SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI

| Per il Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese il bilancio delle attività svolte nel corso dell'anno 2018 ha segnato alcuni picchi dimostrando un andamento progressivo in crescita in tutti gli ambiti di intervento su terreno impervio

+ Miei preferiti
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI
Per il Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese (SASP) il bilancio delle attività svolte nel corso dell’anno 2018 ha segnato alcuni picchi dimostrando un andamento progressivo in crescita in tutti gli ambiti di intervento su terreno impervio, compito attribuito dalla Repubblica Italiana al Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) con la legge 74 del 21 marzo 2001.

Analizzando innanzitutto il primo anello della catena dei soccorsi, cioè la Centrale Operativa del SASP (attiva presso la Centrale dell’emergenza sanitaria di Grugliasco h24) a cui vengono attribuiti tutti gli interventi di soccorso sanitario provenienti dalle aree montane e impervie della Regione Piemonte, il 2018 segna nuovamente un aumento di chiamate gestite: 1900. Si tratta del dato più elevato mai registrato, erano state 1806 nel 2017, e conferma un trend di crescita costante che prosegue da oltre 10 anni (tutti i dati nelle immagini sotto). Sostanzialmente questo aspetto si può considerare positivamente come una sempre più radicata propensione nei frequentatori della montagna a rivolgersi ai numeri di emergenza in caso di bisogno e una sempre maggiore copertura della rete telefonica mobile nelle zone montane piemontesi.

L’aumento delle chiamate in centrale corrisponde anche al record di interventi effettuati dalle squadre del SASP che nel 2018 sono saliti a 1210 rispetto ai 1173 del 2017. Tuttavia il numero di persone soccorse nel 2018 è leggermente diminuito rispetto all’anno precedente: 1386 contro 1449. Se a quest’ultimo aspetto non è facile dare una spiegazione, bisogna osservare come siano ulteriormente aumentati gli interventi risolti direttamente dagli Operatori di Centrale o passati ad altri enti. Infatti, grazie al miglioramento delle tecnologie cartografiche e agli strumenti di localizzazione tramite rete GPS, un numero sempre maggiore di interventi viene risolto telefonicamente dagli operatori senza l’invio dell’elicottero o delle squadre a terra consentendo di non disperdere forze e mezzi e comportando un notevole risparmio di risorse pubbliche.

In seguito all’allertamento della Centrale Operativa, lo step successivo in una missione di soccorso è l’invio dell’eliambulanza dell’emergenza sanitaria piemontese (con il Tecnico di Elisoccorso del SASP sempre a bordo) oppure delle squadre a terra del SASP. Confermando un trend ormai pluriennale, il 2018 ha segnato l’ulteriore incremento di missioni effettuate con l’ausilio del mezzo aereo, salite all’80% del totale rispetto al 77% del 2017. Questo dato può essere spiegato con il costante miglioramento delle tecnologie a bordo delle eliambulanze che consente di volare in sicurezza anche in condizioni meteorologiche marginali. Tuttavia il ruolo delle squadre a terra rimane imprescindibile come mostra il dato sul numero delle persone soccorse: il 38% viene tratto in salvo dagli operatori senza l’utilizzo dell’elicottero. Una squadra a terra è in grado di soccorrere un numero maggiore di persone rispetto all’elicottero che può imbarcare un massimo di due pazienti.

Per quanto riguarda i codici di gravità delle persone soccorse nel 2018 dal SASP, è stata registrata una lieve diminuzione degli illesi a fronte di un aumento di tutte le altre categorie. Su questo tipo di statistiche non è possibile tracciare dei trend di lunga durata perché nell’arco degli anni presentano dati molto altalenanti. Ma è interessante osservare che la categoria maggiore di persone soccorse (34%) presenta un codice di gravità verde. In territorio impervio dove si trovano spesso condizioni climatiche ostili, un infortunio o una patologia che non vengono trattati tempestivamente hanno una maggiore rapidità di peggioramento. Si tratta di quello che in ambito di soccorso alpino si definisce come rischio evolutivo e su cui si misura l’efficienza e l’efficacia di una missione.

Infine, è interessante segnalare che il 93% (nel 2017 erano l’88%) delle persone soccorse ha richiesto un intervento di soccorso mentre effettuava attività ricreative contro il 4% di residenti e il 3% di infortunati durante attività lavorative. Il 73% erano maschi contro un 27% di femmine (in leggero aumento). I periodi di maggior lavoro per i tecnici del SASP sono le vacanze estive e natalizie e i fine settimana quando un maggior numero di persone frequenta le montagne.

Galleria fotografica
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 1
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 2
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 3
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 4
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 5
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 6
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 7
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 8
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 9
SOCCORSO ALPINO - 1210 interventi nel 2018 sulle montagne del Piemonte: in aumento morti e feriti - TUTTI I DATI - immagine 10
Cronaca
VALCHIUSELLA - Bracconieri nei boschi e trappole per gli animali: scuoiato vivo un capriolo - FOTO
VALCHIUSELLA - Bracconieri nei boschi e trappole per gli animali: scuoiato vivo un capriolo - FOTO
L'Associazione Nazionale Agriambiente Torino sta indagando sul macabro ritrovamento di domenica scorsa nei boschi tra Valchiusa e Traversella. Agli occhi degli operatori del Reparto Montano si è presentato uno spettacolo indegno
LAVORO - Dopo le proteste trovato l'accordo per la Olisistem
LAVORO - Dopo le proteste trovato l
Il gruppo annovera tra i 150 clienti realtà internazionali di industria, finanza, retail, luxury, trasporti e settore pubblico
CHIVASSO - Droga a scuola, il preside chiama i carabinieri
CHIVASSO - Droga a scuola, il preside chiama i carabinieri
Due giovani sono stati segnalati alla prefettura. Uno di questi è minorenne. Recuperata marijuana in un bagno dell'istituto
IVREA - Spaccia marijuana agli studenti: 18enne iraniano arrestato dai carabinieri. Aveva chiesto l'asilo politico - VIDEO
IVREA - Spaccia marijuana agli studenti: 18enne iraniano arrestato dai carabinieri. Aveva chiesto l
I carabinieri lo hanno fermato mentre era intento a cedere stupefacente a giovani studenti nelle adiacenze dell'Istituto Superiore Giovanni Cena di Ivrea, rinvenendogli indosso circa 20 grammi di marijuana e denaro contante
VOLPIANO - 'Ndrangheta: per la faida volpianese chiesti quattro ergastoli
VOLPIANO -
Sono gli omicidi di Antonio e Antonino Stefanelli, del loro autista Francesco Mancuso e quello successivo di Roberto Romeo
TANGENZIALE - Incidente tra gli svincoli di Borgaro e Caselle - FOTO
TANGENZIALE - Incidente tra gli svincoli di Borgaro e Caselle - FOTO
Feriti una ragazza di 25 anni, passeggera di una Volkswagen Scirocco, e il 52enne italiano alla guida della Renault Clio
IVREA - Ecco la mostra: «Castellazzo e Mugnaie: 70 anni di incontri»
IVREA - Ecco la mostra: «Castellazzo e Mugnaie: 70 anni di incontri»
L'esposizione proporrà 70 fotografie di 70 Mugnaie che nella domenica di Carnevale hanno preso parte alla Fagiolata Benefica
Salini Impregilo ora si chiama WeBuild, le grandi opere in Italia hanno un nuovo leader
Salini Impregilo ora si chiama WeBuild, le grandi opere in Italia hanno un nuovo leader
Il passaggio da Salini a WeBuild, gruppo con 35 mila dipendenti in tutto il mondo, rimarca i profondi cambiamenti che si sono verificati nell’assetto finanziario del gruppo dopo un aumento di capitale da 600 milioni di euro.
CHIVASSO-LEINI - Estorsioni e rapine: condannati in cinque
CHIVASSO-LEINI - Estorsioni e rapine: condannati in cinque
L'inchiesta aveva portato alla luce una serie di episodi di violenza tra Chivasso, Settimo e Leinì contro diversi commercianti
CASTELLAMONTE - Incidente stradale, due persone ferite
CASTELLAMONTE - Incidente stradale, due persone ferite
I conducenti sono stati medicati sul posto dal personale del 118 e successivamente trasportati in ambulanza all'ospedale
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore