SICUREZZA - Il bilancio della Guardia di Finanza - VIDEO

| Il bilancio delle attività operative portate a compimento nel 2016 dalla Guardia di Finanza in Piemonte evidenzia il ruolo fondamentale che il Corpo svolge nel contrasto dei fenomeni evasivi più diffusi e pericolosi

+ Miei preferiti
SICUREZZA - Il bilancio della Guardia di Finanza - VIDEO
Il bilancio delle attività operative portate a compimento nel 2016 dalla Guardia di Finanza in Piemonte evidenzia il ruolo fondamentale che il Corpo svolge nel contrasto dei fenomeni evasivi più diffusi e pericolosi, in linea con quanto stabilito nell’Atto di indirizzo dell’Autorità di Governo per il conseguimento degli obiettivi fiscali nonché la rilevanza della sua funzione di Polizia Economico-Finanziaria, anche con riguardo ai possibili risvolti e riflessi di carattere sociale generati dalle attività istituzionali.
 
La lotta all’evasione fiscale è stata condotta mediante l’effettuazione di verifiche e controlli nei confronti di 6.810 imprese e contribuenti, frutto di un’accurata individuazione dei target basata sull’attività d’intelligence, sul controllo economico del territorio e sull’utilizzo delle molteplici banche dati nella disponibilità del Corpo. In tale ambito sono state scoperte 524 imprese sconosciute al fisco, denunciate per reati fiscali 496 persone, delle quali 8 tratte in arresto, principalmente per aver presentato dichiarazioni fiscali fraudolente o non averle presentate affatto, per l’emissione o l’utilizzo di fatture false, oppure per aver occultato/distrutto la contabilità; individuate “frodi carosello” all’I.V.A. nonché 30 casi di evasione internazionale, attuata mediante fittizia residenza all’estero dei contribuenti, trasferimenti di basi imponibili con tecniche di “transfer pricing” o con l’interposizione fittizia di soggetti economici residenti in Paradisi fiscali. La sistematica aggressione ai patrimoni degli evasori ha portato al sequestro di beni e valori per 36 milioni di euro, al fine di soddisfare il credito erariale. Per quanto attiene al lavoro sommerso, sono stati individuati 582 lavoratori “in nero” e 361 irregolari, impiegati da 261 datori di lavoro. 
 
Nell’azione di contrasto alle frodi riguardanti risorse nazionali e comunitarie rivolte al sostegno delle imprese, la Guardia di Finanza del Piemonte ha effettuato 171 interventi, scoprendo indebite percezioni di finanziamenti per 3,1 milioni di euro e denunciando 106 persone. 
 
Gli accertamenti patrimoniali, svolti a carico di 327 soggetti, hanno consentito di avanzare all’Autorità Giudiziaria proposte di sequestro per circa 9,8 milioni di euro e di sottrarre alla criminalità beni per oltre 40 milioni di euro. Dalle investigazioni condotte a tutela del mercato dei capitali sono scaturiti i seguenti risultati: 84 le persone denunciate per riciclaggio, mentre è pari a circa 25 milioni di euro il valore dei beni oggetto del riciclaggio scoperto; 7 le persone denunciate per usura; 243 le persone denunciate per reati societari, di borsa, fallimentari, bancari e finanziari, con l’arresto di 32 persone ed il sequestro di oltre 46 milioni di euro; 1,9 milioni di euro il valore dei titoli e delle disponibilità finanziarie non dichiarate alla frontiera ed intercettate dalle Fiamme Gialle piemontesi, nell’ambito dei frequenti controlli sui passaggi transfrontalieri di valuta.
Video
Galleria fotografica
SICUREZZA - Il bilancio della Guardia di Finanza - VIDEO - immagine 1
SICUREZZA - Il bilancio della Guardia di Finanza - VIDEO - immagine 2
SICUREZZA - Il bilancio della Guardia di Finanza - VIDEO - immagine 3
Cronaca
CANAVESANA - Anche oggi ritardi a raffica: «E' un calvario infinito»
CANAVESANA - Anche oggi ritardi a raffica: «E
Pendolari esasperati: «Di questo passo saremo costretti ad adottare forme di protesta drastiche nei confronti di Gtt»
OGLIANICO - Intervento della Protezione Civile per la sicurezza - FOTO
OGLIANICO - Intervento della Protezione Civile per la sicurezza - FOTO
Sabato, i volontari della Protezione Civile hanno pulito la sponda di via San Grato, da tempo occupata da rami e foglie
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
CASTELLAMONTE - Reati ambientali in un agriturismo: otto persone denunciate dai carabinieri forestali
La grande quantità di rifiuti accumulati, stimati in circa 8000 metri cubi di materiale, e poi spianati con la finalità di realizzare un piazzale, sono risultati provenienti da altre località, quindi trasportati e poi scaricati sul terreno
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
CASTELLAMONTE - A Campo la commemorazione dei caduti nella Prima Guerra Mondiale
Sabato 2 e domenica 4 novembre nella frazione Campo sono stati ricordati i Caduti della guerra 15-18 nelle date che ne segnano il Centenario dalla fine
CASELLE - L'autovelox fa strage di multe vicino all'aeroporto: 15 mila in appena un mese
CASELLE - L
Tanti prenderanno la multa per aver superato di poco il limite, c'è chi invece è stato pizzicato ai 200 chilometri orari. In un caso, invece, addirittura per ben 17 volte. Una media notevole di 500 verbali al giorno nel primo mese
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
IVREA - Condannata dal tribunale la giovane ladra di Natale
Sabrina Javanovic, rom 23enne, si introdusse in un'abitazione di Ivrea il 23 dicembre del 2016 e rubò i regali sotto l'albero
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l'azienda lo riassume
CASTELLAMONTE - Licenziato perché ha il Parkinson: finalmente l
Domattina Franco Minutiello, ad un anno e mezzo dalla lettera di licenziamento, tornerà al lavoro. Una questione di dignità personale, al netto del reintegro ordinato dal tribunale. «Ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicino»
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
CERESOLE REALE - Il rifugio Massimo Mila cambia gestione
Sabato avrà inizio una nuova avventura per il rifugio di Ceresole Reale. In programma un «lungo» buffet dalle ore 16 alle 19
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d'Alba e del Canavese
VISCHE - Esplode il bancomat della Banca d
Ancora da quantificare il bottino del colpo che, comunque, secondo alcune stime, non sarebbe inferiore ai 30 mila euro
CIRIE' - Il piromane dei bus potrebbe non aver agito da solo: è caccia ai possibili complici
CIRIE
Non sono concluse le indagini della procura di Ivrea sul rogo doloso che mercoledì scorso, nel cuore della notte, ha distrutto sette autobus parcheggiati nel piazzale della stazione ferroviaria di Ciriè. Un uomo è già stato fermato
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore