SICUREZZA - A Porta Susa i 110 anni della Polizia Ferroviaria

| Stare in mezzo alla gente, sui treni e nelle stazioni, costituisce uno dei tratti distintivi della quotidianità di questa specialità della Polizia di Stato

+ Miei preferiti
SICUREZZA - A Porta Susa i 110 anni della Polizia Ferroviaria
Venerdì alla stazione di Torino Porta Susa, con il concerto celebrativo, la polizia ferroviaria ha celebrato il 110° Anniversario della Fondazione. La PolFer svolge la propria attività in un preciso ambito specialistico, ma la sua operatività assume molteplici forme: dalla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica alla “prossimità”. Stare in mezzo alla gente, sui treni e nelle stazioni, costituisce uno dei tratti distintivi della quotidianità di questa specialità della Polizia di Stato che, grazie alla propria presenza sul territorio, rintraccia persone scomparse, in particolare minori e persone in stato confusionale, monitora il fenomeno dei migranti che si spostano in treno o si riversano nelle stazioni, si attiva affinché venga prestata assistenza alle persone disagiate che spesso finiscono per gravitare nelle stazioni, preserva l’incolumità delle persone che tentano il suicidio lungo la linea ferroviaria o imprudentemente attraversano i binari.

La quotidianità della Polizia Ferroviaria è fatta quindi di prevenzione e contrasto ai fenomeni delittuosi in ambito ferroviario, (i dati statistici nazionali parlano di un calo significativo rispetto al 2016 dei principali reati: -27% furti, -37% rapine, -5% aggressioni, -47% furti rame, -9% danneggiamenti). In questo quadro di risultati indubbiamente positivi, significativo è il contributo quotidiano fornito dal personale del Compartimento Polfer per il Piemonte e la Valle d’Aosta; basti pensare che le due regioni sono percorse da 1.900 chilometri di linea ferroviaria (a livello nazionale, la più lunga), sulla quale insistono ben 215 stazioni e viaggiano quotidianamente 895 treni passeggeri e circa 140 convogli merci.

Ogni giorno sono oltre 174.000 i viaggiatori che si servono del treno per i loro spostamenti e più di 250.000 le persone che, a vario titolo, frequentano le stazioni, divenute, specie quelle del capoluogo, dei veri e propri centri di aggregazione e ricreativi. In una realtà così estesa, la Polfer di Piemonte e Valle D’Aosta, da inizio anno, ha identificato 79.000 persone, di cui stranieri 28.392 e minori n.4.029, ha scortato n.8.980, ha effettuato n.66 arresti e denunciato n.755 persone.

Non meno importanti i riscontri ottenuti nel campo della Polizia di Prossimità che attestano l’attenzione e la vicinanza del Compartimento Polfer Piemonte e Valle d’Aosta a chi è in difficoltà. Un esempio per tutti le persone scomparse poi rintracciate che nel 2016 sono state 62, delle quali 53 minori. E ancora, l’aiuto a favore delle persone bisognose ed emarginate,  con interventi effettuati a fianco alle istituzioni impegnate nel sociale ed alle associazioni di volontariato, in un’opera quotidiana, silente ma non per questo meno encomiabile, perché prestata senza clamori ma con convinzione e consapevolezza, a favore delle vecchie e nuove povertà.

Sono in molti ad utilizzare il mezzo ferroviario per i propri spostamenti e tra questi cresce sempre di più il numero degli studenti che raggiungono gli istituti di istruzione in treno. Un contesto questo di forte rivalutazione delle stazioni ferroviarie nel quale la Polizia Ferroviaria si propone come punto di riferimento per i giovani e come un amico sul quale poter contare in caso di necessità.

Dove è successo
Cronaca
VALPERGA - Incidente al semaforo: ferito un motociclista
VALPERGA - Incidente al semaforo: ferito un motociclista
Ancora un incidente stradale in Canavese, nel corso di una settimana, purtroppo, davvero funesta sulle strade di tutta la zona
TRAGEDIA DI CALUSO - Rimossi i vagoni deragliati - FOTO e VIDEO
TRAGEDIA DI CALUSO - Rimossi i vagoni deragliati - FOTO e VIDEO
I tecnici, oggi, dopo la rimozione dei vagoni deragliati, hanno concluso gli interventi di ripristino e messa in sicurezza della linea
DISASTRO FERROVIARIO A CALUSO - «Il camion non doveva essere lì»: l'autista è l'unico indagato - VIDEO DELLO SCHIANTO
DISASTRO FERROVIARIO A CALUSO - «Il camion non doveva essere lì»: l
L'autista del camion, il 39enne lituano Darius Zujis (nella foto), è al momento l'unico indagato. Deve rispondere di omicidio colposo e disastro ferroviario. La Polizia ha diffuso un nuovo VIDEO sullo scontro tra il treno e il tir
AUTOSTRADA A5 - Cisterna si ribalta dopo lo svincolo di Volpiano: grave l'autista del camion - FOTO
AUTOSTRADA A5 - Cisterna si ribalta dopo lo svincolo di Volpiano: grave l
Drammatico incidente stradale, oggi intorno alle 15, nei pressi dello svincolo di Volpiano dell'autostrada A5 Torino-Aosta. Una cisterna «Dalle Petroli», diretta ad Aosta, si è ribaltata finendo nel campo a lato della sede stradale
CASELLE - EasyJet, Blue Air e Volotea prendono il posto di Alitalia
CASELLE - EasyJet, Blue Air e Volotea prendono il posto di Alitalia
In seguito alla decisione di Alitalia di interrompere il collegamento Torino-Napoli nuovi vettori investono sul Sandro Pertini
RIVAROLO - Scivola con la moto sull'asfalto: centauro ferito
RIVAROLO - Scivola con la moto sull
Incidente autonomo, questa mattina intorno alle 10.30, in corso Re Arduino in prossimità della rotonda del Paradise
CANAVESE - Arriva il Giro d'Italia, lavori per l'asfalto in corso - FOTO
CANAVESE - Arriva il Giro d
Disagi su diverse strade provinciali del Canavese, oggi, per i lavori urgenti di asfaltatura: domani passa il Giro d'Italia
ROMANO - Truffano un anziano di 84 anni: due arrestati - VIDEO
ROMANO - Truffano un anziano di 84 anni: due arrestati - VIDEO
Un appuntato dei carabinieri libero dal servizio è intervenuto. Cercavano di raggirare l'anziano con la truffa dello specchietto
CALUSO - Il testimone: «Così abbiamo salvato i passeggeri» - VIDEO
CALUSO - Il testimone: «Così abbiamo salvato i passeggeri» - VIDEO
Prima ancora dell'arrivo dei vigili del fuoco e del personale del 118, alcuni residenti della zona hanno prestato i primi soccorsi
TRAGEDIA DI CALUSO - Muore sul «suo» treno a pochi mesi dalla pensione: l'addio a Roberto Madau
TRAGEDIA DI CALUSO - Muore sul «suo» treno a pochi mesi dalla pensione: l
Il macchinista del regionale era appena tornato in Canavese dopo due anni di lavoro a Roma. Appassionato di modellini ferroviari aveva sempre sognato di fare il macchinista. Il cordoglio del quartiere Bellavista
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore