STRAMBINO - Picchia e sequestra la moglie: finisce in carcere

| Nei guai un artigiano arrestato dai carabinieri, si temeva la fuga in Romania.

+ Miei preferiti
STRAMBINO - Picchia e sequestra la moglie: finisce in carcere
I carabinieri di Strambino hanno notificato a un artigiano di 58 anni un provvedimento restrittivo per estorsione, sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. I militari sono intervenuti per evitare che l'uomo, oggi residente a Rivalta, lasciasse l'Italia. I fatti risalgono al 2009 ed al 2010, quando la coppia risiedeva a Torino. Dopo mesi di botte ed insulti la donna aveva trovato il coraggio di raccontare il suo incubo ai militari. Non solo le liti, ma anche le minacce e gli insulti per non lasciarla uscire di casa. Le indagini avevano confermato il racconto della giovane e l'uomo era stato giudicato in primo grado. Convinto della sua innocenza l'artigiano aveva fatto ricorso alla Corte d'Appello. In attesa della sentenza l'uomo aveva aperto una nuova attività in Romania ed è qui che avrebbe pensato di scappare in caso di una condanna. Per questo appena la corte ha letto la sentenza che condannava l'uomo a tre anni e 9 mesi di carcere è scattato il blitz. I militari guidati dal maresciallo Foti si sono precipitati a Rivalta. Alla vista delle sirene l'uomo ha tentato la fuga ma è stato bloccato da una pattuglia. Ora l’arrestato è stato associato alla casa circondariale di Ivrea.
 
I carabinieri di Strambino hanno anche arrestato altre due persone. K.K., un pakistano di 38 anni, perché nel febbraio 2015, a Ventimiglia, aveva violato le prescrizioni della misura alternativa alla quale era stato sottoposto dal tribunale. In manette anche C.S. romena classe 1991 domiciliata a Strambino, associata al carcere di Torino per il reato di furto aggravato commesso in Loano (SV) il 10 febbraio scorso.
 
Infine i carabinieri di Castellamonte, per mancata esibizione senza giustificato motivo del documento di identificazione e di soggiorno e per violazione dell’ordine di lasciare il territorio italiano, hanno denunciato a piede libero un cittadino cubano classe 1984 di Torino, sottoposto a controllo di fronte al Bennet di Castellamonte. Al ragazzo era già stato notificato il provvedimento di espulsione dall’Italia.
Cronaca
CERESOLE REALE - Trentenne esce di casa e scompare nel nulla: la sua auto ritrovata al Nivolet
CERESOLE REALE - Trentenne esce di casa e scompare nel nulla: la sua auto ritrovata al Nivolet
Sono ore di apprensione per le sorti di un ragazzo di 30 anni, residente a Settimo Torinese, scomparso lo scorso 10 settembre. La sua auto è stata ritrovata nel Parco nazionale del Gran Paradiso. Svolta nelle ricerche
PIVERONE - Atterraggio d'emergenza per un aereo in difficoltà sui cieli del Canavese
PIVERONE - Atterraggio d
Paura oggi pomeriggio per un piccolo Piper con due persone a bordo: il pilota costretto ad atterrare in un prato a causa di un guasto. La manovra, perfettamente riuscita, vicino a Piverone. Tutti illesi
AZEGLIO - Dramma nella serata: muore a 39 anni mentre passeggia
AZEGLIO - Dramma nella serata: muore a 39 anni mentre passeggia
Un camionista è stato trovato senza vita ieri sera. Inutili i soccorsi. Indagini dei carabinieri della compagnia di Ivrea
MONTANARO - Rave party lungo il torrente Orco con centinaia di giovani
MONTANARO - Rave party lungo il torrente Orco con centinaia di giovani
I ragazzi si sono piazzati in un’area compresa tra Mulino dei Boschi e le sponde dell'Orco. Da ieri sera controlli dei carabinieri
CALUSO - Donna investita: grave all'ospedale di Chivasso
CALUSO - Donna investita: grave all
La donna stava facendo una passeggiata in compagnia di un’amica che ha chiamato i soccorsi subito dopo l'incidente
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
CASTELLAMONTE - Gran finale per la Mostra della Ceramica
Domenca «Cammin'arte» e alla sera, con la chiusura dei punti mostra alle 20, l'atteso concerto di Francesco Taskayali
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il 17 ottobre inizia il processo alla mamma di Gabriele Defilippi
«Leggeremo le motivazioni e valuteremo cosa fare. Ma prima ci sarà il processo a Caterina Abbattista». Il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, ha commentato così la sentenza del gup Alessandro Scialabba sul caso Rosboch
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
VOLPIANO - Auto prende fuoco: il conducente se ne va... - FOTO
Intervento dei vigili del fuoco oggi pomeriggio nei pressi del passaggio a livello della stazione. Indagini sul proprietario del mezzo
CUORGNE' - Paura all'interno della Federal Mogul, scatta l'evacuazione
CUORGNE
L'allarme scattato per una possibile intossicazione nel reparto cuscinetti. Una cinquantina di dipendenti fatti evacuare
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
OMICIDIO DI CASTELLAMONTE - Il papà di Gloria: «Sia maledetto chi ha ucciso mia figlia» - VIDEO
Ettore Rosboch all'uscita dal tribunale si scaglia contro la sentenza. Anche la madre di Gloria, Marisa Mores, si dice insoddisfatta. La famiglia aveva chiesto giustizia per la morte della loro unica figlia
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore