Corona

+ Miei preferiti
Corona
Lasciando perdere la nota di Google che segnala come le ricerche sulla birra Corona abbinate al virus siano aumentate esponenzialmente e che anche la CBS abbia dovuto sottolineare che la relazione tra “birra e virus” non esiste, volevo commentare la cosa da prospettive diverse, premettendo che non voglio assolutamente sottovalutare il problema sanitario e che ovviamente non ho alcuna competenza scientifica in materia, quindi non mi addentrerò in questo campo, se non per sottolineare come i ricercatori italiani siano tra i migliori al mondo e l’abbiano nuovamente dimostrato isolando allo Spallanzani il virus, aprendo cosi nuovi spazi per la ricerca di una soluzione.
 
Quindi in questo scenario in cui: i “media” dicono di abbassare i toni per non contribuire alla diffusione di una psicosi collettiva (prima della pubblicità) e poi a seguire mandano in onda il film “Virus”, gli Italiani hanno smesso di frequentare i ristoranti Cinesi, la politica cavalca l’onda a "muzzo"; di concreto, oltre purtroppo ai decessi già avvenuti in Cina, qualcosa sta già avvenendo e il contagio in effetti si è diffuso molto più rapidamente nell’economia.
 
Le borse hanno da subito bruciato montagne di denaro, il motore economico cinese si fermerà ben oltre i festeggiamenti del loro capodanno e così il sistema economico anche nazionale delle esportazioni subirà un contraccolpo non indifferente perché il mondo è sempre più interconnesso e la metafora del “battito d’ali di una farfalla che può generare un uragano” è e sarà sempre più frequente. In sintesi qualcuno ci perderà (bruciando posti di lavoro non solo nelle compagnie aeree e nella logistica, immagino la complicata gestione per le nostre imprese che esportano o hanno siti produttivi lì) e qualche speculatore si arricchirà.
 
Un mio personale pensiero va agli amici che ho in Cina e con cui ho lavorato, e che hanno passato questo loro periodo festivo non potendo andare a trovare i parenti ma vivendo blindati nelle loro case, senza parlare delle sicure conseguenze lavorative che avranno. A tal proposito pensavo l’altro giorno (mettendomi il cappello da sindaco) ai problemi che viviamo nel chiudere alcune vie per un giorno... penso a quando abbiamo ospitato le gare di «paraciclismo»: lì, da qualche settimana, hanno blindato diverse decine di milioni di abitanti... immagino le polemiche.
 
That’s all folks. (blog di Beppe Pezzetto)
Altri post di Giuseppe Pezzetto
GEN
15
Quindi ben venga il nuovo ospedale inserito in un contesto in cui anche i presidi più periferici possano svolgere nel migliore dei modi il loro ruolo
DIC
24
«Rivolgo un invito ai giovani: fatevi un regalo e andate a conoscere le realtà associative della città, fatevi coinvolgere»
DIC
21
A questo punto confidiamo almeno una volta nell'Europa e che dica che gli aiuti di Stato forse fatti così non si possono fare...
DIC
16
Una cosa che mi ha colpito in questo 2019 che volge al termine è stata l'esigenza della gente comune di scendere in piazza, di occupare dei luoghi fisici da sempre luogo di confronto
AGO
27
Stiamo bruciando per fini speculativi o per idiozia, parte della foresta amazzonica e parte delle foreste Africane...
Canavese al centro
di Giuseppe Pezzetto
Twitter IconFacebook Icon
Cuorgnatese, Canavesano (come lui ama definirsi) ha da sempre alternato gli impegni professionali con l’impegno sociale: tra le altre cose è stato per anni consigliere dell’Associazione Mastropietro, socio dell’ Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti d’Azienda, della Compagnia San Calisto Caravario, oltre ad essere uno dei fondatori di Resau Entreprende Piemonte. Dal giugno del 2011 è anche Sindaco della Città di Cuorgnè.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore