Acqua benedetta

+ Miei preferiti
Acqua benedetta
E finalmente arrivò la pioggia. In questi sei anni di mandato da Sindaco mai avevo così tanto desiderato piovesse, anzi,  solitamente succedeva il contrario, quasi avessi la nuvola di Fantozzi a ruota: bastava organizzassimo la notte dei saldi per far piovere su Cuorgnè, un’abilità che mi é valsa l’hastag #colpadipezzetto usato poi simpaticamente per ogni occasione, locale o meno, inerente o molto meno.

Scherzi a parte, solo adesso possiamo definitamente considerare chiusa l’emergenza incendi, una ferita che segnerà il nostro territorio per molto tempo. Una ferita frutto della superficialità o, peggio, di azioni criminali di alcuni delinquenti che hanno messo a repentaglio la vita delle persone e rovinato l’equilibrio di un ecosistema unico, bruciando vegetazione ed uccidendo animali.
Ancora l’ennesimo esempio di violenza su una natura che prima o poi ci presenterà il conto, con tanto di interessi.

Due sono gli aspetti che brevemente voglio sottolineare:
il primo riguarda l’immenso ringraziamento che dobbiamo ai nostri volontari. Un modello ed un esempio per tutti noi, il lato positivo della nostra Italia, un grande valore umano che ci consente ancora di pensare positivo, e che, sopratutto noi che amministriamo, dobbiamo saper tutelare e valorizzare.

Il secondo aspetto riguarda il rapporto con la natura: questo ulteriore scempio dimostra che molto dobbiamo fare sulla prevenzione e sulla riscoperta di un senso civico, di una educazione all’ambiente che non possiamo più rimandare e neppure delegare, riguarda ognuno di noi. Ma anche qui occorre attivare politiche mirate affinché la montagna non solo non si spopoli, ma possa anzi  diventare attrattiva per i cittadini : penso, ad esempio,  alla fiscalità di territorio.

Chiudo, sottolineando che il fuoco sulle nostre montagne non è soltanto un problema nostro: le piante distrutte che non assorbiranno più l’anidride carbonica (un importante inquinante) per poi restituire preziosa aria pura, saranno un problema anche per chi sta a valle ed oltre, le piante che non tratterranno più la terra con le loro radici, provocheranno frane ed esondazioni e questi sono solo alcuni esempio di come “il battito d’ali di una farfalla possa provocare un uragano dall’altra parte del Mondo”. (blog del sindaco Beppe Pezzetto)

Altri post di Giuseppe Pezzetto
NOV
15
Il ruolo del Sindaco, soprattutto nelle nostre realtà, si è progressivamente trasformato, soffocato da una burocrazia esasperata, da risorse che non arrivano più, da conti da dover far quadrare...
SET
24
Meglio dire delle brutte verità che raccontare delle balle. Siamo un territorio con delle grandi potenzialità ma politicamente non contiamo nulla...
SET
19
Amazon progetta droni capaci di prelevare la merce su treni e camion in movimento e consegnarla a casa in 30 minuti...
SET
10
Inizia l'anno scolastico. Guardandomi indietro posso garantirvi che la voglia di conoscere e la curiosità sono elementi preziosi, imparate oggi cose la cui importanza vi sarà chiara domani.
SET
3
Settembre è il mese della messa in pratica delle meditazioni "agostane" ai mari o ai monti quindi... mi iscrivo ad un corso di cucina, diventerò sommelier, riprendo gli studi...
Canavese al centro
di Giuseppe Pezzetto
Twitter IconFacebook Icon
Cuorgnatese, Canavesano (come lui ama definirsi) ha da sempre alternato gli impegni professionali con l’impegno sociale: tra le altre cose è stato per anni consigliere dell’Associazione Mastropietro, socio dell’ Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti d’Azienda, della Compagnia San Calisto Caravario, oltre ad essere uno dei fondatori di Resau Entreprende Piemonte. Dal giugno del 2011 è anche Sindaco della Città di Cuorgnè.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore