Arduino vs Italicum

+ Miei preferiti
Arduino vs Italicum
Ci sono notizie che passano quasi inosservate sotto un torrido sole di metà luglio, notizie solo all'apparenza per addetti ai lavori, che scivolano via "tra i tuoi fiocchi di neve e le tue foglie di te'" e che invece potranno incidere sul futuro di questo o quel territorio. In questi giorni sono stati pubblicati i collegi, che dal luglio 2016 diverranno il perimetro nel quale gli elettori potranno esprimere la loro preferenza per eleggere chi dovrà rappresentarli in quel di Roma.
 
Ora capisco che parlare di queste cose, con questo clima atmosferico e non, vi farà dire giunti a questo punto dell'articolo ... "Ma chi se ne frega!". Vi inviterei invece ad andare oltre, capendo che comunque vada ci sarà sempre qualcuno che deciderà anche per noi, e che forse sarebbe meglio che quel qualcuno, decidesse conoscendo almeno in minima parte la realtà, fatta di cose, luoghi, tradizioni e persone, che lo investirà di tale compito.
 
Non ho ovviamente la sfera di cristallo, ma una cosa che balza subito all'occhio guardando la vastità e le diverse concentrazioni di elettori, nei due macro collegi canavesani, mi portano a dire che se non ragioneremo come territorio lasciando perdere divisioni di bandiera, di campanile ed anche "politica", difficilmente riusciremo ancora ad esprimere un rappresentante delle nostre terre. E se anche molti di voi pensano che la politica non serva a nulla e quindi insistono con "ma chi se ne frega!" mi permetto di dire che la mancanza di rappresentanza politica ad ogni livello di un territorio o viceversa la presenza, ne può decidere le sorti nel medio e nel lungo periodo.
 
Guardate la cartina del Piemonte e riflettete: i giochi cominciano adesso, ed è quando il gioco si fa duro che i duri iniziano a giocare. Meditate canavesani, meditate.
Altri post di Giuseppe Pezzetto
APR
11
Occorrerà che il nuovo interlocutore creda in questa sfida di cui il territorio si faccia soggetto attivo, sapendo altresì preservare le competenze e le professionalità presenti...
DIC
27
Ho il privilegio di guidare una comunità fatta di tante sfumature, di tante storie, che anche quest'anno mi hanno regalato emozioni, sorprese inaspettate, e anche qualche incazzatura...
DIC
11
Detto questo nella mia esperienza diretta devo constatare, e non me ne vogliano i colleghi maschi, che le donne hanno una marcia in più; più determinazione, più senso del dovere, più sensibilità...
DIC
3
La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, almeno qui in Canavese, è quella recentemente espressa da parte di alcuni «ambientalisti» sul Giro d'Italia
NOV
16
Ero tra quelli che la scorsa settimana hanno manifestato in modo educato e composto in quel di piazza Castello a Torino, per sottolineare un sentimento diffuso di malessere e di ritrovato orgoglio al tempo stesso...
Canavese al centro
di Giuseppe Pezzetto
Twitter IconFacebook Icon
Cuorgnatese, Canavesano (come lui ama definirsi) ha da sempre alternato gli impegni professionali con l’impegno sociale: tra le altre cose è stato per anni consigliere dell’Associazione Mastropietro, socio dell’ Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti d’Azienda, della Compagnia San Calisto Caravario, oltre ad essere uno dei fondatori di Resau Entreprende Piemonte. Dal giugno del 2011 è anche Sindaco della Città di Cuorgnè.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore