AMBIENTE - Il caldo della «Tube»

| Caratteristica della metropolitana di Londra, il calore servirà per riscaldare abitazioni e uffici con costi ridotti e ad impatto zero. Si parte entro la fine dell’anno dal quartiere di Islington

+ Miei preferiti
AMBIENTE - Il caldo della «Tube»
«The Tube», come la chiamano i londinesi, non è solo la più antica metropolitana del mondo, ma anche la più estesa d’Europa: inaugurata il 10 gennaio del 1863, conta 382 stazioni che coprono per intero l’area della “Great London”, e ogni anno trasporta 28 milioni di persone fra residenti e turisti. E a breve, alla faccia dell’età, The Tube diventerà anche una delle più ecologiche del pianeta. Tutto nasce dal calore delle fermate sotterranee della metro, un problema che i londinesi conoscono bene e i turisti imparano in fretta. Ma qualcuno sta lavorando per sfruttare quel fastidio, trasformandolo in un’opportunità molto “green”.
 
Il progetto si chiama “Heat from the Tube”, letteralmente ‘calore della metropolitana’, e prevede di incanalare l’aria calda per scaldare uffici e abitazioni. Il progetto, che salvo intoppi dovrebbe partire entro la fine dell’anno e ideato dalla “Ramboll”, prenderà il via sulla “Northern Line”, linea contraddistinta sulla mappa dal colore nero, quella che un tempo i londinesi chiamavano “misery line” perché finiva la sua corsa nei sobborghi più poveri della capitale inglese: 58 km di percorso con 50 fermate, di cui 36 sotterranee, utilizzata ogni anno da più di 200mila passeggeri. La zona invece è quella di Islington, sobborgo a nord della città che ospita già un esperimento urbanistico, con 850 abitazioni che ricevono il riscaldamento da un mix di energia e gas creato dal “Bunhill Energy Center” a cui a breve saranno affiancati i condotti e le pompe di ventilazione che porteranno in superficie il calore della Northern Line.
 
“Si tratta del primo esempio in Europa di riciclo del calore di scarto per trasformarlo in una forma di riscaldamento a basso contenuto di carbonio e basso costo per le abitazioni locali, molte delle quali risalenti agli anni Trenta del secolo scorso”.
Secondo i calcoli della “Great London Autohority”, il calore prodotto dalla metropolitana sarebbe sufficiente a soddisfare quasi il 40% della richiesta cittadina, e il progetto si allinea perfettamente ai piani di teleriscaldamento che interessano tutto il Regno Unito, paese che utilizza quasi la metà dell’energia per creare calore, e sua volta genera un terzo delle emissioni. Oltre al caldo della metropolitana, altri studi stanno cercando di sfruttare il calore prodotto da fabbriche, centrali elettriche, miniere in disuso e supermercati. Tutto per liberarsi del carbonio entro 30 anni, come previsto dal governo. (Germano Longo)
Galleria fotografica
AMBIENTE - Il caldo della «Tube» - immagine 1
AMBIENTE - Il caldo della «Tube» - immagine 2
AMBIENTE - Il caldo della «Tube» - immagine 3
AMBIENTE - Il caldo della «Tube» - immagine 4
Lifestyle
WINE - Atomik, la vodka di Chernobyl
WINE - Atomik, la vodka di Chernobyl
Realizzata distillando acqua e cereali della zona proibita, non presenta tracce di radioattività ed è nata per dare una mano a zone dimenticate
INTERNET - La silenziosa scomparsa degli internet café
INTERNET - La silenziosa scomparsa degli internet café
Hanno accompagnato la rivoluzione 2.0, quella della connessione per tutti, ma stanno sparendo uno dopo l'altro, sepolti da locali che rinunciano al wifi
MATRIMONIO - Dirsi di sì fra i donuts
MATRIMONIO - Dirsi di sì fra i donuts
Le Donuts Wedding Cake sono il massimo del trend negli Stati Uniti: valanghe di ciambelle su più piani decorate come meglio si preferisce
TREND - A tutti gli ammalati di «selfite»
TREND - A tutti gli ammalati di «selfite»
Degli studiosi hanno tracciato una scala che comprende tre diversi gradi di dipendenza da autoscatto. Ma soprattutto hanno lanciato la sindrome della «selfite» fra le possibili malattie sociali del nuovo millennio
STORIE - Vite da scrivere
STORIE - Vite da scrivere
Lo chiamano lo “scrittore itinerante”, è una figura che si aggira per il Central Park a caccia di storie da trasformare in racconti. Usa una vecchia macchina da scrivere e New York sta letteralmente impazzendo per lui
SPORT - Lingerie Football League: botte & imbottiture
SPORT - Lingerie Football League: botte & imbottiture
Un campionato con sette squadre di figliole che sta rubando la scena ai campioni della palla ovale. Un successo tutto al femminile, in perenne lotta fra muscoli e femminilità
SALUTE - Arriva il cuscino antirussamento
SALUTE - Arriva il cuscino antirussamento
Messo a punto da un team universitario, si adatta all'intensità del suono emesso e lo riduce emettendo onde sonore di pari intensità
ASTRONOMIA - La musica delle stelle
ASTRONOMIA - La musica delle stelle
Un astronomo americano ha applicato le note pentatoniche ai movimenti dei corpi celesti. Ne è nato un Blues
MEDICINA - Milasen, il farmaco che non esiste
MEDICINA - Milasen, il farmaco che non esiste
È stato creato dai ricercatori del Boston Children's Hospital per alleviare i gravi problemi di cui è affetta Mila, una bimba di 9 anni
GOSSIP - Markle Sparkle, la marjiuana del nipote di Meghan
GOSSIP - Markle Sparkle, la marjiuana del nipote di Meghan
È una delle sue specialità, insieme alla «Archie Sparkle», dedicata al figlio dei duchi del Sussex: il nipote scapestrato ha messo su un’attività sulla marjiuana per scopi curativi che lo sta rendendo milionario
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore