Come giocare la mano vincente a un torneo di poker evitando errori

+ Miei preferiti
Come giocare la mano vincente a un torneo di poker evitando errori
Capita sovente che si possano commettere errori giocando a poker, specialmente durante un torneo, quando la tensione, lo stress arrivando a livelli elevati data la posta in gioco. Del resto il poker è un gioco di abilità che interessa un certo profilo di giocatore, tendenzialmente distaccato e riflessivo e amante della concentrazione. Tuttavia si tratta di errori che possono essere evitati, seguendo le linee guida del manuale del giocatore di poker professionista. E' importante capire come un errore banale, possa rovinare una performance di alto livello, potenzialmente vincente, che però può costare davvero cara in sede di torneo. Per questo motivo abbiamo deciso di stilare in base a quella che viene definita la matematica del poker alcune regole a cui i player più esperti devono attenersi per riuscire a progredire e ad andare avanti durante le partite di torneo, che possono farvi vincere cifre importanti. Partiamo da una considerazione: il grado di esperienza di un giocatore in una partita di torneo può certamente fare la differenza, nonostante sia capitato alcune volte di assistere a errori davvero incredibili, commessi da giocatori di poker di grande esperienza internazionale. Cominciamo quindi da un errore come quello di lanciare una chip di alto valore nel piatto senza annunciare nulla.

Gestione del lancio di chip di alto valore con prudenza
•    Si tratta essenzialmente di un errore davvero banale, quale un gesto automatico che però potrebbe dare il via al rilancio: facendo così di fatto andiamo ad annunciare in modo indiretto un call. Non solo, visto che se la proporzione di buoi sarà di 150/300 si arriva al turn con un piatto che vale 6.000 chip.
•    In genere facendo un errore di questo tipo, possiamo pregiudicare la nostra partecipazione a un torneo, perdendo quindi l'iscrizione e la possibilità di continuare a giocare e potenzialmente a vincere il torneo.

Mancare di immedesimazione nel ruolo dell'avversario
•    In questo caso il problema è sicuramente di natura psicologica, più che di calcolo, dato che non riguarda essenzialmente un problema di statistica o di matematica applicata al gioco del poker.
•    Pensare che gli altri giocatori, in qualsiasi momento di gioco, sempre parlando di Texas Hold'Em o di altre varianti assimilabili a questo tipo di poker, in genere quando andiamo a proiettare sugli altri giocatori le nostre tendenze di gestione del gioco, commettiamo un errore piuttosto grossolano, che si può correggere aumentando il livello di concentrazione, specialmente durante una partita di torneo.

L'innaturale tendenza al forzare la giocata
•    Alzi la mano chi non ha mai tentato una giocata forzata nel gioco del poker. A una prima analisi questo potrebbe apparire come un vezzo tipico del giocatore occasionale, distratto o comunque con poca esperienza.
•    Invece si tratta di un errore che purtroppo anche un giocatore esperto tende a commettere, qualora venga sottoposto a stress, atteggiamento che capita spesso dopo una partita prolungata di torneo. In special modo quando ci ritroviamo al final table durante una partita di torneo.
•    Questo errore capita per frustrazione quando ci ritroviamo con buone carte in mano dopo una lunga sequenza di card dead. Capita in special modo quando sale la pressione e il giocatore a fianco è già andato all-inn. In questo caso avviene quello che definiamo con un "devo farlo per forza".

Conclusioni
Partiamo dal presupposto che non esiste la partita di poker perfetta quando ci ritroviamo a gestire lo stress e la tensione di un torneo di carte. Bisogna saper accettare quindi tutto quello che le carte, il caso e il naturale corso della gara ci mette di fronte. A questo punto è importante saper dosare un atteggiamento remissivo e conservatorista, con uno più spregiudicato e aggressivo. Perché trovando il giusto mix saremo sicuramente capaci di portare a termine al meglio la partita; questo vale sia per un giocatore professionista, sia per chi si avvicina per la prima volta a un palcoscenico importante di una partita di torneo, live oppure online. Dovete tener presente che una volta effettuata l’iscrizione al torneo, tutto è nelle vostre mani, così come la gestione della partita e il risultato finale della vostra performance. Ricordiamo come basarsi unicamente sul proprio istinto così come lasciare che sia l’ego a gestire il corso di una partita, sono aspetti da tenere in considerazione sia per giocatori abili ed esperti, sia per chi inizia a giocare a poker.

Altri post di Andrea
NOV
5
Qual è il sistema più efficace per vincere quando si gioca a un casinò online? Nonostante questa possa sembrare una domanda banale, ci sono oggi in rete diversi metodi e strategia...
OTT
26
Studi contrastanti parlano di rischio della disfunzione permanente
OTT
23
Alcuni dati indicano come il mercato delle sponsorizzazioni sportive in Italia nel 2017 sia stimato in crescita dopo aver chiuso il 2016 con una flessione del 4.5% rispetto al 2015
OTT
17
Da San Maurizio Canavese a Biella ci sono circa un'ottantina di chilometri di macchina, giusto la distanza per andare a trovare un altro piemontese DOC che è riuscito a farsi strada nel mondo del poker...
SET
23
Mentre il settore del gioco online italiano attraversa una fase di stallo dovuta all'applicazione del Decreto Dignità, nuove frontiere si aprono per ricevere gli investimenti dei colossi del gambling
Freetime
di Andrea
Tecnologia, lavoro e gioco: il mondo e' tutto online
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore