STRAMBINO - Muore annegata nel lago: l'amico sotto inchiesta per omicidio volontario

| Svolta nelle indagini sulla morte di Anna Schniererovà, 32 anni, la ragazza di origini slovacche, residente a Ivrea, morta annegata il 30 agosto di due anni fa in un laghetto artificiale, a Crotte, frazione di Strambino

+ Miei preferiti
STRAMBINO - Muore annegata nel lago: lamico sotto inchiesta per omicidio volontario
Svolta nelle indagini sulla morte di Anna Schniererovà, 32 anni, la ragazza di origini slovacche, residente a Ivrea, morta annegata il 30 agosto di due anni fa in un laghetto artificiale, a Crotte, frazione di Strambino. Il fascicolo aperto dalla procura di Ivrea, adesso, parla di omicidio volontario. «Un atto dovuto», fanno sapere dalla procura eporediese. Ma è un colpo di scena dopo che la vicenda sembra potesse essere archiviata come un incidente simile a tanti altri. Sotto inchiesta, adesso, c'è un uomo di 44 anni di Druento. Ovvero la stessa persona che quel 30 agosto diede l'allarme quando la ragazza, dopo aver fatto il bagno nelle acque del lago, non fece più ritorno a riva.    
 
I famigliari della ragazza si sono costituiti parte civile. La vittima e il 44enne di Druento, secondo quanto hanno potuto ricostruire i carabinieri della compagnia di Ivrea, si erano conosciuti la sera prima in un locale della zona. La ragazza si era anche convinta a trascorrere la notte e poi l’intera giornata del 30 agosto sulle rive del piccolo laghetto di Strambino. Cosa è successo è ancora un mistero ma due buchi su un braccio compatibili con punture da siringa, rilevate dal medico legale che ha eseguito l'autopsia, hanno indirizzato la procura nelle indagini. E' possibile che la ragazza sia stata drogata? E, in questo caso, perchè?
 
Un alto dubbio riguarda la chiamata al 118 effettuata dal 44enne di Druento. Secondo il racconto che lui stesso ha fornito agli investigatori, la ragazza si era buttata in acqua per fare un bagno proprio mentre lui si stava allontanando dal laghetto. Al suo ritorno non c'era più. Prima di chiamare i soccorsi, però, il 44enne si sarebbe rivolto ad altre tre persone e, secondo le indagini, avrebbe chiamato i carabinieri solo quando la ragazza era già annegata.
Cronaca
CERESOLE REALE - Trentenne esce di casa e scompare nel nulla: la sua auto ritrovata al Nivolet
CERESOLE REALE - Trentenne esce di casa e scompare nel nulla: la sua auto ritrovata al Nivolet
Sono ore di apprensione per le sorti di un ragazzo di 30 anni, residente a Settimo Torinese, scomparso lo scorso 10 settembre. La sua auto è stata ritrovata nel Parco nazionale del Gran Paradiso. Svolta nelle ricerche
PIVERONE - Atterraggio d'emergenza per un aereo in difficoltà sui cieli del Canavese
PIVERONE - Atterraggio d
Paura oggi pomeriggio per un piccolo Piper con due persone a bordo: il pilota costretto ad atterrare in un prato a causa di un guasto. La manovra, perfettamente riuscita, vicino a Piverone. Tutti illesi
AZEGLIO - Dramma nella serata: muore a 39 anni mentre passeggia
AZEGLIO - Dramma nella serata: muore a 39 anni mentre passeggia
Un camionista è stato trovato senza vita ieri sera. Inutili i soccorsi. Indagini dei carabinieri della compagnia di Ivrea
MONTANARO - Rave party lungo il torrente Orco con centinaia di giovani
MONTANARO - Rave party lungo il torrente Orco con centinaia di giovani
I ragazzi si sono piazzati in un’area compresa tra Mulino dei Boschi e le sponde dell'Orco. Da ieri sera controlli dei carabinieri
CALUSO - Donna investita: grave all'ospedale di Chivasso
CALUSO - Donna investita: grave all
La donna stava facendo una passeggiata in compagnia di un’amica che ha chiamato i soccorsi subito dopo l'incidente
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
Domenca «Cammin'arte» e alla sera, con la chiusura dei punti mostra alle 20, l'atteso concerto di Francesco Taskayali
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
«Leggeremo le motivazioni e valuteremo cosa fare. Ma prima ci sarà il processo a Caterina Abbattista». Il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha commentato così la sentenza del gup Alessandro Scialabba sul caso Rosboch
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
Intervento dei vigili del fuoco oggi pomeriggio nei pressi del passaggio a livello della stazione. Indagini sul proprietario del mezzo
CUORGNE' - Paura all'interno della Federal Mogul, scatta l'evacuazione
CUORGNE
L'allarme scattato per una possibile intossicazione nel reparto cuscinetti. Una cinquantina di dipendenti fatti evacuare
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
Ettore Rosboch all'uscita dal tribunale si scaglia contro la sentenza. Anche la madre di Gloria, Marisa Mores, si dice insoddisfatta. La famiglia aveva chiesto giustizia per la morte della loro unica figlia
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore