TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti

| «Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri

+ Miei preferiti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
Il 32° Rally Città di Torino viene funestato da un grave incidente dove perde la vita un bimbo di sei anni. E’ successo sabato sul tratto di Coassolo, terza prova della competizione torinese. I concorrenti nella prima mattinata avevano affrontato il parziale del Col del Lys e avevano successivamente scollinato nella Valle di Lanzo dove alle 11.31 aveva preso il via la prova di Coassolo lunga circa sette chilometri.
    
Alle ore 17 è stata indetta una conferenza stampa alla quale hanno presenziato l’organizzatore Mario Ghiotti, il direttore di gara Alfredo Delleani e il medico di gara Graziano Madoglio. E’ il direttore di gara Alfredo Delleani a spiegare l’accaduto. «La prova era stata allestita come prevendono i parametri di sicurezza imposti per questa tipologia di gara. Gli apripista e i concorrenti che sono transitati prima della vettura coinvolta non hanno segnalato nulla di anomalo. Tengo a precisare che mediamente ogni 250 metri sul percorso di gara viene garantita la presenza di un ufficiale di gara munito di radio in contatto costante con la direzione gara.” Delleani illustrata nei dettagli la dinamica dell’accaduto “Alle 11.42 il concorrente numero 12 prende il via dallo start. Alle 11.43’50” giunge la segnalazione che la vettura ha investito delle persone presenti nella postazione sei , verrà misurato in seguito che la Skoda Fabia si è fermata 130 metri dopo la sede stradale. Vengono sospese le partenze e immediatamente viene dato ordine di entrata all’unità di soccorso che dopo circa un minuto e mezzo è sul luogo dell’incidente. Risulta subito che fra le persone coinvolte ci sono due minori. A quel punto viene richiesto l’intervento di elicottero e due ulteriori ambulanze. Al momento non siamo in grado di stabilire le cause dell’accaduto. Il pilota conduceva una vettura per la quale viene richiesta una particolare abilitazione che non viene assegnata a livello burocratico a fronte di un versamento amministrativo ma dopo un test obbligatorio al quale deve obbligatoriamente sottoporsi».
 
Il dottor Graziano Madoglio spiega le condizioni dei superstiti e le modalità dei soccorsi. «I soccorsi sono stati immediati e coordinati da colleghi esperti del 118. Per quanto riguarda il bimbo deceduto, il primo medico rianimatore giunto sul posto e che ha prestato le prime cure al bimbo deceduto è stato ben cinquanta minuti per cercare di rianimarlo benchè già dai primi momenti le condizioni del piccolo sono sembrate subito critiche. Il pilota, ricoverato all’ospedale di Ciriè è stato sottoposto ad esami strumentali approfonditi e ad una visita specialistica per la quale siamo in attesa degli esiti. La maggior preoccupazione riguarda un trauma cranico commotivo che al momento non è spiegato».
 
Anche Mario Ghiotti è scosso per l’accaduto. «Sono profondamente addolorato e sono vicino alla famiglia del piccolo. Oggi doveva essere una festa di sport che purtroppo si è trasformata in tragedia. Noi avevamo predisposto tutto l’apparato secondo i canoni imposti dagli enti competenti. Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose». Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso della gara, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri.
Cronaca
CASTELLAMONTE - Tutto pronto per la tradizionale Festa di Santa Cecilia
CASTELLAMONTE - Tutto pronto per la tradizionale Festa di Santa Cecilia
La junior Band inaugurerà il nuovo giaccone invernale acquistato per tutti i suoi componenti e la giornata si concluderà con il pranzo sociale in sede
MERCENASCO - Vandali devastano le arnie delle api: danni ingenti
MERCENASCO - Vandali devastano le arnie delle api: danni ingenti
I malviventi hanno anche portato via una ventina di blocchi di cemento sui quali erano sistemati gli alveari con le api dentro
LEINI - Babbo Natale porta una mucca ad una bimba ricoverata al Regina Margherita di Torino
LEINI - Babbo Natale porta una mucca ad una bimba ricoverata al Regina Margherita di Torino
Merito dell'associazione di Leini «Voglio solo un sorriso - Martina» che ha fatto tutto il possibile, insieme ad altri volontari, per fare contenta una bimba della provincia di Cuneo ricoverata da tempo al Regina Margherita di Torino
CERESOLE REALE - Accesi l'albero di Natale e il presepe nella neve
CERESOLE REALE - Accesi l
L'albero di Natale, altro circa dieci metri, spicca sulla piazza di fronte al monumento ai caduti, circondato dalla neve
CUORGNE' - Cerimonia al monumento cittadino in ricordo dei Marinai
CUORGNE
Diversi furono i marinai cuorgnatesi che grazie alle loro abilità meccaniche, maturate nelle aziende canavesane, prestarono servizio nella Marina Militare
RIVAROLO CANAVESE - I vigili del fuoco hanno celebrato Santa Barbara - FOTO e VIDEO
RIVAROLO CANAVESE - I vigili del fuoco hanno celebrato Santa Barbara - FOTO e VIDEO
Dopo le foto di rito i vigili del fuoco di Rivarolo, per voce del capo distaccamento Roberto Zaccaria, hanno consegnato al piccolo Loris un assegno a sostegno dell'operazione e del viaggio ai quali il bimbo dovrà sottoporsi a febbraio
CHIVASSO - Operazione «Oro rosso»: due moldavi denunciati dalla Polfer
CHIVASSO - Operazione «Oro rosso»: due moldavi denunciati dalla Polfer
Trovati in possesso di un motore di un autoveicolo, risultato però rubato, appena acquistato in un'autofficina del torinese
CANAVESE - Agricoltura in ginocchio dopo il maltempo: Coldiretti chiede alla Regione la deroga per spandere gli effluenti
CANAVESE - Agricoltura in ginocchio dopo il maltempo: Coldiretti chiede alla Regione la deroga per spandere gli effluenti
«Il settore agricolo vive momenti difficili a causa delle piogge incessanti registrate in novembre e i ritardi delle lavorazioni colturali rischiano di compromettere la stagione delle semine», dice il direttore Michele Mellano
CANAVESE - Campagna europea «Alcohol and Drugs»: più controlli della polizia stradale dal 9 al 15 dicembre
CANAVESE - Campagna europea «Alcohol and Drugs»: più controlli della polizia stradale dal 9 al 15 dicembre
Gli operatori impegnati nei controlli, diurni e notturni, verificheranno lo stato psicofisico dei conducenti, valutando il tasso alcolemico con l'impiego dell'etilometro e l'alterazione dovuto all'uso di sostanze stupefacenti
CASELLE - Aereo resta bloccato sulla pista: lo scalo chiude 30 minuti
CASELLE - Aereo resta bloccato sulla pista: lo scalo chiude 30 minuti
Il blocco ha provocato ritardi su molti velivoli in partenza che hanno accusato anche un'ora di attesa prima del decollo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore