TORINO E CANAVESE - Operazione contro la 'ndrangheta - I NOMI DEGLI ARRESTATI

| Gli episodi di reato, secondo le indagini dei carabinieri, si sono verificati nel territorio di Chivasso, Settimo Torinese, Leini e zone limitrofe dal 2012 ad oggi. L'operazione coordinata dai militari dell'Arma e dalla procura di Torino

+ Miei preferiti
TORINO E CANAVESE - Operazione contro la ndrangheta - I NOMI DEGLI ARRESTATI
Ieri mattina la Compagnia Carabinieri Chivasso ha dato esecuzione all’ordinanza del GIP presso il Tribunale di Torino con la quale è stata disposta la custodia cautelare in carcere per i seguenti soggetti:
 
GIOFFRE’ Domenico, nato a Taurianova (RC) il 10.05.1986;
GIOFFRE’ Francesco, nato a Taurianova (RC) il 02.11.1982;
GUERRA Antonio, nato a Torino il 29.11.1978;
ILACQUA Domenico, nato a Seminara (RC) il 9.09.1957;
ILACQUA Francesco, nato a Chivasso (TO) il 11.08.1978;
ILACQUA Luciano, nato a Chivasso (TO) il 27.09.1987;
MIRAI Giovanni, nato a Torino il 27.09.1976;
VOLPE Carmine, nato a Giffoni sei Casali (SA) il 18.09.1963;
GROSSO Francesco, nato a Chivasso il 19.11.1977
CALO’ Salvatore, nato a Chivasso il 22.08.1969
e gli arresti domiciliari, in considerazione delle condizioni di salute, nei confronti di AMANTEA Valentino.
 
Quest’ultimo è accusato, come VOLPE Carmine, di avere detenuto e portato un’arma in luogo pubblico, mentre a carico di Domenico e Francesco GIOFFRE’, GUERRA Antonio, MIRAI Giovanni, ILACQUA Luciano, ILACQUA Domenico e ILACQUA Francesco il GIP ha ritenuto la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza in ordine al delitto di associazione mafiosa, nonché, di concorso, a vario titolo, nei delitti di tentato omicidio, lesioni aggravate, estorsioni aggravate anche dal metodo mafioso, detenzione e porto abusivo di armi.
 
Si tratta, più specificamente, di molteplici fatti di reato accaduti nel territorio di Chivasso, Settimo Torinese, Leini e zone limitrofe dal 2012 ad oggi.
 
In particolare, le indagini venivano avviate nell’estate del 2012 a seguito di gravissimi fatti occorsi in Chivasso tra giugno e agosto di quell’anno, quando venivano fatto oggetto di colpi di arma da fuoco PONENTE Giovanni (già coinvolto nel processo “MINOTAURO” per violazione della normativa sugli stupefacenti), DI MAIO Salvatore (poi arrestato nell’ottobre di quell’anno per detenzione di armi nell’operazione “COLPO DI CODA”), AMANTEA Valentino e VOLPE Carmine, questi ultimi destinatari del medesimo provvedimento cautelare in ragione dei gravi indizi emersi nel corso della indagine in ordine alla detenzione al porto abusivo di armi comuni da sparo. AMANTEA Valentino veniva costretto, a seguito dell’azione delittuosa, su una sedia a rotelle.
 
Lo sviluppo delle indagini, condotte senza alcuna sostanziale collaborazione delle persone offese che si mostravano da subito reticenti, ha evidenziato, con l’ausilio delle comparazioni balistiche, una serie di connessioni con altri fatti di reato nei quali erano state utilizzate armi da fuoco per esplodere a scopo intimidatorio colpi di pistola contro negozi siti in Chivasso, Settimo T.se e Leinì.
 
Le attività di intercettazione ed il coordinamento investigativo che ha posto in collegamento numerosi fatti succedutisi nel tempo, ha altresì permesso di acquisire gravi indizi di colpevolezza a carico degli indagati GUERRA, GIOFFRE’ e ILACQUA non solo in ordine alla partecipazione ai fatti di sangue citati, ma altresì in ordine ad alcune vicende di carattere estorsivo a danno di commercianti operanti sul territorio, in particolare nei settori economici di interesse degli stessi indagati, in specie commercio di autovetture e autolavaggi, con sostanziale alterazione della concorrenza in tali  settori.
 
Peraltro, nelle more dell’emissione del provvedimento cautelare del GIP torinese eseguito in data odierna, alcuni dei soggetti destinatari del medesimo sono stati indagati per lesioni e tentato omicidio dalla Procura presso il Tribunale di Ivrea per fatti occorsi nell’autunno del 2016: due di loro in particolare, GUERRA Antonio e GIOFFRE’ Francesco, hanno ricevuto il nuovo provvedimento restrittivo in carcere. Il contesto e le relazioni criminali emersi dalle lunghe investigazioni, e le modalità di azione hanno condotto alla contestazione in capo ai fratelli Domenico e Francesco GIOFFRE’, GUERRA Antonio, MIRAI Giovanni, ILACQUA Luciano, ILACQUA Domenico e ILACQUA Francesco del delitto di associazione mafiosa di matrice ‘ndranghetista.
 
Il GIP ha accolto anche le richieste di sequestro preventivo di alcune ditte, oltre che di beni mobili e immobili che , allo stato, risultano posseduti in proporzione rispetto ai redditi dichiarati. Tra le ditte figurano alcune carozzerie ed autolavaggi riconducibili, anche attraverso intestazioni fittizie, agli odierni arrestati. Nel corso delle indagini, infine, sono inoltre emersi gravi indizi a carico di GROSSO Francesco, CALO’ Salvatore e ILACQUA Francesco, in relazione alla commissione in Torino di rapine ai danni di spacciatori.
Cronaca
VEROLENGO - Vandali devastano l'ex casa cantoniera: denunciati
VEROLENGO - Vandali devastano l
Il gruppo č stato identificato e denunciato dai militari dell'Arma. Sono quattro studenti, di etą compresa tra i 16 e i 17 anni
LEINI - Ruba cinque bottiglie di champagne al Pam: arrestata
LEINI - Ruba cinque bottiglie di champagne al Pam: arrestata
Scappata dal centro commerciale ha avuto la sfortuna di imbattersi in una pattuglia dei carabinieri. Si č dileguato il complice
IVREA - Vandali usano gli estintori sulle auto: la Lega va all'attacco
IVREA - Vandali usano gli estintori sulle auto: la Lega va all
Episodi al Bennet e nell'area del Movicentro. Il carroccio chiede l'intervento dell'amministrazione contro i vandali di turno
IVREA - Carnevale con il corteo a numero chiuso: nessun passo indietro
IVREA - Carnevale con il corteo a numero chiuso: nessun passo indietro
La Mugnaia dello Storico Carnevale edizione 2018 sarą la prima a dover percorrere la cittą con il corteo storico ridotto
VALPRATO SOANA - Sicuri con la neve: a lezione dal soccorso alpino
VALPRATO SOANA - Sicuri con la neve: a lezione dal soccorso alpino
L'edizione 2018 di Sicuri con la neve si svolgerą il 21 gennaio a Piamprato Soana, nel cuore del Parco nazionale Gran Paradiso
CANAVESE - Le lasciano un tampone nell'addome: giovane mamma presenta un esposto alla procura di Ivrea
CANAVESE - Le lasciano un tampone nell
Una trentenne di Foglizzo ha presentato un esposto alla procura di Ivrea, al momento contro ignoti, per le complicanze post parto forse provocate da un tampone. La donna ha partorito una splendida bimba ad ottobre all'ospedale di Chivasso
LEINI - Code e caos sulla 460 a causa del cantiere aperto a sorpresa
LEINI - Code e caos sulla 460 a causa del cantiere aperto a sorpresa
A causa della sistemazione dei giunti del viadotto si viaggia a senso unico alternato: traffico regolato da semaforo
IVREA - Per lo storico carnevale solo arance «lontane» dalla mafia
IVREA - Per lo storico carnevale solo arance «lontane» dalla mafia
Il protocollo Arance Frigie tra gli esempi virtuosi di lotta alle infiltrazioni mafiose nella filiera produttiva agroalimentare
SAN BENIGNO - Pecore trovate morte in un campo: scatta l'allarme
SAN BENIGNO - Pecore trovate morte in un campo: scatta l
Le carcasse degli animali, come da prassi, sono state affidate ai veterinari dell'Asl To4 e del centro di zooprofilassi di Torino
IVREA - Vende profumi falsi al mercato: ambulante incassa 5000 euro di multa e una denuncia
IVREA - Vende profumi falsi al mercato: ambulante incassa 5000 euro di multa e una denuncia
Sul finire del 2017 un'indagine della guardia di finanza di ha portato alla denuncia di otto canavesani a Rivarolo, Feletto, Cuorgnč, Ivrea, Castellamonte, Romano e Burolo per la vendita on line di abbigliamento farlocco
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore