La nuova strada degli investimenti... le criptovalute

+ Miei preferiti
La nuova strada degli investimenti... le criptovalute
Quante volte avete sentito parlare di criptovalute? Tante, tantissime volte visto il successo avuto negli ultimi anni. Ma sapete esattamente cosa sono? Prima di tutto è importante specificare che le cryptovalute non sono un mero mezzo di scambio come le valute tradizionali, non sono quote di società come le azioni e non sono neppure titoli di debito pubblico come i titoli di Stato, nè di debito privato, come la maggioranza delle obbligazioni.

In pratica una criptovaluta è una moneta digitale, ed è una delle innovazioni finanziarie più rilevanti dell’ultimo decennio. Immaginate che gli Euro che avete in tasca o in banca non esistessero da nessuna altra parte se non in un pezzo di codice scritto su qualche server: ecco, questa è esattamente una criptovalute. Un gettone virtuale a cui puoi accedere aprendo il tuo computer. Ogni valuta ha una propria valutazione che varia nel tempo. Questo vuol dire che i gettoni digitali possono essere convertiti con altre valute o utilizzati per acquistare oggetti. 

I Bitcoin ed il sistema blockchain

La prima delle criptovalute, i Bitcoin, fece la propria comparsa in un forum di appassionati di informatica all’inizio del 2009, introdotte da un utente che si faceva chiamare con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Nel suo articolo sulle criptovalute meteofinanza.com specifica che i Bitcoin si basano su un sistema chiamato blockchain: si tratta di una sorta di lista digitale dove vengono registrate in tempo reale tutte le transazioni che avvengono tramite Bitcoin. In questo modo il possessore di ogni singolo Bitcoin è registrato sulla blockchain. Il sistema non ha un proprietario unico che lo custodisce e ne garantisce il funzionamento, ma vive grazie alla potenza di calcolo dei computer degli utenti che partecipano al network. in cambio del loro supporto, questi ricevono come gratificazione i nuovi Bitcoin che vengono messi in circolazione. La diffusione di nuovi gettoni è centellinata in modo che non ne circolino troppi, cosa che ne causerebbe l’immediata svalutazione. 

La rete blockchain permette di eseguire pagamenti e transazioni in tempo reale, senza che i possessori delle valute siano costretti a rivelare la propria identità con elevati livelli di sicurezza. 

Investire con le criptomonete

I luoghi dove scambiare crypto – asset si chiamano Exchange e si dividono in due grandi categorie: quelli che accettano depositi in valuta emessa da bance centrali come gli euro, i dollari americani, gli yen giapponesi; e gli Exchange che invece supportano solamente criptovalute. Questi ultimi consentono l’accesso ad una offerta più ampia e variegata rispetto a quelli della prima categoria. Questa, però, ha il pregio di fornire una vera e propria porta di accesso per chi non ha mai fatto mining e dunque non ha mai posseduto alcun asset figlio della Blockchain.

Chiaramente è fondamentale scegliere un Exchange affidabile, che abbia una certa reputazione e soprattutto una certa liquidità. Ciò vuol dire che al momento in cui avete intenzione di prelevare l’ordine, questo venga processato all’istante o quasi.

 Nel momento in cui doveste impiegare giorni o addirittura settimane senza che tali rallentamenti siano giustificati da una Blockchain congestionata, dovrebbe suonare un campanello d’allarme. In questo caso, probabilmente, l’Exchange in questione versa in una crisi di liquidità, che molte volte diviene preludio di una chiusura imminente. Altra caratteristica da tenere in considerazione è l’offerta di asset disponibili. Per massimizzare le vostre entrate potreste voler effettuare operazioni da chiudere overnight comprando coin piuttosto esotiche, e queste difficilmente si trovano sugli Exchange più blasonati.

Tuttavia la caratteristica più importante per un Exchange riguarda i volumi giornalieri, ovvero quanti soldi vengono mossi in quel luogo in una giornata. Tanto più i volumi sono alti, tanto più vi sarà facile chiudere una operazione in breve tempo. E questo vi consentirà di approfittare di eventuali situazioni favorevoli venutesi a creare nel mercato. 

Ethereum

L’altra grande criptovaluta è Ethereum. Rilasciata a luglio del 2015, rappresenta una delle innovazioni più importanti ed interessanti nel settore delle criptovalute. Una delle differenze più significative rispetto a Bitcoin consiste nel numero massimo di transazioni al secondo, destinato tra l’altro ad aumentare nelle successive versioni di questa criptovaluta. La quotazione annuale della seconda criptovaluta più diffusa al mondo è 243 dollari, ma ciò che ha colpito è stato il boom che da gennaio, quando valeva 10 dollari, l’ha portata a sfiorare i 400 ad agosto. Nell’ultimo mese ha ripiegato, così come i bitcoin, principalmente a causa della stretta cinese sulle criptovalute, ma negli ultimi giorni sta rialzando la testa e molti analisti scommettono che sia di Ehtereum, piuttosto che Bitcoin, il futuro scettro del settore. Quel che è certo è che le possibilità offerte da Ethereum sono infinite visto che la piattaforma non consente solos cambi di valore monetario, ma anche la creazione di smart contract, cioè di contratti intelligenti.

Si tratta di software che facilitano, verificano e fanno rispettare la negoziazione e la validità dei contratti stipulati per scambiare denaro, azioni, contenuti o qualsiasi cosa. Una volta che lo smart contract viene avviato, questo viene eseguito sulla blockchain come è stato programmato, senza nessuna possibilità di interferenza di terzi o degli stessi contraenti. 

 

Altri post di Andrea
AGO
14
Dati sensibili in possesso delle “sale virtuali”: un’arma letale
AGO
4
Scegliere la ditta adatta per occuparsi del facchinaggio, della logistica, dei trasporti in un trasloco è sempre impegnativo
LUG
25
Abbiamo stilato una lista delle canzoni più iconiche per tutti gli appassionati di musica che vogliono trovare l'ispirazione per una festa davvero unica
LUG
5
Il mese di luglio coincide con il periodo dei ritiri dei club italiani, che devono sottoporsi ad un'accurata preparazione fisica e tattica per la partenza del campionato del 20 agosto, con amichevoli e tournée in giro per il mondo
LUG
3
Nel corso del 2016 gli italiani hanno giocato ben 95 miliardi di euro: 260 milioni al giorno, 3.012 euro al secondo. Un incremento di 7 miliardi di euro, ossia l’8% in più rispetto agli 88 miliardi spesi nell’anno precedente
Freetime
di Andrea
Tecnologia, lavoro e gioco: il mondo e' tutto online
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore