SCARMAGNO - Rogo all'ex Olivetti: sette rinvii a giudizio

| Il 14 ottobre si apre il processo per l'incendio che ha distrutto parte del comprensorio industriale Olivetti

+ Miei preferiti
SCARMAGNO - Rogo allex Olivetti: sette rinvii a giudizio
Si aprirà il 14 ottobre il processo per il rogo che, il 19 marzo di due anni fa, ha distrutto parte del comprensorio industriale Olivetti di Scarmagno. Sono stati rinviati a giudizio i sette imputati accusati di incendio colposo in concorso. Lo ha stabilito il gup del tribunale di Ivrea, Alessandro Scialabba. A scatenare il rogo, secondo la procura d’Ivrea, è stato l’uso della fiamma ossidrica da parte di due artigiani, Emanuele Giampaolo e Luca Blessent, operai della Omg di Valperga, incaricati di effettuare alcuni lavori di manutenzione al tetto del capannone. Secondo l’accusa la fiamma ossidrica ha fuso le vele antigrandine, poi collassate sul plexiglas esterno del lucernario e su quello sottostante. Il tutto sarebbe finito su materiale altamente infiammabile presente nel magazzino di CellTel.

Oltre ai due operai è stato rinviato a giudizio anche Bruno Guglielmetti, titolare dell’azienda di Valperga che aveva in subappalto, per conto della Manutencop, i lavori di manutenzione. Secondo la procura non avrebbe correttamente “formato” gli operai prima di mandarli ad eseguire le opere di manutenzione. Gli altri quattro imputati sono Domenico Pellegrini, ex amministratore delegato della CellTel, chiamato in causa perché l’azienda, come dicono le carte del pm, non aveva predisposto un piano per limitare i danni in caso d’incendio, Luca Barengo, Rosario D’Addio e Domenico Voiglio, responsabili, a vario titolo, di Manutencop. Anche per loro le responsabilità riguardano la mancanza di un piano anti incendio nel capannone.

Determinanti, al processo, saranno le perizie. Quella eseguita dalla polizia scientifica, realizzata dallo stesso pool di esperti che analizzò le cause del rogo del Duomo di Torino che custodiva la Sindone, non lascerebbe spazio a dubbi. L'incendio sarebbe partito dal tetto e con ogni probabilità da un lucernario in plexiglas: per questo il pubblico ministero ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio dei sette imputati. D’altro avviso le difese che hanno fatto presente che, all’interno del capannone, c’erano 102 mila telefonini con batteria al litio. Il fuoco potrebbe essere stato innescato da un cortocircuito ed essere partito dall’interno dello stabile. Tra le richieste di parte civile, oltre a quelle di tre ex dipendenti dell’azienda distrutta dal rogo, anche le aziende Prelios, Olivetti, Telecom, Wirelab e Urmet. Le ultime tre per i materiali stoccati nel capannone. Le aziende, in parte, sono state risarcite dalle assicurazioni per un totale che si aggira sui 30 milioni di euro.

Cronaca
CALUSO-RIVARA - Ancora incidenti stradali: due ragazzine ferite
CALUSO-RIVARA - Ancora incidenti stradali: due ragazzine ferite
Serie di incidenti stradali, questa sera, in diversi Comuni del Canavese. Il più grave a Caluso sulla Sp53, intorno alle ore 19
CANAVESE - Baite tassate: agenzia delle entrate riceve i cittadini
CANAVESE - Baite tassate: agenzia delle entrate riceve i cittadini
Da novembre, l'Agenzia attiva una serie di sportelli, presidiati da personale tecnico qualificato e specificamente formato
CANAVESE - Pedemontana pericolosa: nessuno ha fatto le strisce...
CANAVESE - Pedemontana pericolosa: nessuno ha fatto le strisce...
Molti lettori ci hanno segnalato la situazione di pericolo sulla Sp565: asfalto nuovo ma niente segnaletica orizzontale
VOLPIANO - Abbandonano rifiuti al lago Verdina ma vengono identificati e multati dalla polizia municipale
VOLPIANO - Abbandonano rifiuti al lago Verdina ma vengono identificati e multati dalla polizia municipale
Da un furgone scaricata una rilevante quantità di plafoniere per illuminazione, costituite da plastica e vetro. Gli autori del gesto sono stati identificati e multati per abbandono di rifiuti. Si sono pagati la rimozione della spazzatura
CANAVESE - Sistemi in tilt, saltano i prelievi in tutti i centri Asl
CANAVESE - Sistemi in tilt, saltano i prelievi in tutti i centri Asl
«Ci scusiamo con gli utenti per il disservizio che si è verificato», fanno sapere dall'azienda sanitaria
IVREA - Da lunedì per gli eporediesi c'è la carta d'identità elettronica
IVREA - Da lunedì per gli eporediesi c
Le precedenti carte di identità cartacee continuano ad essere valide sino alla scadenza naturale. Tutte le info in municipio
VALLE SACRA - A Castellamonte il concorso nazionale «Michele Romana»
VALLE SACRA - A Castellamonte il concorso nazionale «Michele Romana»
Domenica 22 ottobre alle 9.30 inizierà la sfilata delle bande musicali per le vie di Castellamonte con ospite la banda «Città di Accumoli»
IVREA - La banda dei rapinatori «figli di papà»: arrestati dalla polizia e condannati in tribunale - VIDEO
IVREA - La banda dei rapinatori «figli di papà»: arrestati dalla polizia e condannati in tribunale - VIDEO
Una vera e propria stangata sulla «banda della Mito», battezzata così dalla polizia perché dopo i colpi uno di membri del gruppo si era vantato su Facebook pubblicando la foto dell'auto utilizzata per la rapina...
TORINO-CASELLE - Inneggia agli jihadisti: un algerino espulso
TORINO-CASELLE - Inneggia agli jihadisti: un algerino espulso
Era stato denunciato dalla Digos di Catania mesi fa con l'accusa di «istigazione a commettere delitti di terrorismo»
RIVARA - Presentata la nuova stagione teatrale
RIVARA - Presentata la nuova stagione teatrale
Come ogni anno il piccolo teatro rivarese presenta un fitto cartellone
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore