TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti

| «Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri

+ Miei preferiti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
Il 32° Rally Città di Torino viene funestato da un grave incidente dove perde la vita un bimbo di sei anni. E’ successo sabato sul tratto di Coassolo, terza prova della competizione torinese. I concorrenti nella prima mattinata avevano affrontato il parziale del Col del Lys e avevano successivamente scollinato nella Valle di Lanzo dove alle 11.31 aveva preso il via la prova di Coassolo lunga circa sette chilometri.
    
Alle ore 17 è stata indetta una conferenza stampa alla quale hanno presenziato l’organizzatore Mario Ghiotti, il direttore di gara Alfredo Delleani e il medico di gara Graziano Madoglio. E’ il direttore di gara Alfredo Delleani a spiegare l’accaduto. «La prova era stata allestita come prevendono i parametri di sicurezza imposti per questa tipologia di gara. Gli apripista e i concorrenti che sono transitati prima della vettura coinvolta non hanno segnalato nulla di anomalo. Tengo a precisare che mediamente ogni 250 metri sul percorso di gara viene garantita la presenza di un ufficiale di gara munito di radio in contatto costante con la direzione gara.” Delleani illustrata nei dettagli la dinamica dell’accaduto “Alle 11.42 il concorrente numero 12 prende il via dallo start. Alle 11.43’50” giunge la segnalazione che la vettura ha investito delle persone presenti nella postazione sei , verrà misurato in seguito che la Skoda Fabia si è fermata 130 metri dopo la sede stradale. Vengono sospese le partenze e immediatamente viene dato ordine di entrata all’unità di soccorso che dopo circa un minuto e mezzo è sul luogo dell’incidente. Risulta subito che fra le persone coinvolte ci sono due minori. A quel punto viene richiesto l’intervento di elicottero e due ulteriori ambulanze. Al momento non siamo in grado di stabilire le cause dell’accaduto. Il pilota conduceva una vettura per la quale viene richiesta una particolare abilitazione che non viene assegnata a livello burocratico a fronte di un versamento amministrativo ma dopo un test obbligatorio al quale deve obbligatoriamente sottoporsi».
 
Il dottor Graziano Madoglio spiega le condizioni dei superstiti e le modalità dei soccorsi. «I soccorsi sono stati immediati e coordinati da colleghi esperti del 118. Per quanto riguarda il bimbo deceduto, il primo medico rianimatore giunto sul posto e che ha prestato le prime cure al bimbo deceduto è stato ben cinquanta minuti per cercare di rianimarlo benchè già dai primi momenti le condizioni del piccolo sono sembrate subito critiche. Il pilota, ricoverato all’ospedale di Ciriè è stato sottoposto ad esami strumentali approfonditi e ad una visita specialistica per la quale siamo in attesa degli esiti. La maggior preoccupazione riguarda un trauma cranico commotivo che al momento non è spiegato».
 
Anche Mario Ghiotti è scosso per l’accaduto. «Sono profondamente addolorato e sono vicino alla famiglia del piccolo. Oggi doveva essere una festa di sport che purtroppo si è trasformata in tragedia. Noi avevamo predisposto tutto l’apparato secondo i canoni imposti dagli enti competenti. Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose». Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso della gara, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri.
Cronaca
CIRIE-MATHI - Controlli a tappeto nei locali: multe fino a 30 mila euro
CIRIE-MATHI - Controlli a tappeto nei locali: multe fino a 30 mila euro
La guardia di finanza ha scoperto in una pizzeria lavoratori in nero, tra i quali un clandestino colpito da un'espulsione
MONTALENGHE - Taglio del nastro per il nuovo ambulatorio comunale
MONTALENGHE - Taglio del nastro per il nuovo ambulatorio comunale
La struttura è stata realizzata grazie al lascito di due benefattori del paese: Francesca Fiorina e Leone Stragiotti
PRASCORSANO - Due fratelli arrestati dai carabinieri di Cuorgnè
PRASCORSANO - Due fratelli arrestati dai carabinieri di Cuorgnè
Entrambi, dopo la sentenza, sono tornati in carcere perchè devono scontare una condanna per estorsione in concorso e rapina
CANAVESANA - Problema tecnico sul treno: soppresse due corse della sera per Rivarolo e Chieri
CANAVESANA - Problema tecnico sul treno: soppresse due corse della sera per Rivarolo e Chieri
Nel giorno in cui la Regione Piemonte annuncia una nuova «Carta della qualità» del trasporto ferroviario per tutelare maggiormente i passeggeri dei treni, sulla Canavesana due corse sono saltate per non meglio specificati «problemi tecnici»
VIDRACCO - Fino al 22 febbraio chiude la provinciale della Valchiusella
VIDRACCO - Fino al 22 febbraio chiude la provinciale della Valchiusella
Se sussisteranno le condizioni di sicurezza la Sp 61 sarà lasciata aperta nella fascia oraria notturna e precisamente dalle ore 17,30 alle ore 8,30 del giorno successivo
CHIVASSO - Contromano sulla statale provoca incidente: un ferito grave
CHIVASSO - Contromano sulla statale provoca incidente: un ferito grave
La ragazza, neopatentata, è risultata anche positiva all'alcoltest. La dinamica è al vaglio dei carabinieri di Chivasso
TORINO-BORGARO - A 17 anni al volante senza patente e assicurazione
TORINO-BORGARO - A 17 anni al volante senza patente e assicurazione
Conducente e passeggero minorenni, domiciliati al campo nomadi di strada dell'Aeroporto. La vettura è stata sequestrata
PALAZZO CANAVESE - Pistola rubata in casa: arrestato un 47enne
PALAZZO CANAVESE - Pistola rubata in casa: arrestato un 47enne
L'arma è stata subito inviata al Ris di Parma per verificare se è stata utilizzata in passati o recenti episodi di cronaca
CASTELLAMONTE - Ecco dame, terzieri e clavario del Carnevale 2019
CASTELLAMONTE - Ecco dame, terzieri e clavario del Carnevale 2019
Il piatto di questa edizione, su disegno di Guglielmo Marthyn, è stato realizzato dal ceramista Maurizio Grandinetti
IVREA - Massi contro l'auto dei vigili: denunciato il lanciatore
IVREA - Massi contro l
Il 49enne dovrà adesso rispondere di danneggiamento, oltraggio a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore