Il frigo ci dichiarerà guerra

+ Miei preferiti
Il frigo ci dichiarerà guerra
Alcuni mesi fa, senza troppo clamore, è stata data notizia di un attacco alla rete che ha praticamente oscurato cost to cost l'accesso a centinaia di servizi online negli Stati Uniti. Siamo nell'era digitale e la nuova rivoluzione industriale, quella chiamata comunemente Industry 4.0, si sta espandendo su tutto il globo. 
 
Uno dei pilastri di questa nuova rivoluzione è l'internet delle cose (IOT) un acronimo che sempre più spesso sentiremo. In estrema sintesi la connessione via "rete" di oggetti, dai più sofisticati ai più comuni. Uno studio della Gartner stima che gli oggetti connessi oggi siano circa 7 miliardi, le previsioni parlano di 20 miliardi di "oggetti" connessi entro il 2020. 
 
Parliamo non soltanto di "computer" o "smartphone" ma di oggetti sempre più comuni: telecamere, televisori, sistemi di controllo per neonati, lavatrici, frigoriferi, cucine e tutti quegli oggetti che la "Domotica" renderà sempre più connessi nella nostra vita quotidiana, nelle nostre case, nei nostri posti di lavoro, sulla nostra automobile, nel nostro tempo libero.
 
Se da un lato questa nuova rivoluzione digitale sarà il motore di un nuovo sviluppo economico dall'altro, come sempre avviene, porterà dei potenziali inconvenienti, tutti siamo connessi ma tutti potremmo essere sconnessi.
 
Quello che è successo sembra una prova generale di attacco su scala globale, che a nostra insaputa ha utilizzato come testa di ponte gli oggetti connessi alla rete, frigoriferi compresi. Guardando il bicchiere mezzo pieno crescerà, ed anche di molto, il settore della sicurezza digitale su cui molti investiranno. (dal blog di Beppe Pezzetto)
Altri post di Giuseppe Pezzetto
APR
7
Non basiamoci solo su calcoli economici di breve periodo, ma guardiamo avanti alle generazioni future
MAR
19
Dossier candidatura Olimpica: Ho l'impressione che neppure il recente esito elettorale sia stato sufficiente a far capire ad alcuni esponenti politici il concetto di «rappresentanti di un territorio»
MAR
13
Ecco perchè ritengo un importante passo in avanti la volontà di migliorare la connessione tra il centro metropolitano «Torino» e il nostro «Canavese»
GEN
16
Scrivo queste poche righe mentre viaggio sul MagLev, un treno a levitazione magnetica: in questo momento facciamo 33 km in 7 minuti e 40 secondi, ad una media di 250 km/h... tipo la nostra Canavesana...
DIC
27
Da sempre sono sostenitore della ferrovia, in questi anni su molti tavoli ho argomentato e sostenuto la causa dell'elettrificazione della Rivarolo-Pont Canavese... Ecco perchè
Canavese al centro
di Giuseppe Pezzetto
Twitter IconFacebook Icon
Cuorgnatese, Canavesano (come lui ama definirsi) ha da sempre alternato gli impegni professionali con l’impegno sociale: tra le altre cose è stato per anni consigliere dell’Associazione Mastropietro, socio dell’ Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti d’Azienda, della Compagnia San Calisto Caravario, oltre ad essere uno dei fondatori di Resau Entreprende Piemonte. Dal giugno del 2011 è anche Sindaco della Città di Cuorgnè.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore