Kim Jong-BOOM ovvero la mania di grandezza dei piccoli uomini

+ Miei preferiti
Kim Jong-BOOM ovvero la mania di grandezza dei piccoli uomini
Alle celebrazioni per i 70 anni del Partito dei Lavoratori, il partito comunista al potere in Corea del Nord, l’illuminato leader supremo Kim Jong-Un ha fatto uno sfoggio di muscoli facendo sfilare in parata ingenti quantità di uomini e mezzi militari. Dal palco ha poi arringato la folla rilanciando il consueto attacco agli “imperialisti americani”. Ha anche affermato che la ricerca nucleare nei suoi laboratori sta procedendo e che i suoi scienziati sono riusciti a creare una testata abbastanza piccola da essere installata sulla testa di un missile balistico. Gli esperti internazionali concordano nell’affermare l’impossibilità di un simile traguardo per l’arretrata scienza nordcoreana, ma la certezza non c’è. I dittatori totalitari hanno bisogno di dimostrare un potere inesistente per intimorire i nemici interni ed esterni.
 
Torniamo indietro al 1939. Nei primi giorni di settembre Hitler inizia la Seconda Guerra Mondiale attaccando la Polonia.
E’ l’anno XVII del regime fascista. L’Italia arriva dalle vittorie coloniali, tanto brutali quanto inutili. Si è vinto solamente perché si è combattuto contro popoli totalmente disarmati e fortemente arretrati. Ma la guerra che si sta preparando in Europa è tutt’altra cosa. Siamo alleati con gli sconfitti della Prima Guerra Mondiale. Tutti i paesi del continente hanno passato gli ultimi vent’anni impegnati in una corsa agli armamenti sicuri che la guerra, prima o poi, sarebbe tornata. L’Italia è indietro di almeno dieci anni. I carri armati sono fragili e lenti, i fucili sono ancora quelli usati nelle trincee del Carso, le uniformi sono le stesse per tutti i teatri di guerra: troppo calde per il deserto del Nord Africa e troppo fredde per le distese gelate della Russia.
 
Ma l’alleato germanico preme perché ha bisogno di aiuto.  Il 10 Giugno 1940 Mussolini, dal balcone di palazzo Venezia inizia il suo discorso con il famosissimo “Combattenti…”: l’Italia entra in guerra. Va subito tutto malissimo. Attacchiamo su quattro fronti. Riusciamo, non si sa bene come, a perdere contro i francesi, il cui paese è già stato invaso. Rommel usa gli arretrati ma combattivi italiani per creare copertura ai suoi carri nel deserto. In Russia finisco i carri armati gialli che avrebbero dovuto finire nel deserto, le scarpe si sciolgono, i cannoni e i fucili si inceppano. In Grecia veniamo sconfitti da un paese che non ha nemmeno un esercito regolare. L’ansia di dimostrare l’inesistente grandezza dell’Italia fascista porta al massacro centinaia di migliaia di giovani. Il paese ne esce distrutto e sconfitto.
 
Tutti i regimi, anche i più brutali hanno bisogno dell’appoggio della popolazione per sopravvivere. Ed è molto più facile unire le persone CONTRO un nemico comune. Finché la propaganda rimane tale, utile solo a conservare il potere dei dominatori, i suoi danni sono limitati. Il problema è quando sfugge di mano e alla guerra ideologica e propagandistica si sostituisce quella vera. Bisogna anche ricordare che le persone con forti ideologie e poco da perdere sono le più pericolose.
Altri post di Pietro Franchitti
NOV
21
Moltissimi paesi sono arrivati a considerare la costruzione di muri una soluzione. Basta tenerli fuori o al massimo farli tornare indietro. Sono soprattutto i paesi est-europei a creare muri, noi centro europei siamo più civili...
NOV
10
La democrazia è un’invenzione greca ma ad Atene ad avere diritto di voto era una piccolissima percentuale, ritenuta qualificata, della popolazione...
MAR
13
Ufficialmente, in Italia dal 1934 fino a fine guerra non ha mai piovuto. Fra gli infiniti ordini trasmessi ai giornali c’era anche quello di non scrivere mai articoli su piogge, nubifragi e alluvioni...
NOV
30
A Parigi la televisione ha scatenato i reporter d’assalto, gli sciacalli, che in pochissimo tempo hanno intervistato chiunque si sia anche solo avvicinato ai luoghi degli attentati
NOV
1
Alle ideologie si può credere come no. Io provo una grande tristezza nel pensare al loro fallimento. È un dramma esistenziale...
Il domani di ieri
di Pietro Franchitti
Facebook Icon
Fornese, annata ’92. Recentemente laureato in una laurea triennale in Storia, sta continuando gli studi per la specialistica. Ha una particolare passione per la politica e il cinema. Si sta avvicinando al mondo del giornalismo, magari per farlo diventare in futuro la sua professione. Legge molto ma non perché è interessato alle storie: lo fa per vedere come, e cosa, scrivono i grandi autori, infatti la percentuale di libri che non finisce di leggere è altissima. Totalmente disinteressato a qualsiasi tipo di sport, sia visto che praticato, è un forte sostenitore della vita sedentaria e delle poltrone con lo schienale reclinabile.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore