Andavo ai 100 all'ora!

+ Miei preferiti
Andavo ai 100 allora!
Durante l’estate escono alla radio i revaival di canzoni passate. Una di queste mattine mentre andavo a lavorare ho ascoltato la famosa canzone di Gianni Morandi «Andavo ai cento all’ora». Il paradosso è che poco dopo lo speaker, nel breve radiogiornale locale, ha parlato dei treni di Gtt sulla ferrovia Canavesana costretti a rallentare da 70 a 50 chilometri orari sulla tratta Settimo-Rivarolo Canavese. Così dal 27 agosto, con l'entrata in vigore dell'orario regolare, verrà soppressa la stazione di Feletto. 

Questo perché l'Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria ha considerato insufficienti le proposte in tema di sicurezza di Gtt, visto che la Canavesana, nonostante gli annunci sui lavori) è ancora priva del sistema SCMT, sistema di Controllo Marcia Treno, obbligatorio e fondamentale sulle ferrovie con un solo binario. Tra le disposizioni indicate dall'Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria c’è la riduzione della velocità a 50 chilometri l'ora. Per motivi di orari la fermata di Feletto verrà soppressa. Questa stazione, se non si ferma il treno, rischia di diventare fantasma, una perdita per quella Comunità ma una perdita pere tutti noi.

Insomma, oggigiorno invece di andare avanti torniamo indietro e il Canavese viene sempre di più marginalizzato negli spostamenti su rotaia... per non parlare di quelli su gomma. Permettetemi di citare una canzone cantata dal Battisti scritta dal grande Mogol: «Sì, viaggiare evitando le buche più dure...» . L’Italico paradosso è che mentre si discute sui progetti faraonici, le grandi opere e si spendono soldi nostri per rilanciare gli scali delle metropoli con ristoranti, librerie e servizi, fuori dalle città, le piccole e medie stazioni sono lasciate al loro destino e poco per volta abbandonate. Adesso tocca a Feletto: quale sarà la prossima? Politici locali, se ci siete, battete un colpo? (blog di Giorgio Cortese)

Altri post di Giorgio Cortese
AGO
14
Forse la vera sfida non è fermare l'immigrazione in maniera sorda o dare «dignita» al lavoro precario, ma dare la sicurezza a tutti noi perchè il ponte, il viadotto, la strada per andare al lavoro o il treno, non siano la nostra tomba...
AGO
5
Quando sono arrivato qui la prima cosa che ho visto è la stato lo spazio angusto è il lettino per dormire. Il momento migliore quando arrivava il pasto ed il tempo che non passava mai...
LUG
27
Questa è la serata dell'eclissi di Luna più lunga del secolo. Il cielo (meteo permettendo anche in Canavese) offrirà uno spettacolo unico...
LUG
22
Ogni giorno la vita ci riserva delle soprese e certo non avrei mai pensato di trovare una piccola rondine smarrita a terra dal suo primo volo fuori dal nido
LUG
11
Trovo agghiacciante che un calciatore professionista guadagni più di un medico, più di un infermiere, più di un carabiniere o di un vigile del fuoco...
Il quotidiano passo
di Giorgio Cortese
Facebook Icon
Impiegato bancario, dal 1978, i miei hobby ed interessi sono la famiglia, scrivere, leggere libri di Storia, giardinaggio. Donatore di sangue dal 1981, abito a Favria, con sincera passione innamorato del territorio in cui vivo
Le news del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese
Le notizie del Canavese le trovi su QuotidianoCanavese.it
Cronaca, politica, sport, musica e tempo libero: il Canavese in tempo reale!
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Ivrea, registrazione 1/2015

Chi siamo - Contatti - Per la tua pubblicità
Main Sponsor


Editore