VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO

| Le prostitute erano controllate dalla banda con software spia installati nei loro cellulari. I malviventi si occupavano anche di produzione e spaccio di marijuana. L’attività di indagine è iniziata nell'agosto del 2015

+ Miei preferiti
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO
Le prostitute controllate con software spia installati nei loro cellulari, il botanico esperto in coltivazioni di canapa indiana, i contadini della marijuana e i campi di marijuana realizzati in boschi isolati e in aree appositamente disboscate per la coltivazione (video sotto): è quanto hanno scoperto i carabinieri della Compagnia di Torino Oltre Dora in mesi di indagini. I militari hanno eseguito sia un provvedimento cautelare in carcere, emesso dal Tribunale di Torino, sia diversi arresti in flagranza nei confronti di 10 albanesi responsabili, a vario titolo, di reclutamento, sfruttamento e induzione alla prostituzione, porto abusivo di armi, usura, estorsione, lesioni aggravate e produzione di droga.
 
L’attività di indagine è iniziata nell’agosto del 2015, quando nell’area nord della città di Torino si erano verificati diverse aggressioni, con esplosione di colpi di arma da fuoco, ai danni di alcune prostitute nigeriane. Gli episodi erano stati, fin da subito, ricondotti ai contrasti esistenti tra i diversi gruppi criminali per il controllo degli spazi della prostituzione. Era stato accertato che la criminalità albanese, che gestiva la tratta e lo sfruttamento delle donne, non tollerava la presenza di altre donne che non fossero le proprie.   
 
L’organizzazione gestiva 10 donne, albanesi e greche, costrette a prostituirsi a Torino, Volpiano e Cuneo.  Le ragazze arrivano in Italia, provenienti dalla Grecia e Albania, con la promessa di un lavoro, di una casa e di un matrimonio con i trafficanti di donne, ma il loro destino era la strada.  I mercanti del sesso instauravano con le ragazze relazioni sentimentali “di comodo” per controllare meglio la situazione e aumentare i profitti perché una donna serena e innamorata produce di più.  Le prostitute venivano picchiate e umiliate quando i loro guadagni erano scarsi e, a loro insaputa, erano controllate 24 ore su 24 tramite  un’app spia installata nel loro cellulare. Alcune donne erano innamorate dei loro schiavisti (la sindrome di Stoccolma[1]) ed erano completamente sottomesse. Per amore e devozione, una ragazza ha lavorato subito dopo aver abortito in strada.
 
La droga I guadagni della prostituzione sono stati reinvestiti nella produzione industriale di marijuana. Scoperte tre piantagioni, a Corio (To), Mortara (Pv) e Abbiategrasso (Mi),  gestite dagli indagati con la collaborazione di altri albanesi, fra cui una sorta di  botanico che individuava le aree boschive da disboscare.  Nei campi di cannabis, tutti realizzati  in boschi isolati e in aree appositamente disboscate per la coltivazione, i carabinieri hanno rinvenuto oltre 4.000 piante di marijuana, per un valore di diversi milioni di euro.
Video
Galleria fotografica
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 1
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 2
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 3
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 4
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 5
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 6
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 7
Dove è successo
Cronaca
LEINI - Discarica abusiva: denunciato un imprenditore - FOTO
LEINI - Discarica abusiva: denunciato un imprenditore - FOTO
In un terreno destinato a fondo agricolo, l'uomo aveva allestito una vera e propria discarica abusiva di circa 1000 metri cubi
TORRAZZA - «Sono gay»: il padre lo picchia. Lo sdegno dell'Arcigay
TORRAZZA - «Sono gay»: il padre lo picchia. Lo sdegno dell
«L'ennesima notizia di un pestaggio ai danni di un giovane omosessuale ci coglie allarmati e molto sconfortati» dice Piazzoni
MONTALENGHE - Capriolo investito e ucciso verso Foglizzo
MONTALENGHE - Capriolo investito e ucciso verso Foglizzo
L'autista di un furgone non ha fatto in tempo a frenare e uno dei due caprioli che stava attraversando è stato colpito
CANAVESE - Caos sulla 460: strada chiusa fino a metà giugno
CANAVESE - Caos sulla 460: strada chiusa fino a metà giugno
Partono i lavori per quasi 200 mila euro: «Entro metà giugno la circolazione stradale sarà tornata alla normalità»
CASTELLAMONTE - I progetti del liceo Faccio colorano il Martinetti
CASTELLAMONTE - I progetti del liceo Faccio colorano il Martinetti
All'unanimità ha vinto il progetto di Federica Jon. Lla studentessa si è aggiudicata un buono acquisto da 200 euro
PROCESSO 'NDRANGHETA - Voto di scambio non mafioso: condannato l'ex segretario Battaglia
PROCESSO
Si è concluso con sette condanne e due assoluzioni il secondo processo d'appello relativo all'inchiesta Minotauro. Antonino Battaglia e Giovanni Macrì condannati ad un anno e quattro mesi per reato elettorale semplice
CASTELLAMONTE - Successo per l'iniziativa del Lions sulla prevenzione dell'ictus
CASTELLAMONTE - Successo per l
Grazie alla disponibilità e all'impegno della dottoressa Mariella De Luca, socia del Lions Club Alto Canavese, è stato possibile effettuare circa 90 esami
CUORGNE' - La Federal Mogul passa sotto il controllo dell'americana Tenneco
CUORGNE
La storica azienda, che ha tra i suoi 130 stabilimenti anche quello di Cuorgnè, di fronte all'ex manifattura, diventerà una controllata della multinazionale statunitense del settore automotive. La Fiom Cgil chiede subito un incontro
RIVAROLO - Festa degli Alpini per Silvio Bonaudo e Matteo Costantino
RIVAROLO - Festa degli Alpini per Silvio Bonaudo e Matteo Costantino
«Il nostro - spiega il capogruppo Roberto Gallo - è un riconoscimento per i tanti anni di lavoro all'interno del gruppo»
ALPETTE - Riapre la Nuova Sosteria Alpina
ALPETTE - Riapre la Nuova Sosteria Alpina
Un buon segnale per il turismo in quota di Alpette e dintorni
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore