TERRORE A BRUXELLES - «Sono salvo perché ero in ritardo. E' un miracolo poterlo raccontare»

| Parla Graziano Colacicco, 32 anni, ex assessore al bilancio del Comune di Favria e membro della giunta Filiberto a Feletto, che martedì mattina era a Bruxelles quando i terroristi dell'Isis hanno seminato morte e distruzione

+ Miei preferiti
TERRORE A BRUXELLES - «Sono salvo perché ero in ritardo. E un miracolo poterlo raccontare»
Ha visto la morte in faccia, Graziano Colacicco, 32 anni, ex assessore al bilancio del Comune di Favria e membro della giunta Filiberto a Feletto, suo paese di residenza. Colacicco, arbitro di calcio della sezione Aia di Ivrea, martedì mattina era a Bruxelles quando sono esplose le bombe nella metropolitana. Stava scendendo da un pullman proprio di fronte alla fermata di Maalbeck  quando un boato ha fatto piombare la città belga nel caos. Poco prima, in aeroporto, due terroristi dell’Isis si erano appena fatti esplodere nella hall principale, seminando morte e devastazione.

«Ero in ritardo perché il bus è rimasto bloccato nel traffico – racconta – ed è un bene perché se fossi stato in orario, probabilmente mi sarei trovato dentro la stazione della metropolitana. Questione di minuti. Subito dopo il botto, appena sceso dal pullman, ho visto la gente che correva via. C’erano vetri in frantumi dappertutto, persone che urlavano disperate. Credo di aver sentito anche degli spari. Vedevo la gente uscire dalla stazione della metropolitana a ondate. A quel punto ho iniziato a correre». Colacicco da dicembre lavora al Parlamento europeo come assistente dell'onorevole Gianluca Buonanno (dopo una precedente esperienza a Bruxelles con l’ex sindaco di Rivarolo Canavese, Fabrizio Bertot).

Martedì mattina stava andando proprio negli uffici del parlamento. A causa del ritardo è rimasto imbottigliato nel traffico: in teoria sarebbe dovuto scendere per prendere la metro proprio dalla stazione di Maalbeck. «Non avevo ancora saputo delle esplosioni in aeroporto - racconta – quindi non potevo nemmeno immaginare quello che stava succedendo in città. Nessuno di quelli che erano con me sul pullman sapeva che cosa stava accadendo. E’ stato incredibile. Grazie a Dio mi è andata bene. Me la sono cavata senza nemmeno un graffio. Il pensiero va a tutti quelli che, purtroppo, non ce l’hanno fatta». Solo dopo ore il 32enne si è reso conto dell’accaduto. Dopo una corsa di diversi chilometri, Colacicco ha dovuto affidarsi alle cure degli infermieri del parlamento europeo.

«Ero sconvolto. Mi hanno dato un calmante perché sono arrivato in stato di shock. Solo verso le due del pomeriggio i medici mi hanno lasciato andare». Il felettese, nella tarda mattinata di martedì, seppur sdraiato su un letto dell’infermeria del Parlamento europeo è riuscito a scattarsi un “selfie” e a pubblicarlo su Facebook. In questo modo ha immediatamente raggiunto centinaia di amici che, ovviamente, si stavano chiedendo se stesse bene. «Sono corso via come una lepre ed ora sono un po' sotto stress, sto bene e ringrazio di cuore uno ad uno chi mi ha spedito messaggi» ha scritto Colacicco su Facebook, tranquillizzando, ovviamente, anche i famigliari. «E’ un miracolo poterlo raccontare – aggiunge – quando realizzi li scenario di morte e distruzione che hanno lasciato questi attentati puoi solo ringraziare di essere ancora vivo».

Cronaca
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Caccia ai possibili complici di Giuseppe Laforè, preso dopo una settimana di fuga
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Caccia ai possibili complici di Giuseppe Laforè, preso dopo una settimana di fuga
Il 24enne è stato fermato a Moncalieri dai carabinieri della Falchera, dopo una settimana di fuga. Interrogato dal procuratore d'Ivrea, Ferrando, alla fine ha confessato. Si era stancato dell'atteggiamento del padre dell'ex fidanzata
CIRIE' - Per sfuggire all'arresto investe con la bici un carabiniere
CIRIE
Un uomo di 39 anni è stato arrestato dai carabinieri per detenzione di stupefacenti, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale
LAVORO IN CANAVESE - 14 posti da cantoniere disponibili - ECCO COME PARTECIPARE AL BANDO
LAVORO IN CANAVESE - 14 posti da cantoniere disponibili - ECCO COME PARTECIPARE AL BANDO
I candidati dovranno essere residentei nei Comuni sedi di cantiere o in subordine nei Comuni che fanno riferimento ai CPI di Cuorgnè e di Ivrea
FAVRIA - Giù calcinacci dal campanile: nuovo intervento dei pompieri - VIDEO
FAVRIA - Giù calcinacci dal campanile: nuovo intervento dei pompieri - VIDEO
I vigili del fuoco sono tornati questa mattina, sabato 19 gennaio, in quel Favria, per terminare l'intervento di messa in sicurezza di chiesa e campanile. Un intervento delicato vista la particolare posizione del cornicione pericolante
VOLPIANO-CUORGNE' - Concerti d'Inverno per le due filarmoniche
VOLPIANO-CUORGNE
La Società Filarmonica Volpianese e l'Accademia Filarmonica dei Concordi di Cuorgnè hanno organizzato due concerti d'Inverno
CANAVESE - Si scia questo fine settimana nelle valli Orco e Soana
CANAVESE - Si scia questo fine settimana nelle valli Orco e Soana
La neve naturale ancora si fa attendere ma nelle località sciistiche gli impianti sono comunque aperti per gli amanti dello sport
VICO CANAVESE - Incendio al tetto di una casa, vigile del fuoco lievemente ferito
VICO CANAVESE - Incendio al tetto di una casa, vigile del fuoco lievemente ferito
Un vigile del fuoco è rimasto lievemente ferito, oggi pomeriggio, nel corso delle operazioni di spegnimento di un incendio al tetto di un'abitazione di Inverso
CALUSO - Vuole la birra senza pagare: botte a negoziante e carabinieri
CALUSO - Vuole la birra senza pagare: botte a negoziante e carabinieri
Un uomo di 56 anni di Caluso è stato arrestato dai carabinieri per resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamenti e minacce
BOLLENGO - Rapina una donna la notte di capodanno: condannato
BOLLENGO - Rapina una donna la notte di capodanno: condannato
L'uomo, sposato, padre di due figli, muratore fino ad allora incensurato, ora dovrà scontare una pena di oltre quattro anni
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell'uomo» - LA FOTO
OMICIDIO DI SAN GIORGIO - Il killer confessa: «Ho sparato perchè amavo la figlia di quell
Giuseppe Laforè, 24 anni, detto Alex, braccato da carabinieri e polizia è stato fermato ieri sera a Torino. Giovedì scorso, al culmine di una lite con il padre dell'ex fidanzata, ha sparato diversi colpi uccidento Laurent Radici, 44 anni
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore