Sanremo, tonfi e trionfi

| Una carrellata di artisti che all'Ariston pensavano di aver conquistato la celebrità, finendo (quasi tutti), nel dimenticatoio

+ Miei preferiti
Sanremo, tonfi e trionfi
Tutti lo snobbano, tutti lo vogliono, tutti ci sperano, tutti ci cascano. Sanremo, inteso come il Festival della canzone italiana, è nella fioriera dei luoghi comuni di questo paese: a parole non piace a nessuno, poi al telegiornale raccontano gli ascolti e capisci che erano tutti davanti alla televisione, come ogni anno, da Trento a Lampedusa.

Ma quello del Festival rivierasco è un appuntamento strano, specie per chi fa musica: arrivarci può dare il senso ad una carriera, oppure stroncarla sul nascere e senza appelli. Tanti quelli che hanno avuto quattro minuti di celebrità, e molti di più coloro che hanno chiuso lì, quattro minuti dopo.

A poche ore dall’inizio della 70esima edizione, a cui Quotidiano Canavese sarà presente, può valere la pena sfogliare l’album dei ricordi, anzi, la cantina dei fiaschi. (Germano Longo)

Franco Tozzi

Il cognome è una garanzia: Franco è il primo figlio della nidiata di una famiglia pugliese trapianta a Torino, l’ultimo si chiama Umberto, ed è quello che farà più strada. Prima ancora che quest’ultimo intonasse “Ti amo”, Franco sale sul palco sanremese: è il 1965, ed è in coppia con Johnny Tillotson, un americano che probabilmente si era smarrito in Italia. Ci riprova nel 1966, rimanendo poi nella scia del fratello, che al contrario arriva al successo mondiale.

John Foster

Nome d’arte di Paolo Occhipinti, cantante e giornalista milanese, classe 1939, si presenta a Sanremo per due volte: la prima nel 1965 con “Cominciamo ad amarci”, la seconda l’anno successivo con “Se questo ballo non finisse mai”. Ambedue sono eliminate prima della finale. Abbandona il mondo della canzone e inizia la carriera giornalistica, dirigendo il settimanale “Oggi” per quasi trent’anni.

Vittorio Inzaina

Al debutto sul palco di Sanremo, nel 1965, raggiunge la finale in coppia con Les Surfs, cantando “Si vedrà”. Finirà per dedicarsi al liscio, abbandonando poi i palcoscenici per diventare consulente musicale.

Annarita Spinaci

Si fa notare a Castrocaro, partecipando al Festival del 1967 con un “Quando dico che ti amo”, brano scritto da Tony Renis che diventerà anche un “musicarello” interpretato dallo stesso Renis, Lola Falana, Jannacci, Dalla e la Caselli. Ci riprova l’anno successivo con “Stanotte sentirai una canzone”, brano che in Italia avrà scarso successo: ripreso da Mireille Mathieu diventerà una hit internazionale. Delusa, la Spinaci chiude con la musica e diventa maestra d’asilo.

I Domodossola

Praticamente una famiglia: due fratelli, un cugino, lo zio e due amici. Apprezzati da Arbore e Boncompagni, arrivano a Sanremo nel 1970 in coppia con Rosanna Fratello (“Ciao anni verdi”), replicando quattro anni dopo con “Se hai paura”. In seguito collaborano con Baldan Bembo e prestano le loro voci agli album di Celentano, Cutugno, Vanoni, Aznavour, Bennato e del Banco. Poi fanno perdere le loro tracce.

Emy Cesaroni

L’unica sua partecipazione a Sanremo, nel 1974, con “1975… amore mio”, finisce a carte bollate e avvocati. La canzone viene esclusa con l’accusa di non essere inedita e fra denunce e appelli, soltanto nel 1981 verrà riabilitata, con la condanna al Comune di Sanremo di un risarcimento di 10 milioni di lire. Troppo tardi: Emy è già svanita dalle scene.

Jalisse

Loro malgrado, sono diventati il simbolo assoluto delle meteore festivaliere: Fabio Ricci e sua moglie Alessandra Drusian strizzano l’occhio agli svedesi “Roxette”, che ai tempi riempiono le classifiche. Sbarcano fra i “Big” dell’edizione 1997, trascinati dalla vittoria di due anni prima a Sanremo Giovani, e vincono con la leggendaria “Fiumi di parole”. Seguono polemiche per via di una presunta amicizia che li lega a Sergio Bardotti, uno degli autori del Festival. Da allora poche e sporadiche apparizioni.

Donatella Milani

Correva l’anno 1983 quando una giovane toscana, fra gli autori di “Su di noi” di Pupo e vincitrice a Castrocaro, arriva sul palco sanremese con “Volevo dirti”, un brano orecchiabile che finisce al secondo posto. Da allora, a parte qualche comparsata in programmi nostalgia, si eclissa dalla scena musicale.

Gilda

Di cognome fa Giuliani e appare nella playlist di due edizioni di Sanremo, nel 1973 e l’anno successivo, ottenendo un discreto successo. Ma se l’Italia è avara di applausi, non è lo stesso in Francia, Germania e Giappone, dove Gilda ottiene un discreto successo, trasferendosi perfino a Parigi. Ingoiata dal tempo, finirà a Torino come albergatrice.

Daniela Davoli

Pisana, classe 1957, arriva a Sanremo a vent’anni, nel 1977, con “E invece con te…”, scritta da Michele Zarrillo. Nel suo passato un pezzo per cui si erano scomodati addirittura Pasolini e Dacia Maraini. Esaurita la spinta musicale si dedica ai fotoromanzi, poi svanisce rifiutando di comparire in programmi “amarcord”.

Linda Lee

In realtà si chiama Rossana Barbieri e viene da Modena: corista dei “Daniel Sentacruz Ensemble”, debutta come solista arrivando al Festival nel 1980 con “Va’ pensiero”, scritta dal maestro Pippo Caruso. Pochi mesi dopo si ritira dalle scene per dedicarsi alla famiglia.

Frate Cionfoli

È uno dei casi di cui si parlerà a lungo: Giuseppe Cionfoli, frate cappuccino pugliese, calca il palco per quattro volte (1981, 1982, 1983 e 1994). Abbandonato l’abito talare, nel 2006 entra nel cast de “L’isola dei famosi”, quindi si candida come consigliere regionale nelle liste del centrodestra. Oggi vive a Bari, lavora come pittore e sculture, ha una moglie, tre figli ed è diventato nonno.

Jo Chiarello

Miss teenager 1980, prodotta da Franco Califano, nel 1981 tenta la carta sanremese con “Che brutto affare”: eliminata prima della finale, ci riprova nel 1989 con il secondo posto nella categoria nuove proposte con l’intensa “Io e il cielo”. Ma non c’è verso.

Gruppo Italiano

Cinque ragazzi milanesi, tre maschi e due femmine, azzeccano “Tropicana”, un brano che diventa un vero tormentone e apre le porte a Sanremo, dove pieni di speranze arrivano con “Anni ruggenti”, che però finisce nelle parti basse della classifica. Fra litigi e malumori si sciolgono nel 1985.

Flavia Fortunato

Il cognome avrebbe dovuto portarle bene, invece nell’edizione del Festival del 1983 finisce al fondo della classifica dei debuttanti. Va meglio un anno dopo, quando chiude al terzo posto con “Aspettami ogni sera”. Ci riprova ancora, questa volta nei Big, senza mai riuscire a sfondare: alla fine degli anni Ottanta si ricicla come conduttrice in Rai, e agli inizi del nuovo millennio si ritira dalle scene.

Sibilla

Africana dello Zimbabwue, arriva a Sanremo nel 1983 con “Oppio”, brano scritto per lei da Franco Battiato e Giusto Pio, ma viene eliminata al primo turno per un problema tecnico che rende la sua esibizione qualcosa di inascoltabile. Scompare nel nulla subito dopo.

Giorgia Fiorio

Il capriccio di una torinese di buona famiglia, figlia di Cesare Florio, manager nel mondo dell’auto, sorella di Alex e di Cristiano, il primo pilota di rally, il secondo manager Fiat. Per quattro volte sale sul palco di Sanremo (1983, 1984 e 1985), poi fa anche un po’ di cinema (“Sapore di Sale”), e alla fine sceglie la fotografia, ottenendo un discreto successo internazionale.

Lena Biolcati

Una parentela con Milva e lo sponsor dei Pooh la trascinano per quattro volte sul palco di Sanremo: vince le Nuove Proposte nel 1986, ma soltanto quattro anni dopo si ritira dalle scene per dedicarsi alla figlia.

Mino Vergnaghi

Prodotto da Iva Zanicchi e forte dal discreto successo di “Parigi addio”, vince a Sanremo nel 1979 con “Amare”. Ma la sfortuna è in agguato: la sua casa discografica fallisce e Vergnaghi si trasferisce in Inghilterra. Nel 1989 è fra gli autori di “Diamante”, pezzo di enorme successo di Zucchero, seguito nel 2001 da “Di sole e d’azzurro” di Giorgia.

Marinella

Due apparizioni a Sanremo, nel 1979 e nel 1981, la seconda vestita come “Sbirulino”. Artista eclettica dalla vena comica, strizza l’occhio al mercato discografico dei bambini, ma soccombe di fronte allo strapotere di artisti come Cristina D’Avena, che diventa l’asso pigliatutto.

Aleandro Baldi

Polistrumentista non vedente, scoperto da Giancarlo Bigazzi, esordisce a Sanremo 1986 con “La nave va”, vincendo le nuove proposte nel 1992 con “Non amarmi”, duetto tormentone interpretato in coppia con Francesca Alotta. Di lei non si sa più nulla poco dopo, lui ancora bazzica palcoscenici e televisione.

Barbara Cola

Vocalist per Gloria Gaynor, nel 1992 partecipa a Castrocaro incontrando Gianni Morandi, che la vuole nel suo tour europeo da 300 date. Insieme a Morandi, tre anni dopo, tenta la carta sanremese con “In amore”, brano che finisce al secondo posto. Poco dopo inizia la lenta sparizione dalle scene: oggi lavora come attrice teatrale e doppiatrice.

Bracco di Graci

Ex carpentiere siciliano e autista personale di Lucio Dalla, vince a Castrocaro nel 1991, e per i tre anni consecutivi sale sul palco di Sanremo, ma il successo non arriva. Torna a lavorare in fabbrica, scrivendo testi per altri artisti.

Danilo Amerio

Astigiano, collaboratore di Tozzi e Raf, lavora come corista per Jovanotti, Mia Martini, Marco Masini e Aleandro Baldi. Nel 1994 prova a metterci la faccia debuttando a Sanremo con “Quelli come noi”, seguito l’anno successivo da “Bisogno d’amore”. Continua a lavorare (è fra gli autori di “Signor Tenente” di Faletti), producendo album di giovani artisti emergenti.

Alessandro Errico

Uno dei primi prodotti del talent di Maria De Filippi, finisce sotto contratto con la “Sugar” della Caselli, partecipando a Sanremo 1996 con “Il grido del silenzio”, finito all’undicesimo posto della classifica finale. Ritenta l’anno successivo, ma poco dopo scioglie il contratto per dedicarsi ad un percorso artistico diverso.

O.R.O.

Acronimo di “Onde Radio Ovest”, è una band toscana che qualcuno indicava come i nuovi Pooh. Lavorano con artisti di grande calibro come Raf, Tozzi e Masini, e nel 1995 scrivono “Vivo per…”, brano che Andrea Bocelli e Giorgia trasformeranno in un successo mondiale. Vincitori di Sanremo Giovani 1995, l’anno successivo partecipano fra i Big con “Quando ti senti sola”, replicando nel 1997 con “Padre Nostro”, scritto insieme a Ruggeri.

Silvia Salemi

Nel 1997, in Italia, tutti canticchiavano “A casa di Luca”, brano semplice e diretto di Silvia Salemi, siracusana, classe 1978. Per lei era la seconda esperienza sanremese, dopo il 1996, sulla spinta della vittoria al festival di Castrocaro. Il successo vero non arriverà mai: la Salemi si ricicla come conduttrice, ospite e giudice in tivù e per la radio.

Gazosa

C’era lo zampino di Caterina Caselli, nell’enorme successo dei “Gazosa”, band preadolescenziale romana che nel 2001 si presenta a Sanremo con “Stai con me (forever)”, seguito dal singolo di successo www.mipiacitu. Tornano a Sanremo l’anno successivo nella categoria Big, ma finiscono ben lontani dai tre finalisti: si dividono nel 2003.

Povia

Nel 2005 centra il segno con “Quando i bambini fanno ooh”, brano che sarà tradotto in diverse lingue vendendo milione di copie. Torna a Sanremo l’anno successivo con “Vorrei avere il becco”, che questa volta stravince consacrandolo fra gli artisti italiani più interessanti di quegli anni. Escluso dal Festival nel 2008 su giudizio della commissione, torna a Sanremo l’anno successivo classificandosi secondo con “Luca era gay”. Da sempre vicino a posizioni di destra, negli anni si è esposto pubblicamente mostrando idee euroscettiche e sovraniste.

Alessandro Canino

Dai pianobar dell’hinterland fiorentino, finisce sotto l’ala di Giancarlo Bigazzi, produttore di Tozzi, Raf e Masini, ma non basta per garantirgli il successo. Esordisce nel 1992 con “Brutta” fra le Nuove Proposte, e ci riprova altre due volte, ma non c’è niente da fare.

Antonella Bucci

La prima apparizione è nel coro dei bambini che accompagna Lino Toffolo in “E tutti i gatti miao”: tre anni dopo vince a Castrocaro e duetta con Ramazzotti in “Amarti è l’immenso per me”. Sembra tutto pronto per Sanremo, dove arriva nel 1993 con “Il mare fra le nuvole”. Malgrado sia data fra le favorite, esce di scena.

Galleria fotografica
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 1
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 2
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 3
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 4
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 5
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 6
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 7
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 8
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 9
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 10
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 11
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 12
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 13
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 14
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 15
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 16
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 17
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 18
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 19
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 20
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 21
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 22
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 23
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 24
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 25
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 26
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 27
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 28
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 29
Sanremo, tonfi e trionfi - immagine 30
Lifestyle, Speciale Festival Sanremo 2020
Sanremo, la carica dei dipendenti Rai
Sanremo, la carica dei dipendenti Rai
È partita un’inchiesta interna per fare luce sui 634 dipendenti della tv di Stato corsi a Sanremo per il Festival. Si profila il secondo scandalo, dopo quello dei rimborsi facili
La notte di Diodato
La notte di Diodato
Il cantautore pugliese, dato tra i favoriti dall’inizio, trionfa alla 70esima edizione del Festival della Canzone Italiana. Lotta serratissima con Francesco Gabbani, al secondo posto, e al terzo la sorpresa dei Pinguini tattici Nucleari
Sanremo si tinge di giallo
Sanremo si tinge di giallo
Il momento clou di una serata lunghissima è l’esclusione in diretta di Bugo e Morgan. Pace fatta invece fra Fiorello e Tiziano Ferro
Amadeus: il successo del Festival è di tutti
Amadeus: il successo del Festival è di tutti
Il conduttore della 70esima edizione parla di grande lavoro di squadra e respinge provocazioni e polemiche, come il presunto litigio fra Tiziano Ferro e Fiorello
Duetti per il triplete
Duetti per il triplete
La terza sera del Festival dedicata alla storia canzone italiana attraverso i duetti, è quella che finora ha riservato le emozioni maggiori. Peccato per l'immensa scaletta, diluita senza pietà da ospiti, pubblicità e ammennicoli vari
Vincenzo Mollica, l'ultimo Festival di Paperica
Vincenzo Mollica, l
La Rai gli ha comunicato che dalla fine di febbraio sarà in pensione. Ma malgrado i problemi di salute che lo affliggono, il leggendario giornalista del TG1 continua ad avere una gran sete di vita
Tanta storia (e un po' di noia)
Tanta storia (e un po
La reunion dei Ricchi & Poveri, i 20 anni di Gidi D'Alessio, la vendetta postuma di Zucchero, la forza di Massimo Ranieri. Forse perché la canzoni in gara convincono poco, il Festival si riempie di ospiti
Sanremo e la caccia all’anziano
Sanremo e la caccia all’anziano
Tentano di passeggiare come sempre nelle vie dove svernano, ma per una settimana diventano le prede di televisioni ed emittenti piombate sul Festival da ogni angolo d’Italia
Ti chiamale se vuoi, telepromozioni
Ti chiamale se vuoi, telepromozioni
Il nuovo film di Muccino, il nuovo singolo di Albano e Romina, il ritorno di Fiorello, Diletta Leotta castigatissima, Rula Jebreal intensa. Ah, è vero: a Sanremo c’erano anche le canzoni (a cui abbiamo dato i voti)
Perché Sanremo sarà sempre Sanremo
Perché Sanremo sarà sempre Sanremo
È ufficialmente iniziato il conto alla rovescia per la 70esima edizione del Festival, affidata ad Amadeus. Alla scoperta degli artisti in gara e delle immancabili polemiche
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore