Basta NO, grazie

+ Miei preferiti
Basta NO, grazie
Ci sono dei limiti oggettivi di sopportazione che, molti di più di quanto si pensi, non sono più disposti a sopportare nel silenzio: per carattere, per educazione, per timidezza, per non apparire si preferisce non esprimere pubblicamente la propria posizione, ma credo la misura sia colma. La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, almeno qui in Canavese, è quella recentemente espressa da parte di alcuni “ambientalisti” (come se gli altri non amassero e rispettassero la natura) che hanno iniziato la campagna del NO al Giro d’Italia sulle nostre Montagne.

Non so se parlare da Amministratore locale o da semplice cittadino, comunque sia, un pò tutti stiamo cercando delle nuove vie per valorizzare il territorio, per farlo conoscere ed apprezzare. Combattiamo quotidianamente con una burocrazia soffocante, con oggettive limitazioni economiche, con la difficoltà di fare squadra come territorio, ed ecco che per una volta, grazie alla lungimiranza di qualcuno, dopo aver perso ore e ore e scritto montagne di pagine alla ricerca di qualche soluzione, riusciamo a raggiungere l’obiettivo di portare una delle manifestazioni sportive più seguite a livello internazionale sulle nostre montagne...e, invece di strameritati applausi, esce dal cilindro magico quel: “le biciclette sulle nostre montagne, assolutamente NO !”

Che poi,se uno ragiona ad uno sport che non inquina, d’ istinto si pensa al ciclismo, il giro d’Italia con arrivo al Serrù dovrebbe far sognare, far pensare ad una cosa pulita, ad una giornata di festa, ad un momento che tutte le comunità della Valle vivranno con emozione. Quindi, secondo la teoria di alcuni - che non credo tra l’ altro vivano nel territorio- una giornata, ripeto una giornata, di traffico a due ruote (ovvio con delle vetture al seguito) sino al Serrù traumatizzerebbe la flora e la fauna, marmotte con magliette rosa, stambecchi che non firmerebbero la liberatoria per non essere ripresi, aquile che rischierebbero di sbattere contro l’elicottero della RAI, per non parlare delle stelle alpine che crescono rigogliose lungo la strada e smetterebbero di farlo scioperando.

Una domande sorge spontanea: ma quando la strada per salire al Nivolet durante l’anno è libera dalla neve ... solitamente saliamo tutti a piedi da Ceresole Reale o usiamo altri mezzi di locomozione, e nel mio caso non si tratterebbe di una bicicletta...?

Io direi sia utile tornare al buonsenso, sicuramente non è la prima volta che il Giro d’Italia sale sulle montagne, immerso nella natura, quindi direi che tutta l’ organizzazione si sia abbastanza attrezzata ad affrontare situazioni legate all’impatto ambientale. Io capisco che in un mondo fatto di comunicazione per dimostrare di esistere conviene fare la “pianta che cade” che fa più rumore, che essere “foresta che cresce”... ma ,francamente, la foresta inizia ad averne un po’ le palle piene delle piante che cadono...

Ecco il mio suggerimento: usiamo tutte le attenzioni del caso e concentriamoci sulle cose da fare, che saranno tante, per accogliere bene il Giro e sfruttarne per il territorio tutte le potenzialità che si porta dietro ... puntiamo sul bicchiere mezzo pieno e non su quello mezzo vuoto: i problemi, quelli seri, da affrontare quotidianamente sono ben altri, purtroppo. (blog di Beppe Pezzetto)

Altri post di Giuseppe Pezzetto
DIC
11
Detto questo nella mia esperienza diretta devo constatare, e non me ne vogliano i colleghi maschi, che le donne hanno una marcia in più; più determinazione, più senso del dovere, più sensibilità...
NOV
16
Ero tra quelli che la scorsa settimana hanno manifestato in modo educato e composto in quel di piazza Castello a Torino, per sottolineare un sentimento diffuso di malessere e di ritrovato orgoglio al tempo stesso...
NOV
2
Viviamo in un territorio che sempre più manifesta le proprie fragilità difronte a cambiamenti climatici sempre più repentini e con intensità crescenti...
OTT
20
Le regole del potere di un futuro relativamente prossimo saranno nelle mani di chi controllerà l'acqua, le reti di connessione, i dati e le informazioni in essi contenuti e quindi gli algoritmi...
AGO
8
Da tempi non sospetti sono un sostenitore convinto della difesa, anzi dell'adeguamento e dello sviluppo della ferrovia come mezzo di trasporto dei "pendolari", siano essi lavoratori o studenti...
Canavese al centro
di Giuseppe Pezzetto
Twitter IconFacebook Icon
Cuorgnatese, Canavesano (come lui ama definirsi) ha da sempre alternato gli impegni professionali con l’impegno sociale: tra le altre cose è stato per anni consigliere dell’Associazione Mastropietro, socio dell’ Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti d’Azienda, della Compagnia San Calisto Caravario, oltre ad essere uno dei fondatori di Resau Entreprende Piemonte. Dal giugno del 2011 è anche Sindaco della Città di Cuorgnè.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore