Hey amico, vuoi un tiro di rivoluzione?

+ Miei preferiti
Hey amico, vuoi un tiro di rivoluzione?
Alle ideologie si può credere come no. Io provo una grande tristezza nel pensare al loro fallimento. È un dramma esistenziale: degli esseri umani hanno sacrificato tutto quello che avevano. Tempo, soldi, famiglia e in alcuni casi la loro stessa vita. E il tutto per? Per ritrovarsi sconfitti, demonizzati o ancora peggio esorcizzati: è stato tutto inutile.
 
Ernesto Guevara, detto "Che" perché come tutti gli argentini usava questa parola come intercalare, era figlio di "borghesi", di borghesi benestanti. Era una persona di grandissima empatia e aveva studiato medicina. A casa di amici aveva incontrato l'avvocato e giornalista Fidel Castro. Fidel era comunista, anzi per meglio dire era un comunista rivoluzionario e aveva una grande idea in mente: “liberare” Cuba. Ernesto, ipnotizzato dalla parlantina e dalle idee stesse del nuovo amico, decide di seguirlo.
 
L'impresa, contro ogni previsione, riesce e a Cuba nasce un regime comunista. Ma Ernesto non è contento. A suo modo di vedere, nel mondo, c'è ancora fin troppa miseria. Diventa rivoluzionario di professione. Muore in Bolivia mentre cerca di liberare un popolo che in realtà, di essere "liberato", non era poi così contento. La più grande sfortuna di Ernesto è stata quella di essere un bell'uomo, un bell'uomo incredibilmente carismatico. È bastata una sola foto, scattata da Elliott Erwitt, per distruggerne l'intera impresa. 
 
Ora capita molto spesso di vedere il suo sguardo volitivo, ridotto ai toni del nero risaltare da magliette rosse indossate da persone di tutti i tipi, "Ernesto chi?". C'è persino una marca di sigarette col suo nome. Si può credere o non credere negli ideali in cui lui credeva ma c'è qualcosa di incredibilmente triste in questa tragedia degli opposti in cui un uomo finisce per diventare strumento di coloro che ha combattuto. Non si sa dove sia sepolto Ernesto Guevara, ma sono sicuro che ormai si sia persino stancato di rivoltarsi nella tomba.
Altri post di Pietro Franchitti
NOV
21
Moltissimi paesi sono arrivati a considerare la costruzione di muri una soluzione. Basta tenerli fuori o al massimo farli tornare indietro. Sono soprattutto i paesi est-europei a creare muri, noi centro europei siamo più civili...
NOV
10
La democrazia è un’invenzione greca ma ad Atene ad avere diritto di voto era una piccolissima percentuale, ritenuta qualificata, della popolazione...
MAR
13
Ufficialmente, in Italia dal 1934 fino a fine guerra non ha mai piovuto. Fra gli infiniti ordini trasmessi ai giornali c’era anche quello di non scrivere mai articoli su piogge, nubifragi e alluvioni...
NOV
30
A Parigi la televisione ha scatenato i reporter d’assalto, gli sciacalli, che in pochissimo tempo hanno intervistato chiunque si sia anche solo avvicinato ai luoghi degli attentati
OTT
17
I dittatori totalitari hanno bisogno di dimostrare un potere inesistente per intimorire i nemici interni ed esterni
Il domani di ieri
di Pietro Franchitti
Facebook Icon
Fornese, annata ’92. Recentemente laureato in una laurea triennale in Storia, sta continuando gli studi per la specialistica. Ha una particolare passione per la politica e il cinema. Si sta avvicinando al mondo del giornalismo, magari per farlo diventare in futuro la sua professione. Legge molto ma non perché è interessato alle storie: lo fa per vedere come, e cosa, scrivono i grandi autori, infatti la percentuale di libri che non finisce di leggere è altissima. Totalmente disinteressato a qualsiasi tipo di sport, sia visto che praticato, è un forte sostenitore della vita sedentaria e delle poltrone con lo schienale reclinabile.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore