La scelta migliore

+ Miei preferiti
La scelta migliore
17 Dicembre 2010: Mohamed Bouazizi si suicida dandosi fuoco in piazza per protestare contro i maltrattamenti subiti dalla polizia. Il suo gesto estremo provoca una reazione a catena che porta alla rivoluzione ben quindici paesi del Nord Africa. Il movimento viene rapidamente denominato “Primavera Araba”. Quattro capi di Stato (Zine El-Abidine Ben Ali, Hosni Mubarak, Muhammar Gheddafi e Ali Abdullah Saleh) vengono costretti alle dimissioni e a volte uccisi. Il 20 Ottobre 2011, dopo una lunga fuga, viene catturato e ucciso Gheddafi uno dei leader al potere da più tempo e dalla reputazione più sanguinaria. L’intero occidente, guardando le immagini del volto tumefatto del leader libico, festeggia “il ritorno della democrazia”. Ma la democrazia è davvero tornata?  
 
Dopo cinque anni dalle Primavere Arabe la situazione non è esattamente quella che ci eravamo aspettati. Donne in bikini, coca cola per tutti e libertà d’espressione non sono diventati parte del mondo arabo. Quasi tutti i paesi, quando sono stati chiamati al voto, hanno scelto partiti islamici e conservatori. In molti altri paesi i regimi non sono mai finiti, c’è solo stato un cambio di leader. La democrazia ha quindi fallito?
 
Io credo che la risposta sia diversa: non si tratta di un fallimento della democrazia, si tratta di un fallimento dell’universalizzazione. Ciò che è sbagliato è pensare che chiunque, messo davanti alla scelta tra la democrazia e qualsiasi altro sistema di governo, sceglierà invariabilmente la democrazia. La storia ci insegna che non è così. La democrazia è solamente la risposta dell’Occidente, nato dalla tradizione greca, alla domanda: qual è il miglio metodo di governo?
 
Il vero problema è un altro. Ultimamente anche noi occidentali cominciamo a chiederci se la democrazia sia la risposta migliore. Le elezioni americane, in cui milioni di persone di scarsissima cultura decidono le sorti del mondo, ci mettono paura. Non ho sicuramente l’autorità e la conoscenza per poter procedere io stesso a una critica della democrazia. Posso però stimolare una riflessione: la democrazia è un’invenzione greca ma ad Atene ad avere diritto di voto era una piccolissima percentuale, ritenuta qualificata, della popolazione. (blog di Pietro Franchitti)
Altri post di Pietro Franchitti
NOV
21
Moltissimi paesi sono arrivati a considerare la costruzione di muri una soluzione. Basta tenerli fuori o al massimo farli tornare indietro. Sono soprattutto i paesi est-europei a creare muri, noi centro europei siamo più civili...
MAR
13
Ufficialmente, in Italia dal 1934 fino a fine guerra non ha mai piovuto. Fra gli infiniti ordini trasmessi ai giornali c’era anche quello di non scrivere mai articoli su piogge, nubifragi e alluvioni...
NOV
30
A Parigi la televisione ha scatenato i reporter d’assalto, gli sciacalli, che in pochissimo tempo hanno intervistato chiunque si sia anche solo avvicinato ai luoghi degli attentati
NOV
1
Alle ideologie si può credere come no. Io provo una grande tristezza nel pensare al loro fallimento. È un dramma esistenziale...
OTT
17
I dittatori totalitari hanno bisogno di dimostrare un potere inesistente per intimorire i nemici interni ed esterni
Il domani di ieri
di Pietro Franchitti
Facebook Icon
Fornese, annata ’92. Recentemente laureato in una laurea triennale in Storia, sta continuando gli studi per la specialistica. Ha una particolare passione per la politica e il cinema. Si sta avvicinando al mondo del giornalismo, magari per farlo diventare in futuro la sua professione. Legge molto ma non perché è interessato alle storie: lo fa per vedere come, e cosa, scrivono i grandi autori, infatti la percentuale di libri che non finisce di leggere è altissima. Totalmente disinteressato a qualsiasi tipo di sport, sia visto che praticato, è un forte sostenitore della vita sedentaria e delle poltrone con lo schienale reclinabile.
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore