carabinieri i malviventi continuano a fuggire
CHIVASSO - Sicurezza: Vigili urbani con le telecamere sulle divise
CHIVASSO - Sicurezza: Vigili urbani con le telecamere sulle divise
Le telecamere in dotazione alla polizia municipale sono 20, una per ogni agente, e sono costate circa 400 euro ciascuna
RONCO CANAVESE - Il Comune si aggiudica 2 fiori al concorso nazionale Comuni fioriti
RONCO CANAVESE - Il Comune si aggiudica 2 fiori al concorso nazionale Comuni fioriti
Domenica 11 novembre a Bologna si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso nazionale “Comuni Fioriti a Ronco sono state assegnate 2 stelle su 4
ISSIGLIO - Giornata nazionale delle forze armate
ISSIGLIO - Giornata nazionale delle forze armate
Sabato 3 e domenica 4 novembre il comune di Issiglio ha voluto rendere omaggio a chi ci permette di vivere liberamente
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore