SICUREZZA - Furti sui treni: allarme sulla Canavesana. Una zingara denunciata dalla polizia ferroviaria

| Una quarantunenne, domiciliata nel campo nomadi di strada dell’Aeroporto tra Borgaro e Torino, è stata denunciata per furto aggravato in concorso: agiva con «l'aiuto» dei suoi sei bambini che sono stati affidati alla custodia del nonno

+ Miei preferiti
SICUREZZA - Furti sui treni: allarme sulla Canavesana. Una zingara denunciata dalla polizia ferroviaria
Mentre si attende il treno, è molto facile essere distratti da giovani donne nomadi che si accompagnano con bambini, anche in tenera età, che palesano di svelarti il futuro, leggendoti la mano, ma ti derubano di soldi e oggetti preziosi. Questa volta la malcapitata è stata una cinquantatreenne di Torino che era in attesa del treno alla stazione di Chieri. La stessa è stata adescata da una nomade quarantunenne residente a Torino che, adoperando i propri figli minori, ben sei, da 1 a 12 anni, ha circondato la vittima, mandandola in confusione e con la scusa di leggerle la mano, tra una chiacchiera e l’altra, le ha sottratto due banconote da cinquanta euro.
 
Solo a viaggio concluso si è resa conto dell’accaduto e si è rivolta ai carabinieri di Trofarello che hanno subito informato gli Agenti della Polfer di Torino Porta Susa. Immediatamente sono scattate le ricerche della nomade e dei figli che sono stati rintracciati a bordo del treno in arrivo da Chieri e diretto a Rivarolo Canavese e accompagnati negli Uffici della Polizia Ferroviaria per ulteriori accertamenti. La donna è stata  riconosciuta dalla vittima quale autrice del furto subito.
 
La quarantunenne, domiciliata nel campo nomadi di Strada dell’Aeroporto di Torino, è stata denunciata per furto aggravato in concorso, mentre i bambini sono stati affidati alla custodia del nonno e la loro condizione è stata segnalata al Tribunale dei Minori. Già nella scorsa settimana un’altra viaggiatrice è stata vittima di un furto con lo stesso modus operandi. Pertanto, la Polizia Ferroviaria, richiamando la campagna informativa “Stai attento! Fai la differenza”, promossa dalla Polizia di Stato, ricorda che la distrazione del passeggero e l’affollamento di stazione e treni sono i maggiori alleati di  borseggiatori e di truffatori. Chiamando immediatamente le forze dell’ordine, però, la donna ha messo in moto una macchina che ha permesso di consegnare alla giustizia l’autrice del furto e di segnalare le condizioni dei minori impiegati per compiere l’attività illecita.
Cronaca
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
Domenca «Cammin'arte» e alla sera, con la chiusura dei punti mostra alle 20, l'atteso concerto di Francesco Taskayali
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
«Leggeremo le motivazioni e valuteremo cosa fare. Ma prima ci sarà il processo a Caterina Abbattista». Il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha commentato così la sentenza del gup Alessandro Scialabba sul caso Rosboch
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
Intervento dei vigili del fuoco oggi pomeriggio nei pressi del passaggio a livello della stazione. Indagini sul proprietario del mezzo
CUORGNE' - Paura all'interno della Federal Mogul, scatta l'evacuazione
CUORGNE
L'allarme scattato per una possibile intossicazione nel reparto cuscinetti. Una cinquantina di dipendenti fatti evacuare
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
Ettore Rosboch all'uscita dal tribunale si scaglia contro la sentenza. Anche la madre di Gloria, Marisa Mores, si dice insoddisfatta. La famiglia aveva chiesto giustizia per la morte della loro unica figlia
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L'ERGASTOLO
OMICIDIO ROSBOCH - 30 ANNI DI CARCERE PER GABRIELE DEFILIPPI: EVITATO L
Si è chiuso il processo di primo grado per l'omicidio della povera professoressa di Castellamonte. L'ex allievo, reo-confesso del delitto, è stato condannato a trent'anni. Accolta solo in parte la richiesta della procura di Ivrea
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Le tappe fondamentali dell'assassinio di Gloria Rosboch - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Le tappe fondamentali dell
Si è chiuso al tribunale di Ivrea, oggi, un altro capitolo della lunga storia che ha portato all'efferato omicidio della professoressa Rosboch. Ecco il riassunto di quanto avvenuto in alcune tappe fondamentali
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
INGRIA - Gara di rutti: il sindaco difende la manifestazione
Il piccolo Comune della Valle Soana difende la scelta di ospitare la gara goliardica e benefica dopo le tante polemiche emerse
CUORGNE' - Riparato il Gesù bambino decapitato dai vandali
CUORGNE
La statua affidata alla restauratrice Sara Bertella è stata riconsegnata a Pezzetto in settimana e quindi riposizionata
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
SCARMAGNO - Auto contro moto sulla Sp82: centauro grave al Cto
Nei campi vicino alla provinciale è atterrato l'elisoccorso. Dinamica dell'incidente stradale al vaglio dei carabinieri
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore