L'emergenza sta diventando la normalità

+ Miei preferiti
Lemergenza sta diventando la normalità
Anche questa emergenza maltempo è alle spalle. Sicuramente alla luce di quanto successo in altre zone d’Italia, il nostro Canavese ha avuto complessità minori, ma i danni e i disagi ci sono stati e in alcuni casi, non dobbiamo nascondercelo, siamo stati anche fortunati. Viviamo in un territorio che sempre più manifesta le proprie fragilità difronte a cambiamenti climatici sempre più repentini e con intensità crescenti, la frequenza con cui si susseguono inizia a non renderli più fenomeni eccezionali e occorre rendercene conto.

Le azioni di prevenzione che ogni singolo Comune mette in atto certamente servono  ma non sono assolutamente più sufficienti, da un lato occorre tornare ad una cultura e ad una consapevolezza che tratti con più attenzione la natura, rispettandola maggiormente, ad esempio con la pulizia dei boschi che tra le altre cose possono essere una risorsa, ma spesso come amministratori fatichiamo addirittura a rintracciare i proprietari; sicuramente strumenti di incentivazione in tal senso potrebbero essere utili. Dobbiamo poter disporre di regole dettate dal buonsenso che banalmente ci consentano di ripulire in modo sistematico gli alvei dei nostri torrenti, come si faceva nel passato nulla di più nulla di meno

Dall’altro è indispensabile da parte del legislatore, comprendere maggiormente che prevenire è meglio che combattere, che gli investimenti in tal senso hanno si un esborso iniziale importante, ma il ritorno nel tempo è sicuramente maggiore e non solo dal punto di vista economico. Serve una coordinata e puntuale informazione alla cittadinanza, in situazioni come queste può fare la differenza, la tecnologia esiste occorre poterne dotare le nostre strutture e i nostri fantastici volontari ma abbiamo bisogno di risorse specifiche.

Lo scorso anno in questo periodo li ringraziavamo per il lavoro svolto sulle nostre montagne che bruciavano non per colpa della natura ma per la stupidità dell’uomo, oggi voglio ringraziarli per l’impegno e la dedizione con cui hanno operato in questi giorni e con cui sempre operano.

La risorsa umana è fortunatamente presente nel nostro territorio, ma ripeto dobbiamo poterli dotare di mezzi adeguati, non possiamo più contare sulla buona volontà dei singoli, noi Sindaci facciamo del nostro meglio, ma la politica, quella che conta, guardi con più attenzione anche alla montagna, sarebbero soldi ben spesi, e se si è sicuri a monte anche a valle si può vivere più tranquilli. L’invito quindi è quello di affrontare strutturalmente questa ineludibile trasformazione del clima, trasformandola da punto di debolezza a punto di forza. (blog di Beppe Pezzetto)

Altri post di Giuseppe Pezzetto
APR
11
Occorrerà che il nuovo interlocutore creda in questa sfida di cui il territorio si faccia soggetto attivo, sapendo altresì preservare le competenze e le professionalità presenti...
DIC
27
Ho il privilegio di guidare una comunità fatta di tante sfumature, di tante storie, che anche quest'anno mi hanno regalato emozioni, sorprese inaspettate, e anche qualche incazzatura...
DIC
11
Detto questo nella mia esperienza diretta devo constatare, e non me ne vogliano i colleghi maschi, che le donne hanno una marcia in più; più determinazione, più senso del dovere, più sensibilità...
DIC
3
La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, almeno qui in Canavese, è quella recentemente espressa da parte di alcuni «ambientalisti» sul Giro d'Italia
NOV
16
Ero tra quelli che la scorsa settimana hanno manifestato in modo educato e composto in quel di piazza Castello a Torino, per sottolineare un sentimento diffuso di malessere e di ritrovato orgoglio al tempo stesso...
Canavese al centro
di Giuseppe Pezzetto
Twitter IconFacebook Icon
Cuorgnatese, Canavesano (come lui ama definirsi) ha da sempre alternato gli impegni professionali con l’impegno sociale: tra le altre cose è stato per anni consigliere dell’Associazione Mastropietro, socio dell’ Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti d’Azienda, della Compagnia San Calisto Caravario, oltre ad essere uno dei fondatori di Resau Entreprende Piemonte. Dal giugno del 2011 è anche Sindaco della Città di Cuorgnè.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore