Siete mai stati al Casinò di Saint-Vincent?

+ Miei preferiti
Siete mai stati al Casinò di Saint-Vincent?
I piemontesi, forse a causa della vicinanza dei quattro casinò presenti in Italia, sono da sempre stati molto avvezzi a fare qualche puntatina alla roulette o al blackjack, senza dimenticare le famose slot machine. Per questione di comodità immaginiamo che gran parte dei nostri concittadini appassionati di questa tipologia di giochi abbia varcato i confini regionali per fare una capatina al Casino valdostano di Saint Vincent.

Certo, i casinò hanno un fascino unico che ti porta a vivere un’esperienza davvero indimenticabile in alcune circostanze, ma sembra che ormai da qualche anno, come evidenzia il noto giornalista Sergio Rizzo in un articolo pubblicato sul sito del Corriere della Sera, la situazione sia un bel po’ complicata dal punto di vista economico. Il casino di Saint Vincent nel solo 2014 ha perso 19,1 milioni di euro, 21,1 nel 2013 e 18,6 nel 2012 e che probabilmente continuerà a perdere anche quest’anno. Sarà colpa della crisi? Può darsi, ma è innegabile che ci siano anche delle concause da non sottovalutare. Prima fra tutti una cattiva gestione di questi luoghi pubblici e poi, aspetto niente affatto secondario, la nascita dei casinò on line che hanno di fatto rivoluzionato l’intero settore.

Provate ad immaginare un giocatore che d’inverno voglia svagarsi ma non ha nessuna voglia di mettersi in macchina per raggiungere un casinò terrestre, la soluzione più semplice e comodissima è quella di prendere il proprio notebook o meglio ancora il proprio smartphone ed iniziare a giocare con due semplici click. Insomma, se prima il gioco d’azzardo era molto di nicchia grazie alla rivoluzione dei casinò on line, diventati legali nel 2011 in Italia, è diventato ben presto un fenomeno di massa tanto da far registrare di anno in anno dei trend sempre più positivi. Tra i casinò on line più frequentati dagli italiani troviamo quello dell’agenzia Paddy Power, ma anche quello di Pokerstars, lanciato soltanto qualche mese fa, e William Hill. Come avrete notato quasi tutte multinazionali del gioco che hanno deciso di investire nel nostro Paese, e lo sapete perché? L’Italia rappresenta il 10% del mercato del gioco a livello globale. Non ve la prenderete allora se ci permettiamo di modificare la famosa massima che recita così: “Italiani popolo di santi, poeti e navigatori” aggiungendo anche la categoria dei giocatori...

Altri post di Andrea
LUG
5
Il mese di luglio coincide con il periodo dei ritiri dei club italiani, che devono sottoporsi ad un'accurata preparazione fisica e tattica per la partenza del campionato del 20 agosto, con amichevoli e tournée in giro per il mondo
LUG
3
Nel corso del 2016 gli italiani hanno giocato ben 95 miliardi di euro: 260 milioni al giorno, 3.012 euro al secondo. Un incremento di 7 miliardi di euro, ossia l’8% in più rispetto agli 88 miliardi spesi nell’anno precedente
GIU
28
Gli starlight però non stanno diventando popolari solo per il fascino che trasmettono ma anche perché possono essere utilizzati in mille modi differenti.
GIU
21
Negli ultimi anni il gioco d’azzardo si è mostrato come una realtà in continua a scesa in Italia, a discapito di altri tipo di intrattenimento, ma anche dei casinò classici, quelli presenti sul territorio
GIU
20
Per la prima volta è possibile misurare con precisione e cognizione di causa l’andamento dei PIR, e dopo tutta una serie di dichiarazioni e polemiche che si sono sprecate a favore o contro questi prodotti, si può tracciare un primo bilancio
Freetime
di Andrea
Tecnologia, lavoro e gioco: il mondo e' tutto online
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore