Alopecia e disfunzione erettile, finasteride incolpata ingiustamente?

+ Miei preferiti
Alopecia e disfunzione erettile, finasteride incolpata ingiustamente?
L’alopecia androgenetica, anche conosciuta come calvizie, non è una patologia fisica, ma una malattia del follicolo pilifero che progressivamente involve e si miniaturizza fino ad atrofizzarsi completamente dovuta ad una sua condizione degenerativa. Sono diverse le cause dell’alopecia androgenetica, tra queste annoveriamo l’ereditarietà multigenica familiare oppure l’attività dell’enzima 5-alfa-reduttasi prodotto dall’ipofisi e capace di trasformare gli androgeni (testosterone) in un ormone attivo verso il follicolo stesso (diidrotestosterone - DHT) più comunemente conosciuto come ormone maschile.

Sono due i trattamenti farmacologici per i quali l’efficacia è scientificamente dimostrata in caso di alopecia androgenetica è sono la Finasteride ed il Minoxidil. La Finasteride, commercializzata in Italia dal 1997 per la terapia dell'ipertrofia prostatica e dal 1999 per la cura dell'alopecia, nello specifico, opera selettivamente come bloccante dell’attività dell’enzima 5-alfa-reduttasi che favorisce la caduta dei capelli attraverso la produzione di diidrotestosterone, stimola la crescita anomala di peli corporei e l’iperattività delle ghiandole sebacee con probabili problemi al cuoio capelluto.

Ci sono però delle notevoli controindicazioni nell’uso di questo farmaco che, tra i disturbi, annovera danneggiamenti dell’apparato genitale e urinario; disfunzione erettile; calo della libido e problemi di eiaculazione.

Secondo quanto rivela un articolo pubblicato da Andrologia-Internazionale questi disturbi sono rilevati nel 3,8% dei pazienti nel primo anno di utilizzo, e nello 0,3% dopo cinque anni. In realtà però alcuni studi indipendenti hanno constatato ben altri numeri. Pare che la casa farmaceutica non dica che l’assunzione di Finasteride provochi gravi effetti collaterali come fibrosi ai corpi cavernosi penieni persistenti quindi non reversibili. Sembra quasi che ci sia una sottopopolazione di soggetti che risponde alla Finasteride con effetti irreversibili.

Il discorso però è ben diverso se valutato alla luce di una patologia urologica rispetto alla valutazione che può essere fatta da un dermatologo per il trattamento della calvizie. Un urologo ha come pazienti persone che si trovano a convivere con una vera e propria patologia e che si trovano in una fascia d’età notevolmente avanzata pertanto è possibile che gli effetti collaterali di natura sessuale siano meno riportati a causa di una già compromessa funzionalità del pene. Invece un dermatologo che prescrive Finasteride per un caso di calvizie avrà inevitabilmente a che fare con pazienti in una fascia d’età notevolmente più bassa che noterà ogni tipo di disfunzione di tipo sessuale.

Bisognerebbe quindi leggere il bugiardino del farmaco alla luce del tipo di soggetti ai quali è stato somministrato. Intanto per la medicina ufficiale la sindrome post Finasteride non esiste. I dati scientifici testimoniano che nel 96% dei pazienti analizzati c’è una durevolezza di sintomi sessuali.

Uno studio del Center for andrology the George Washington University ha riportato i seguenti dati: Bassa libido 94%; Disfunzione erettile 92%; Scarso eccitamento 92%; Disturbi dell’orgasmo 69%.

È possibile dedurre pertanto che è sempre opportuno valutare molto attentamente tutti gli effetti collaterali e stabilire realmente qual è la priorità che si dà alla risoluzione dell’alopecia soprattutto alla luce di possibili problematiche che hanno percentuali molto variabili se si considera lo studio riportato dalla casa farmaceutica sul bugiardino rispetto agli studi indipendenti.

Probabilmente, sarebbe bene condurre una nuova ricerca, magari finanziata proprio dalla casa farmaceutica in questione che avrebbe, quindi, tutti gli interessi a dimostrare che tali effetti collaterali non sono così frequenti e soprattutto, quando sono presenti, hanno una durata relativa all’assunzione del farmaco, ma assolutamente reversibili nel momento stesso della sospensione.

 

Altri post di Andrea
NOV
12
E' importante capire come un errore banale, possa rovinare una performance di alto livello, potenzialmente vincente, che però può costare davvero cara in sede di torneo...
NOV
5
Qual è il sistema più efficace per vincere quando si gioca a un casinò online? Nonostante questa possa sembrare una domanda banale, ci sono oggi in rete diversi metodi e strategia...
OTT
23
Alcuni dati indicano come il mercato delle sponsorizzazioni sportive in Italia nel 2017 sia stimato in crescita dopo aver chiuso il 2016 con una flessione del 4.5% rispetto al 2015
OTT
17
Da San Maurizio Canavese a Biella ci sono circa un'ottantina di chilometri di macchina, giusto la distanza per andare a trovare un altro piemontese DOC che è riuscito a farsi strada nel mondo del poker...
SET
23
Mentre il settore del gioco online italiano attraversa una fase di stallo dovuta all'applicazione del Decreto Dignità, nuove frontiere si aprono per ricevere gli investimenti dei colossi del gambling
Freetime
di Andrea
Tecnologia, lavoro e gioco: il mondo e' tutto online
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore