VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO

| Le prostitute erano controllate dalla banda con software spia installati nei loro cellulari. I malviventi si occupavano anche di produzione e spaccio di marijuana. L’attività di indagine è iniziata nell'agosto del 2015

+ Miei preferiti
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO
Le prostitute controllate con software spia installati nei loro cellulari, il botanico esperto in coltivazioni di canapa indiana, i contadini della marijuana e i campi di marijuana realizzati in boschi isolati e in aree appositamente disboscate per la coltivazione (video sotto): è quanto hanno scoperto i carabinieri della Compagnia di Torino Oltre Dora in mesi di indagini. I militari hanno eseguito sia un provvedimento cautelare in carcere, emesso dal Tribunale di Torino, sia diversi arresti in flagranza nei confronti di 10 albanesi responsabili, a vario titolo, di reclutamento, sfruttamento e induzione alla prostituzione, porto abusivo di armi, usura, estorsione, lesioni aggravate e produzione di droga.
 
L’attività di indagine è iniziata nell’agosto del 2015, quando nell’area nord della città di Torino si erano verificati diverse aggressioni, con esplosione di colpi di arma da fuoco, ai danni di alcune prostitute nigeriane. Gli episodi erano stati, fin da subito, ricondotti ai contrasti esistenti tra i diversi gruppi criminali per il controllo degli spazi della prostituzione. Era stato accertato che la criminalità albanese, che gestiva la tratta e lo sfruttamento delle donne, non tollerava la presenza di altre donne che non fossero le proprie.   
 
L’organizzazione gestiva 10 donne, albanesi e greche, costrette a prostituirsi a Torino, Volpiano e Cuneo.  Le ragazze arrivano in Italia, provenienti dalla Grecia e Albania, con la promessa di un lavoro, di una casa e di un matrimonio con i trafficanti di donne, ma il loro destino era la strada.  I mercanti del sesso instauravano con le ragazze relazioni sentimentali “di comodo” per controllare meglio la situazione e aumentare i profitti perché una donna serena e innamorata produce di più.  Le prostitute venivano picchiate e umiliate quando i loro guadagni erano scarsi e, a loro insaputa, erano controllate 24 ore su 24 tramite  un’app spia installata nel loro cellulare. Alcune donne erano innamorate dei loro schiavisti (la sindrome di Stoccolma[1]) ed erano completamente sottomesse. Per amore e devozione, una ragazza ha lavorato subito dopo aver abortito in strada.
 
La droga I guadagni della prostituzione sono stati reinvestiti nella produzione industriale di marijuana. Scoperte tre piantagioni, a Corio (To), Mortara (Pv) e Abbiategrasso (Mi),  gestite dagli indagati con la collaborazione di altri albanesi, fra cui una sorta di  botanico che individuava le aree boschive da disboscare.  Nei campi di cannabis, tutti realizzati  in boschi isolati e in aree appositamente disboscate per la coltivazione, i carabinieri hanno rinvenuto oltre 4.000 piante di marijuana, per un valore di diversi milioni di euro.
Video
Galleria fotografica
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 1
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 2
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 3
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 4
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 5
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 6
VOLPIANO - Obbligavano le donne a prostituirsi: dieci persone arrestate dai carabinieri - VIDEO - immagine 7
Dove è successo
Cronaca
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - I medici hanno tentato di rianimare il bambino per 50 minuti
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
«Non ci risulta che al momento del via ci fossero persone in posizioni pericolose» dice l'organizzatore della gara. Sarà l'inchiesta della procura di Ivrea a stabilire se, nel corso del rally, le persone si sono spostate dai luoghi sicuri
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell'Anffas - FOTO
RIVAROLO - Taglio del nastro per i nuovi locali dell
La fondazione La Torre-Anffas, nata nel 1985 da un progetto della Regione, assiste numerosi pazienti nella sede rivarolese
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
METEO - Ondate di calore: in pianura fino a 35 gradi
In queste ore l'influenza di un promontorio di alta pressione esteso dal Nord Africa fino alla Penisola Scandinava, garantisce giorni soleggiati e un aumento delle temperature massime
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
CASELLE-MAPPANO - Aprono gli sportelli casa per i cittadini
Il progetto è cofinanziato da Comune di Caselle, Cim di Mappano, Compagnia di San Paolo e associazione Sinapsi
IVREA - Core festeggia i vent'anni di attività al castello di Masino
IVREA - Core festeggia i vent
L’azienda si è caratterizzata per la capacità di seguire le evoluzioni del mercato informatico, superando gli anni di crisi
AGLIE' - Muore in casa a 38 anni: ritrovato dai carabinieri
AGLIE
Si tratta di una persona nota in paese, più volte finito alla ribalta delle cronache. Anni fa aveva salvato i vicini da un incendio
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - Canavese sotto shock per il dramma di Coassolo - FOTO
Un bimbo di sei anni morto nell'incidente. Al volante dell'auto il pilota Cristian Milano, 47 anni, di Prascorsano, colto da un malore durante la gara. Tanti sportivi si sono stretti al dolore della famiglia del piccolo
TRAGEDIA AL RALLY CITTA' DI TORINO - Muore un bimbo travolto da un'auto: la procura di Ivrea apre un'inchiesta - FOTO
TRAGEDIA AL RALLY CITTA
Un'auto impegnata nella corsa è uscita di strada travolgendo un'intera famiglia. L'inchiesta è stata affidata al pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi. Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono in corso a cura dei carabinieri
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
CALUSO - Incidente stradale: due feriti sulla statale 26 - VIDEO
Scontro frontale, oggi intorno alle 16.30. Coinvolti un Fiat Ducato e una Fiat Panda all'incrocio appena fuori il centro abitato
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
TRAGEDIA AL RALLY CITTÀ DI TORINO - AUTO SULLA FOLLA: MUORE UN BAMBINO DI SEI ANNI
Tragedia assurda a Coassolo, nelle Valli di Lanzo. Nel corso del «Rally Città di Torino» un'auto è finita sulla folla. Un bambino di 6 anni è morto travolto dalla vettura in gara. Travolti anche altri tre spettatori
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore