Sul nuovo ospedale di Ivrea

+ Miei preferiti
Sul nuovo ospedale di Ivrea
Sollecitato, mi permetto di intervenire sul tema del nuovo ospedale d’Ivrea, argomento ultimamente molto trattato sulle pagine dei quotidiani, e bene ha fatto il sindaco d’Ivrea, Stefano Sertoli, a ricondurre la discussione nelle sedi opportune. E’ indubbio che qualora si concretizzasse la possibilità di edificare un nuovo nosocomio a servizio del territorio, solo un pazzo si opporrebbe.
 
Condivido la saggia posizione del sindaco di Rivarolo Rostagno, che sottolinea come sia necessario approfondire, alla luce dei cambiamenti occorsi negli ultimi 10 anni, quale sia la miglior collocazione del sito; non si tratta assolutamente di campanilismo, ma di fare la scelta migliore per fornire un servizio adeguato a tutti i cittadini che nel modello organizzativo sanitario dovranno fare riferimento per specifiche patologie alla nuova struttura, niente di più niente di meno che un aggiornamento da parte di chi si occupa professionalmente della materia 10 anni dopo la prima ipotesi.
 
Come ho già avuto modo di dire nell’ultimo incontro assembleare a cui era presente l’Assessore Regionale alla Sanità, è altrettanto indispensabile, se vogliamo mettere concretamente al centro il diritto alla salute (diritto fondamentale dell’individuo) agire anche sul fronte dei presidi e delle strutture che insistono su bacini più periferici avamposti di territori montani: una cosa non esclude l’altra, anzi a mio giudizio anche alla luce delle evoluzioni tecnologiche e purtroppo al diverso mix di patologie da affrontare rispetto al passato, consentirebbe dei benefici sociali ed anche economici, basta pensare ai problemi di mobilità presenti sul nostro territorio.
 
Quindi ben venga il nuovo ospedale inserito in un contesto in cui anche i presidi più periferici possano svolgere nel migliore dei modi il loro ruolo: al centro il cittadino, non sicuramente il campanile.
Altri post di Giuseppe Pezzetto
DIC
24
«Rivolgo un invito ai giovani: fatevi un regalo e andate a conoscere le realtà associative della città, fatevi coinvolgere»
DIC
21
A questo punto confidiamo almeno una volta nell'Europa e che dica che gli aiuti di Stato forse fatti così non si possono fare...
DIC
16
Una cosa che mi ha colpito in questo 2019 che volge al termine è stata l'esigenza della gente comune di scendere in piazza, di occupare dei luoghi fisici da sempre luogo di confronto
AGO
27
Stiamo bruciando per fini speculativi o per idiozia, parte della foresta amazzonica e parte delle foreste Africane...
LUG
30
Per quel che riguarda la Terra al momento l'unica cosa che sappiamo fare è bruciare le risorse di chi verrà... poi sarà un problema loro...
Canavese al centro
di Giuseppe Pezzetto
Twitter IconFacebook Icon
Cuorgnatese, Canavesano (come lui ama definirsi) ha da sempre alternato gli impegni professionali con l’impegno sociale: tra le altre cose è stato per anni consigliere dell’Associazione Mastropietro, socio dell’ Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti d’Azienda, della Compagnia San Calisto Caravario, oltre ad essere uno dei fondatori di Resau Entreprende Piemonte. Dal giugno del 2011 è anche Sindaco della Città di Cuorgnè.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore