Artigiani intellettuali

+ Miei preferiti
Artigiani intellettuali
L’Encyclopédie, ou Dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers è stato un punto di svolta nella cultura umana. Fu l’ideologia che sottostava all’opera a renderla fondamentale. L’ Encyclopédie aveva il fine di essere la summa dell’intera conoscenza umana. Una raccolta di tutto scibile umano, ordinato e catalogato. La nascita del progetto che ha portato Diderot e d’Alembert a creare l’Enciclopedia fu la naturale conclusione di secoli di filosofia durante i quali si era lungamente cercato di creare un sistema che riuscisse a unificare l’intero universo. Paradossalmente il maggiore esempio storico di catalogazione del sapere è stato un totale fallimento e ha avuto il merito di dimostrare esattamente il contrario: l’impossibilità di catalogare il sapere. Le seguenti edizioni dell’Enciclopedia diventarono sempre più corpose fino a diventare impossibili da completare. La censura non aiutò gli enciclopedisti e il progetto si risolse in un fallimento. Non è possibile ordinare tutto ciò che l’uomo può conoscere.
 
Sono passati 230 anni e ci ritroviamo all’estremo opposto. Il sapere umano è diventato un insieme di infinite e scoordinate ramificazioni iper-specialistiche. Al giorno d’oggi l’interesse degli uomini di cultura non è più sapere tutto, è sapere tutto di un singolo argomento. Rivolgendosi all’alta cultura e alle scienze esatte questa tendenza raggiunge i propri massimi. Ci si trova davanti a altissimi intelletti che conoscono maniacalmente un solo argomento disprezzando praticamente tutto il resto. La concezione del dotto sette/ottocentesco che dedicava la sua intera esistenza alla conoscenza a tutto tondo è ormai fuori moda. 
 
Vedo in questo processo un ritorno al passato. Cambiano i tempi, non cambiano i modi. Nel medioevo le botteghe degli artigiani erano dei luoghi dove i maestri di un’arte comunicavano solo a pochi eletti i propri segreti. L’allievo lo faceva poi a sua volta con un proprio allievo e così via. Il fatto di essere gli unici a conoscere come produrre particolari materiali o prodotti garantiva agli artigiani e alle loro gilde un potere sproporzionato. In alcuni campi del sapere questo sta già succedendo, con professionisti o professori universitari che educano i propri pupilli sottopagati in modo da creare il loro perfetto rimpiazzo. E i pupilli sottopagati presto faranno lo stesso con altri pupilli probabilmente ancora più sottopagati. 
 
Artigiani intellettuali: grandissime menti che hanno trovato all’interno della parcellizzazione della cultura la propria nicchia di sapere specialistico che conservano con estrema gelosia. (blog di Pietro Franchitti)
Altri post di Pietro Franchitti
GIU
22
La sociologia ha sempre studiato con attenzione come sia possibile che in tutto il mondo popolazioni totalmente diverse condividano lo stesso metodo per conservare la memoria: le fiabe.
NOV
21
Moltissimi paesi sono arrivati a considerare la costruzione di muri una soluzione. Basta tenerli fuori o al massimo farli tornare indietro. Sono soprattutto i paesi est-europei a creare muri, noi centro europei siamo più civili...
NOV
10
La democrazia è un’invenzione greca ma ad Atene ad avere diritto di voto era una piccolissima percentuale, ritenuta qualificata, della popolazione...
MAR
13
Ufficialmente, in Italia dal 1934 fino a fine guerra non ha mai piovuto. Fra gli infiniti ordini trasmessi ai giornali c’era anche quello di non scrivere mai articoli su piogge, nubifragi e alluvioni...
NOV
30
A Parigi la televisione ha scatenato i reporter d’assalto, gli sciacalli, che in pochissimo tempo hanno intervistato chiunque si sia anche solo avvicinato ai luoghi degli attentati
Il domani di ieri
di Pietro Franchitti
Facebook Icon
Fornese, annata ’92. Recentemente laureato in una laurea triennale in Storia, sta continuando gli studi per la specialistica. Ha una particolare passione per la politica e il cinema. Si sta avvicinando al mondo del giornalismo, magari per farlo diventare in futuro la sua professione. Legge molto ma non perché è interessato alle storie: lo fa per vedere come, e cosa, scrivono i grandi autori, infatti la percentuale di libri che non finisce di leggere è altissima. Totalmente disinteressato a qualsiasi tipo di sport, sia visto che praticato, è un forte sostenitore della vita sedentaria e delle poltrone con lo schienale reclinabile.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore